spazio forum DIDAweb spazio forum DIDAweb
03 Febbraio 2023 - 11:16:25 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Benvenuti nello spazio forum del DIDAweb.

Per segnalazioni o richiesta di informazioni, non esitare a contattarci all'indirizzo forum@didaweb.net
 
   Home   Help Ricerca Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Pavia, appello contro la "schedatura"  (Letto 2160 volte)
Luisa
Administrator
Sr. Member
*****
Posts: 358


Guarda Profilo
« il: 02 Luglio 2008 - 10:11:49 »

Pavia, appello contro la "schedatura"
 
In questi giorni molti pavesi avranno sentito o letto che il Ministro Maroni intende “censire” tutti i Sinti e i Rom che abitano nei “campi nomadi”. Nell’opinione pubblica si è diffusa la percezione che questa sia solo una proposta, non è così.

Le tre ordinanze del presidente Berlusconi, emanate il 30 maggio scorso, ordinano ai Prefetti nominati Commissari in Lombardia, Lazio e Campania di provvedere alle seguenti azioni:

- “monitoraggio dei campi autorizzati in cui sono presenti comunità nomadi ed individuazione degli insediamenti abusivi” (articolo 1, comma 2, punto “b”);

- “identificazione e censimento delle persone, anche minori di età, e dei nuclei familiari presenti nei luoghi di cui al punto b), attraverso rilievi segnaletici” (articolo 1, comma 2, punto “c).

Quindi è indubbio che nelle prossime ore il Prefetto Lombardi (Commissario per la Lombardia) ordinerà il rilievo segnaletico di ogni individuo presente nei “campi nomadi”. Purtroppo, essendo Pavia in Lombardia, saranno oggetto di foto segnaletica e rilievo delle impronte digitali anche una parte di pavesi: Cittadini italiani, iscritti all’anagrafe cittadina e in maggioranza nati a Pavia.

Riteniamo tale provvedimento inutile e discriminatorio. Inutile, perché il Prefetto Lombardi potrebbe acquisire i dati precisi sulla presenze nei cosiddetti “campo nomadi” di Pavia, direttamente dall’anagrafe comunale. Discriminatorio perché porterà a fotosegnalare dei bambini in tenera età e non solo per la sola “colpa” di vivere in un “campo nomadi”. Inoltre, non ci sarebbe nessun controllo su come questi dati sarebbero utilizzati, tant’è che lo stesso Garante per la privacy ha rilevato che tali modalità potrebbero coinvolgere delicati problemi di discriminazione, che possono toccare anche la dignità delle persone e specialmente dei minori.

Per queste ragioni facciamo appello al Sindaco di Pavia, al Presidente della Provincia, alle Forze politiche e alla Società civile perché anche in concerto con la Prefettura di Pavia si scongiuri questa “schedatura” ingiustificata.

Per aderire, inviare una mail a: www.forem@yahoo.it
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by SMF 1.1.20 SMF © 2006-2008, Simple Machines