La posizione dei CIP sulle previste immissioni in ruolo
C.I.P. Comitati Insegnanti Precari - 28-06-2008
I CIP, Comitati Insegnanti Precari, giudicano del tutto insufficienti le 25mila assunzioni di personale docente annunciate dal Ministero. Il numero di precari così stabilizzato rappresenta una quantità del tutto inadeguata a garantire la continuità didattica e a consolidare la qualità della scuola. "E' gravissimo - sottolinea Maristella Curreli, presidente nazionale dei CIP - che ancora una volta una legge dello Stato sia stata disattesa. Cambiare il sistema di reclutamento, come annunciato dal ministro Gelmini, deluderà le legittime aspettative di quanti da anni attendono una collocazione definitiva nel mondo della scuola".

I CIP continueranno a lottare per la stabilizzazione del personale docente attualmente impiegato in regime di precarietà e per l'attuazione integrale del piano d'assunzione di 150.000 docenti precari previsto dalla legge finanziaria 2007. I Cip ribadiscono, inoltre, la necessità di attuare il completo svuotamento delle Graduatorie ad Esaurimento da compiersi mediante l'assunzione di tutti i docenti precari. Solo così si cancellerà dalla scuola italiana la precarietà lavorativa e, di conseguenza, quella didattica che da sempre penalizza le aree geografiche e sociali più svantaggiate del Paese.

C.I.P.- Direttivo Nazionale


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf