breve di cronaca
Cattedra: Cambiano le regole, accesso solo con concorso
Il Tempo.it - 04-07-2007
Scuola, cambia tutto. È una rivoluzione, almeno per quanto riguarda le regole che conducono all'insegnamento. Finita l'era delle graduatorie dei precari: d'ora in poi l'accesso alla cattedra avrà luogo esclusivamente attraverso i concorsi pubblici.

È il succo della decisione di ieri: la Commisione bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla Finanziaria grazie al quale l'assunzione degli insegnanti passerà attraverso concorsi ordinari, che avranno cadenza biennale.
Intanto cresce il coro delle proteste. Ai docenti precari della scuola italiana la Finanziaria 2008 non piace affatto: la disapprovazione è contenuta in un documento emesso dal direttivo nazionale Comitati insegnanti precari, dal quale emerge che i previsti tagli da applicare alla scuola pubblica - riduzioni progressive dei finanziamenti per la scuola per 515,9 milioni nel 2008, 637,2 milioni nel 2009, 1.158,5 milioni nel 2010 e 1372,7 milioni nel 2011 - creeranno scompensi alla qualità dell'offerta formativa e obbligheranno tanti docenti vincitori di concorso a rinviare ancora una volta la loro assunzione in ruolo.
In particolare i Cip giudicano negativamente il provvedimento che prevede la riconversione obbligatoria degli insegnanti di ruolo, ma senza più cattedra, soprattutto alle superiori.
"Ai corsi, organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione, potranno accedere i docenti in ruolo - spiegano i precari - anche se privi del titolo di studio richiesto per quella disciplina, e quelli precari solo se in possesso del titolo occorrente".
Anche nella Finanziaria dello scorso anno c'era un'indicazione di questo tipo: "La novità - specificano dal Cip - è solo nella dilazione dei termini a tutto il 2010 e non più all'anno scolastico in corso. L'obiettivo, invece, è illogico ma chiaro: sottoporre i tanti insegnanti di ruolo privi di cattedra a corsi intensivi al termine dei quali si ritroveranno abilitati ad insegnare materia non loro o licenziarli".

discussione chiusa  condividi pdf