spazio forum DIDAweb spazio forum DIDAweb
23 Gennaio 2022 - 12:35:15 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Benvenuti nello spazio forum del DIDAweb.

Per segnalazioni o richiesta di informazioni, non esitare a contattarci all'indirizzo forum@didaweb.net
 
   Home   Help Ricerca Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Santino Spinelli - dieci idee per migliorare la situazione di Rom e Sinti  (Letto 2228 volte)
Luisa
Administrator
Sr. Member
*****
Posts: 358


Guarda Profilo
« il: 08 Giugno 2008 - 02:19:25 »

La situazione dei rom non è buona
Il decalogo di Santino Spinelli per migliorarla

di Sara De Carli (s.decarli@vita.it)

06/06/2008

L'8 giugno a Roma si terrà la prima manifestazione in Italia promossa da associazioni di Rom e Sinti. Un corteo di protesta contro i segnali di discriminazione. E proposte concrete 

 
Domenica 8 giugno, a partire dal Colosseo un corteo antirazzista sfilerà per le vie di Roma, per gridare “no” a nuovi genocidi. “Fermiamo il genocidio culturale” è la prima manifestazione in Italia promossa da associazioni di Rom e Sinti con il sostegno di associazioni di volontariato, artisti, intellettuali, docenti italiani (tra i firmatari Pier Virgilio Dastoli, Gianni Vattimo, Rita Bernardini, Gian Antonio Stella, Carla Osella, Alberto Asor Rosa, Marco Revelli, Pap Khouma).

La giornata vuole essere un'occasione per interrompere il silenzio sugli atti discriminatori nei confronti di Rom e Sinti, ma anche per ragionare sulla costituzione di una Consulta nazionale Rom costituita dalle 19 associazioni Rom e Sinti aderenti alla Federazione nazionale e da tutte le altre associazioni che vogliano confrontarsi e lavorare rispetto al tema dei diritti delle popolazioni Rom e Sinti in Italia. In questi giorni, infatti, si susseguono i segnali di una maturazione dei Rom e Sinti nel desiderio di partecipazione in prima persona alle decisioni che li riguardano, senza passare necessariamente attrraverso il filtro delle associazioni di volontariato e assistenza che storicamente li hanno finora rappresentati.
La manifestazione di Roma è promossa in prima persona da Alexian Santino Spinelli, musicista Rom, docente delle Università di Torino, Trieste, Chieti. Qui di seguito le sue “dieci idee per milgiorare la situazione dei Rom e Sinti in Italia”.


1)La sicurezza e la legalità vanno garantite a tutti, Rom e Sinti compresi.

2) Ristabilire la legalità riguardo la palese violazione dei più elementari diritti umani nei confronti delle diverse comunità romanès in Italia, costrette a vivere in condizioni disumane e fortemente discriminate in netto contrasto con la Costituzione Italiana, con la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e con le normative europee ed internazionali.

3) Smantellare i campi nomadi, che sono pattumiere sociali degradanti e frustranti, centri di segregazione razziale permanente ed emblema della discriminazione. I Rom e Sinti non sono nomadi per cultura. La mobilità è sempre coatta e mai una scelta. Chi vive oggi nei campi nomadi ieri aveva le case in Romania o nella ex-Jugoslavia. Il 70% della popolazione romanì in Italia ha cittadinanza italiana e vive nelle case (l'arrivo risale al XV secolo)

4) Facilitare l' accesso alle case popolari con pari opportunità o sviluppare insediamenti urbanistici non ghettizzanti, facilitando anche l'utilizzo dei servizi pubblici. Favorire il più possibile l'accesso alla scolarizzazione, al lavoro e all'assistenza sanitaria alle famiglie di Rom e Sinti più disagiate.
5) Promuovere l'integrazione, anche attraverso i Fondi Europei, con programmi specifici riguardanti la popolazione Romanì per evitare la facile strumentalizzazione di far credere che l'integrazione dei Rom e Sinti in Italia passa attraverso le tasche degli italiani.

6) Arrestare il processo di demonizzazione e di criminalizzazione di un intero popolo. Sono i singoli che hanno un nome e cognome a sbagliare e che devono essere puniti e non l'etnia di appartenenza.

7) Promuovere la conoscenza della storia, della cultura, dell'arte e della lingua dei Rom e Sinti per combattere gli stereotipi negativi e favorire l'integrazione. Attualmente si dà in 99% di spazio mediatico alla cronaca e l'1% di spazio agli eventi culturali che pur si organizzano sull'intero territorio nazionale (Festivals, concerti, mostre, esposizioni, convegni, rassegne cinematografiche, concorsi letterari, etc). E' chiaro che questa disparità non può avere effetti positivi.

8 ) Prendere atto del palese fallimento dell' assistenzialismo delle associazioni di volontariato che si sono arrogate il diritto di rappresentare il popolo Rom. Si sperperano annualmente centinaia di migliaia di euro per progetti di scarso o nessun valore per i Rom e Sinti.

9) Creare una consulta in Italia di intellettuali Rom e Sinti che abbiano una esperienza internazionale sulle problematiche concernenti la realtà delle comunità romanès che possa favorire la mediazione nella risoluzione dei problemi sociali e politici.

10) Favorire il più possibile il processo di integrazione a coloro i quali dimostrano una chiara volontà di partecipazione sociale evitando di porre sullo stesso piano chi merita e chi delinque. I modelli positivi devono essere esaltati per essere una valida attrattiva per combattere l' esclusione sociale e l'emarginazione culturale. 
 
http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=94622
« Ultima modifica: 08 Giugno 2008 - 10:10:25 da Amministratore » Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by SMF 1.1.20 SMF © 2006-2008, Simple Machines