breve di cronaca
La razza umana
Repubblica - 15-05-2007
Bologna, 9 maggio 2007

Spettabile La Repubblica, Egr. dott. Corrado Augias

vorremmo proporLe alcune riflessioni in merito alla lettera del sig. Claudio Poverini pubblicata su La Repubblica del 7 maggio. Lettera in cui si manifesta la preoccupazione di un uomo di sinistra di diventare razzista, alla quale hanno fatto eco interventi del sindaco di Roma Veltroni, del sindaco di Padova Zanonato, del sindaco di Bologna Cofferati, e su altri organi di stampa del sindaco di Torino Chiamparino. Sindaci, tutti, di città governate dal centro sinistra e tutti concordemente tesi a rassicurare che la questione immigrazione/sicurezza/legalità è questione anche di sinistra o meglio non è di destra né di sinistra, ma è di tutta la società; sottende preoccupazioni della gente e dunque va ascoltata e non liquidata né con il buonismo né con la criminalizzazione ma coniugando legalità e integrazione.

Lo stesso ministro dell'interno Amato (firmatario di un disegno di legge sull'immigrazione) si è indirettamente collegato alla questione e parlando dell'elezione di Sarkozy all'Eliseo ha plaudito al "messaggio efficace" del nuovo presidente francese secondo cui va garantita "una forte difesa dalla criminalità e dalle invasioni straniere" ma "senza escludere affatto la regolarizzazione caso per caso".

Insomma, il "nuovo" dibattito italiano è: l'immigrazione criminale o anche semplicemente maleducata o sporca o chiassosa o clandestina ci sta facendo diventare razzisti e noi non lo vogliamo, perché siamo di sinistra e dunque vogliamo una società aperta che sappia accogliere gli immigrati rispettosi della legalità ma che rinvii gli altri - gli illegali, i maleducati, gli irrispettosi - nel Paese di provenienza.

Sarebbe facile rispondere alle sollecitazioni del sig. Poverini e dei politici dicendo che nessuno di essi si è posto innanzitutto la domanda basilare in un "dibattito" sul razzismo e cioè: perché mi suscita più irritazione, più fastidio, più rabbia un atto criminale, o di maleducazione, compiuto da uno straniero, da un rumeno, da uno zingaro, da un marocchino, da un arabo, da un sudamericano, da un nero, da un cinese, rispetto ai sentimenti che mi provoca un atto identico (o magari più efferato) compiuto da un italiano o da un europeo o da un americano?

Sarebbe facile chiedere agli uomini di sinistra timorosi di diventare razzisti perché, pensando ai delitti "italiani" (innumerevoli ammazzamenti tra la criminalità organizzata, uccisioni crudelissime di minori, tra familiari, tra vicini, tra ex fidanzati ex amanti ex coniugi, ecc.), non si fermano mai sulla "italianità" dell'assassino ma cercano di indagare sulle ragioni che hanno spinto quella persona, quella madre, quel figlio, quell'ex marito, quel vicino di casa, quel ragazzo che butta sassi dall'autostrada, quel nipote che uccide il nonno che gli nega i soldi, a compiere un atto culturalmente contro natura quale l'omicidio.

Sarebbe facile chiedere e chiederci perché solo con gli stranieri, e solo con determinati stranieri, l'attenzione si sofferma sulla nazionalità, sul colore della pelle, sull'essere un immigrato.

Sarebbe facile rispondere a coloro che invocano legalità ed integrazione, ricordando che la giusta pretesa dell'adempimento dei doveri non può prescindere dalla effettiva fruizione dei diritti: e di questo non c'è grande traccia nella società italiana, ove nell'attesa non più prorogabile di una riforma della legge sull'immigrazione che sia consona ai principi della Costituzione, la precarietà della condizione dello "straniero" è la situazione comune, mentre nelle scuole i ragazzi "stranieri" non hanno adeguati programmi di inserimento né di sostegno, che sono "naturalmente" destinati a scuole professionali e raramente ai licei, che non hanno concretamente nessuna possibilità di salire la scala sociale, che anche per questo crescono nella frustrazione e nella disillusione di una migliore esistenza rispetto a quella dei loro genitori.

Sarebbe facile dire che pochissime sono le risorse finanziarie destinate a serie politiche sociali di integrazione degli immigrati, nonostante essi producano una significativa percentuale del PIL nazionale e tengano in piedi, da soli, il nostro welfare , accudendo i bambini, gli anziani e i malati.

Sarebbe facile ribattere che la legalità è quella cosa che noi per primi non rispettiamo, lasciando che migliaia di persone (italiani e stranieri, poco importa) muoiano sul lavoro, assistendo rassegnati a fenomeni di piccole prevaricazioni negli uffici pubblici, ad una giustizia che per essere tale si definisce nell'arco di decenni.

Sarebbe facile chiedere cos'è la legalità? Se è un concetto condiviso tra "noi italiani", se è solo la pretesa che gli "altri" rispettino le regole o se è un valore - prima che una legge - condiviso innanzitutto da "noi".

Sarebbe facile, anche, far notare che l'insicurezza sociale ha origini ben più complesse dell'immigrazione, ma che nell'immigrazione trova un diffuso e comodo recettore di paure, ansie, frustrazioni, un potente ansiolitico sociale.

Sarebbe, infine, facile evidenziare come i mass media possano essere uno dei più grandi veicoli di formazione della cultura razzista, allorché qualificano sempre e comunque l'immigrazione in termini nazionalistici e paventando invasioni aliene.

Ma non vogliamo fermarci a formulare queste facili domande retoriche e perciò Le proponiamo solo di ricordare ai Suoi lettori di sinistra ciò che rispose Albert Einstein quando si presentò alla frontiera USA per immigrare in quel paese in fuga dalla Germania nazista: dopo avere declinato le proprie generalità, alla domanda del poliziotto che chiedeva a quale razza appartenesse, Einstein rispose: "razza umana".

Questa è la questione che ogni donna e uomo, di sinistra o di destra, cittadino o straniero, cristiano o musulmano o buddista o laico, dovrebbero porsi. Tutto il resto sono vuote e sterili dissertazioni.


Lorenzo Trucco e Nazzarena Zorzella (avvocati dell'Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione ASGI)

discussione chiusa  condividi pdf