Come governare l'Italia
Lucio Garofalo - 09-03-2007
IL GOBBETTO NO-GLOBAL E IL CURATO DI CAMPAGNA

Ho letto di recente alcune dichiarazioni rilasciate dal senatore a vita Giulio Andreotti, il quale ogni tanto si lascia andare a esternazioni pubbliche controcorrente, che spiazzano un po' tutti.
In un'intervista, il gobbetto filo-clericale ha confessato di essere contrario al raddoppio della base NATO di Vicenza, affermando che ormai non esistono più le ragioni e le condizioni per autorizzare una presenza di così vaste dimensioni della NATO in Italia, dato che - aggiungo io - si tratterebbe comunque di svendere un pezzo del nostro territorio e della nostra sovranità e giurisdizione nazionale all'amministrazione statunitense, ossia a un'entità politico-militare straniera, per quanto la si possa ritenere nostra alleata e nostra amica.
Il gobbo di San Pietro (versione romanesca e democristiana di Quasimodo, il celebre gobbo di Notre-Dame de Paris) ha giustamente ricordato che l'Unione Sovietica e il Patto di Varsavia non esistono più da molto tempo, per cui "da chi dovremmo difenderci? Di certo non dal terrorismo perchè - cito testualmente le parole del senatore "pacifista" - il terrorismo non si combatte dagli aeroporti". Parole sante, in tutti i sensi. A onor del vero, bisogna riconoscere a Giulio quel che è di Giulio, per cui propongo di tributargli un sincero e caloroso applauso.
D'altronde, il senatore Andreotti non è affatto nuovo a questo tipo di esternazioni pubbliche, che potremmo definire "pacifiste" e persino "filo-terzomondiste".
Come quando si schierò apertamente a sostegno della causa palestinese, ammettendo che anche lui sarebbe potuto diventare un terrorista se fosse nato in un campo-profughi e fosse vissuto sin dall'infanzia in uno stato di oppressione del proprio popolo e di occupazione della propria terra natale da parte di truppe straniere.
Anche in tale circostanza non si può negare che il gobbetto no-global avesse ragione.
Il fatto è che se simili asserzioni le facesse un qualsiasi sconosciuto, un cittadino comune, il rischio minimo in cui potrebbe incorrere è di essere tacciato di filo-terrorismo, mentre se a rilasciarle è un personaggio potente e notoriamente moderato come il senatore a vita Giulio Andreotti, nessuno si azzarderebbe a muovergli simili accuse, anzi.
Insomma, mi chiedo con curiosità quali possano essere le reali intenzioni del gobbetto filo-CEI quando si lascia andare a simili esternazioni "antagoniste", dato che le sue frasi, le sue battute, i suoi ragionamenti, le sue scelte e le sue prese di posizione non sono mai in buona fede, ma nascondono sempre un secondo fine, poiché è noto a tutti che egli rappresenta il politico più cinico e spregiudicato nella storia dell'Italia repubblicana.
Non sarebbe affatto superfluo, né assurdo o illogico, nutrire qualche piccolo dubbio sulla sincerità delle dichiarazioni pubbliche rilasciate negli ultimi tempi dal senatore filo-papalino.
La svolta in senso anti-militarista di Andreotti punta forse ad accattivarsi le simpatie del popolo pacifista e del movimento no-global? Non sarebbe un'ipotesi improbabile, ma al momento se ne ignorano le motivazioni vere. Perché mai il "cardinale" dovrebbe desiderare tale risultato?
Ormai la carriera politica di Andreotti è giunta al culmine, e data la sua veneranda età non credo che egli possa cullare qualche altra ambizione come, ad esempio, quella diventare Presidente della Repubblica. Del resto, la nomina a senatore a vita dovrebbe essere il coronamento ufficiale e conclusivo della sua scalata ai massimi livelli delle istituzioni statali. Pertanto, mi chiedo quali aspirazioni o vanità segrete possa ancora coltivare il senatore a vita.
Sarebbe davvero interessante indagare e ricercare le effettive finalità delle esternazioni e delle posizioni politiche senili di Giulio Andreotti. Probabilmente egli mira semplicemente a riscattarsi agli occhi della nazione, in particolare della sinistra pacifista, per riabilitare la propria immagine e ripulire la propria coscienza. Oppure esistono davvero scopi reconditi, riconducibili a complesse strategie di politica interna e/o internazionale, di difficile interpretazione, che tutti noi ignoriamo, mentre solo lui conosce? Magari si tratta dell'ennesimo messaggio cifrato, espresso in codice (non da Vinci, ma da Andreotti, eh, eh, eh!) e rivolto al povero curato di campagna, il ragionier Don-Abbondio-Fracchia-Prodi. Come si usava ai tempi della vecchia Democrazia cristiana, quando il gobbo (Andreotti) e il nano (Fanfani) si disputavano il potere all'interno del partito a suon di minacce, ricatti e a colpi di dossier, ricorrendo pure alle opposte fazioni dei servizi segreti. Come dicono nella Roma capoccia ex-papalina: che lenze!
Oppure, in ultima analisi, si tratta di una questione peregrina, di nessuna importanza?
Come si suol dire, consegno ai posteri l'ardua sentenza.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf