Mario - anno scolastico 2003-2004
Mario Menziani - 07-07-2004
E’ indubbio che “i doveri dell’insegnante siano potentemente orientati anche verso risultati di educazione etica, sociale e di promozione della formazione della persona anche al di là degli aspetti strettamente didattici”.
Così scrive il P.M. ...
Mario Menziani - 23-06-2004
E così eccola qua l’estate. Stagione traghettatrice: fine del vecchio anno scolastico, inizio del nuovo. Così è da sempre, ma quest’anno lo è ancor di più, lo sanno tutti: l’anno che verrà sarà più nuovo che mai. Ciò che nessuno sa, invece, sono le ...
Mario Menziani - 05-06-2004
"Da grande voglio andare al Grande Fratello, poi a Parigi a fare l’archeologa con la mia amica", mi confida la ragazzina seduta al mio fianco, sul pullman, di ritorno dalla gita scolastica. Qualche fila di posti poco più avanti, fa bella mostra di sè un ragazzino che sembra disegnato da Pazienza. Manca solo l’eterna sigaretta dei suoi personaggi. Ma non è difficile pensarlo anche con questa, insieme agli amici in un qualche luogo più o meno appartato. Più o meno: a seconda della necessità di mettersi in mostra, di “scandalizzare” di “provocare”. E’, come ovvio, attorniato dalle ragazzine “più grandi”, è ammirato e invidiato da una marea di compagni dai capelli sparati, dai pantaloni larghi a mezza gamba, dalle casacche con i colori della squadra del cuore: tutto è molto “cartone giapponese”.

Urlano a più non posso. Urlano con le orecchie tappate da microcuffie dalle quali gracchiano gli MP3 alla moda. Urlano anche se sei lì, a due passi. Hanno davvero questa urgenza di farsi sentire? Sì, “sentire”. Non “ascoltare”, ma soltanto sentire, perchè poi non è importante la risposta: già sono distratti da qualcosa d’altro; già sono da un’altra parte. E forse quel che cercano davvero non è farsi sentire da qualcun altro, ma semplicemente riuscire a sentire se stessi. Affermarsi su tutto quel clamore.

Sono buffi. Lo spessore richiama quello del cartone animato. E quel “tu” indistinto che usano rivolgendosi a chiunque, non ha nulla a che fare con la contaminazione linguistica: è piuttosto il crollo malinconico di una qualsiasi parvenza di organizzazione sociale. E’ l’emblema della deriva di una società che non sa più educare i propri figli, che si nasconde dietro al non aver tempo, all’essere risucchiata nei vortici del “dover lavorare”. Vivono le loro giornate nascosti dietro all’immancabile telefonino, isolati dai ritmi dettati dai brani dell’onnipresente lettore cd, avvoltolati in se stessi davanti alla televisione, rapiti dall’iper realtà dei videogiochi. Trovano consolazione in montagne di cibo, in spese continue, in interminabili sedute dal parrucchiere.

Sono sempre più numerosi i genitori che ai colloqui vengono a dichiarare la resa: “Non so che cosa fare.” “Abbiamo provato di tutto”. “Anche alle elementari...”. Già, la soglia del “non c’è più niente da fare” si sposta sempre più in basso, fino a smascherare l’incredibile condizione di tanti adulti d’oggi: incapaci di riconoscere la differenza tra adulto e adolescente, tra adulto e bambino, si affannano ad essere amici o anche, di conseguenza, non amici dei propri figli.
Pensare in negativo non porta a nulla, se non a vedere tutto nero. La realtà, fortunatamente, è ben più complessa e articolata: il tutto, insomma, è più ricco e, di conseguenza, anche il positivo ci dovrà pur essere da qualche parte.


>>> contonua...
mario fermante - 05-06-2004

GRAVISSIMO: OMISSIONE IN ATTI DI UFFICIO !!!

Credo di non dire cosa nuova informando che in moltissime realtà del Paese giungono preoccupanti segnali di "oscurantismo". ISTANZE, MOZIONI, PETIZIONI dei genitori, dei docenti, ecc. protocollate e ...
Mario Ambel - 04-06-2004
La scuola dai doveri della Repubblica (di rimuovere gli ostacoli) a quelli del cittadino (di fare i salti mortali).

Comincia l’ultima fase della riforma Moratti e comincia subito male, molto male. E’ stato infatti approvato il decreto che, secondo il comunicato stampa del Ministero e le riprese un po’ frettolose dei giornali, sancisce “l’innalzamento dell’obbligatorietà scolastica fino a 18 anni”. In realtà non è così; si tratta di un’ennesima bugia mediatica. Anzitutto l’obbligo non viene innalzato, ma è stato prima abolito e poi trasformato in diritto/dovere. L’art.1 del decreto afferma infatti che l’” obbligo scolastico previsto dall’art. 34 della Costituzione” e l’” obbligo formativo” introdotto dal ministero Berlinguer fino a 18 anni “sono ridefiniti ed ampliati, […] come diritto all’istruzione e formazione e correlativo dovere”. A parte l’amenità di ridefinire con un decreto applicativo di una legge delega il senso dell’ articolo 34 della Costituzione, diventa decisivo capire che cosa si voglia intendere per diritto-dovere. Chi si riconosce in formule come “scuola della Repubblica” o “scuola secondo Costituzione” sa che l’articolo costituzionale cui si è sempre fatto riferimento, per delineare i rapporti fra scuola e “Repubblica”, è l’art.3. Bene da oggi, secondo il centrodestra, la scuola cambia articolo costituzionale di riferimento: non più l’art. 3, ma il secondo comma dell’art.4! Il decreto afferma che la “fruizione dell’offerta di istruzione e formazione costituisce per tutti”, compresi “i minori stranieri presenti nel territorio dello Stato”, un “dovere sociale ai sensi dell’art.4 secondo comma della Costituzione”.


>>> continua...
Mario Menziani - 13-05-2004
La scuola media nel contesto locale. Riflessione su Modena

1.

Consideriamo, per prima cosa, la ragazza o il ragazzo che, giunto in terza media dovrà effettuare forse la prima scelta importante circa il suo futuro.

Si tratta di un preadolescente. Cioè di quell’individuo che va definendosi in relazione ad un maggiore o minore distacco dalla famiglia, ad una maggiore o minore influenza delle amicizie, ad un maggiore o minore rapporto con la scuola, in un processo così straordinariamente vario per tempi e modi che permette di far coesistere all’interno di questa fascia d’età soggetti dalle caratteristiche anche molto diverse.
Così che, pur tra atti di concretezza e parziale coinvolgimento nelle grandi questioni morali e sociali, processi di insoddisfazione, difficoltà, devianza e marginalità si mescolano e confondono con processi di grande elasticità che si configurano in atteggiamenti variamente persistenti ed ordinati per i quali ancora sostegno e affettività sono cercate all’interno della famiglia; gioco, confidenza e condivisione sono appannaggio delle amicizie; conoscenza e relazioni, sono compiti della scuola.

Parliamo dunque di un soggetto che vive un’età di trasformazioni e cambiamenti così imponenti che portano alla formazione di abissi anche tra coetanei e, pur tuttavia, così spesso solamente apparentemente profondi e invalicabili, quanto in realtà collegati e uniti tra loro da imprevedibili ponti, da relazioni inaspettate e da insospettabili comunanze di interessi.
Si tratta di una personalità così ricca e articolata, così inestricabilmente complessa che rende impossibile un approccio meramente settoriale.

A cosa ci portano queste considerazioni?




>>> continua...

Mario Menziani - 31-03-2004
...o somaro chi l’ha scritta?

E così le strade dell’Emilia Romagna saranno tappezzate da manifesti sormontati dalla scritta “Asino chi non la legge”, con riferimento alla legge Moratti che, “secondo gli azzurri Isabella Bertolini, coordinatrice regionale del partito e vicepresidente del gruppo di FI alla Camera, e i consiglieri regionali Rodolfo Ridolfi, Andrea Leoni e Gianni Varani, tutti componenti della commissione scuola, è stata fatta oggetto, soprattutto in Emilia-Romagna, di una vera e propria «campagna di menzogne» da parte del centrosinistra e della giunta regionale” (Il Resto del Carlino 30.3.04)

Bene. Ben fatto: se chi parla della riforma (o critica), lo fa senza conoscere l’oggetto del suo discorrere (del suo criticare), be’ è giusto: si tratta sicuramente di un asino, ben venga allora la riproposizione delle vecchie punizioni: orecchie d’asino (o cappello con tanto di scritta) e in castigo dietro alla lavagna. Giusto, allora: “asino chi non la legge”!
Ma se chi scrive di scuola dovesse incorrere nello stesso errore? Se chi detta le norme della nuova scuola, dovesse, per strano caso, dimostrare di non sapere diche cosa si sta occupando? Non si tratterebbe di un qualcosa di ancor più meritevole del titolo di somaro?
Impossibile che accada? Niente è impossibile in questi tempi, dove persino le barzellette diventano (o stanno per diventare) legge: chi non ricorda l’esilarante “meno tasse per Totti”?


>>> continua...

Mario Menziani - 05-03-2004
Il personale docente e non docente della Scuola Media Ferraris di Modena, riunito in Assemblea Sindacale il giorno 4 marzo 2004,

preso atto che il Decreto Legislativo di attuazione della legge 53/2003 licenziato dal Consiglio dei Ministri il 23 ...
Mario Menziani - 13-02-2004
- Buona sera, lei è il signor Tarozzi, il padre di Marco? – chiese, non appena la porta gli fu aperta – Mi scusi per l’orario ma sarei venuto… sa io sono il tutor che …
Tarozzi impallidì. Non era possibile: un altro tutor! Ancora? Marco aveva appena ...
Mario Fermante - 12-02-2004
Ho scoperto una chicca e ho spedito questa lettera a C. Augias

Caro Augias,

vorrei sottolineare la determinazione del Ministro Moratti in fatto di "informazione" sulla riforma della Scuola.
Ieri l'altro mi capita tra le mani un opuscolo, ...
Mario Menziani - 04-02-2004
Si rivolge direttamente ai ragazzi che stanno per lasciare le scuole elementari il ministro Letizia Moratti in un nuovo opuscolo divulgativo interamente dedicato alla nuova scuola media, o meglio alla “secondaria di primo grado”: l’ultimo anello ...
Mario Fermante - 31-01-2004
Carissimi genitori, ho una proposta pazza per voi :
per darci una visibilità insuperabile propongo di portare il nostro dissenso alla Moratti negli stadi dove la domenica si catalizza l'attenzione di metà della popolazione italiana attraverso:
...
Espo, Kekko, Robi, Samantha, Mauri, Gianmario - 17-01-2004
Bombay, report 1

Basta un viaggio in taxi dall`aeroporto al posto dove devi andare per capire che l`India non e` quella di Boldi e De Sica. Si sale in macchina, su una delle tante e tutte uguali Fiat 1100 nere e gialle, e si viene catapultati in ...
Selezione interventi
Ultimi interventi
Anno scolastico 2000 - 2001
Anno scolastico 2001 - 2002
Anno scolastico 2002 - 2003
Anno scolastico 2003 - 2004
Anno scolastico 2004 - 2005
Anno scolastico 2005 - 2006
Anno scolastico 2006 - 2007
Anno scolastico 2007 - 2008
Anno scolastico 2008 - 2009
Anno scolastico 2009 - 2010
Anno scolastico 2010 - 2011
Anno scolastico 2011 - 2012
Anno scolastico 2012 - 2013
Anno scolastico 2013 - 2014
Anno scolastico 2014 - 2015
Anno scolastico 2015 - 2016
Anno scolastico 2016 - 2017
Anno scolastico 2017 - 2018
Anno scolastico 2018 - 2019
Anno scolastico 2019 - 2020
Anno scolastico 2020 - 2021
Anno scolastico 2021 - 2022