centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Educazione linguistica Italiano come lingua seconda
Educazione linguistica Italiano
Indagine Censis, la paura del futuro - Le due medicine

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione permanente
Tipologia: Materiale per esercitazioni

Abstract:
Indagine Censis, la paura del futuro
Le due medicine
di DARIO DI VICO

È ormai all’incirca un anno che si discute di impoverimento dei ceti medi. La riflessione ha riguardato non solo il mondo politico ma ha investito il ruolo di quanti, come l’Istat o i giornali, hanno il compito di certificare i cambiamenti o di informare l’opinione pubblica. Non è mancato anche qualche ingenuo tentativo di forzatura politica, quasi fosse possibile riciclare consolidate tradizioni sotto la nuova forma del «partito della quarta settimana». Il contributo forse più completo è venuto dall’indagine biennale che Banca d’Italia dedica ai bilanci delle famiglie italiane.

Ricerca che se da una parte ha escluso l'incremento dell'area della povertà ha anche detto a chiare lettere come la grande partita della distribuzione del reddito abbia penalizzato il lavoro dipendente e le famiglie operaie. Ieri il Censis nella sua annuale radiografia della società italiana è tornato sull'argomento e Giuseppe De Rita ci ha consegnato due avvertenze: a) la paura di impoverire è più forte dell'impoverimento reale; b) c'è un consistente aumento degli investimenti immobiliari delle famiglie e un buon incremento di quelli mobiliari. Dunque attenzione a fare dell'allarmismo, l'inflazione viaggia ormai stabilmente sotto la quota del 2% e questa performance ci colloca tra i virtuosi d'Europa. Lo shock da euro legato a un cambio della moneta gestito senza un adeguato livello di informazione e controllo ormai sembra riassorbito (grazie anche al sommerso) e la striscia dell'aumento dei prezzi si è fermata. Ci sono, dunque, tutte le condizioni per sanare la ferita e far ripartire i consumi.

Ma così non è. Il Natale che ci aspetta si segnala come uno dei più parchi degli ultimi anni e i commercianti sono legittimamente preoccupati di ritrovarsi all'Epifania con vetrine e scaffali ancora pieni. Imprese e famiglie rinviano le decisioni sull'acquisto di beni durevoli e anche i consumi leggeri sono segnalati in ristagno. Basta dare un'occhiata agli annunci pubblicitari per rendersi conto di come la comunicazione verta quasi sempre sull'annuncio di sconto. Di fronte a questa contraddizione diversi osservatori se la prendono con la maledetta «percezione», quella pazza idea di esser più fragili che si è impadronita degli italiani. Ma da sempre - lo ricordano anche i classici - i mercati di un'economia capitalistica si fondano su percorsi di suggestione collettiva. Pertanto conoscere e studiare lo stato d'animo d'un Paese serve ad allargare il perimetro delle democrazie post-moderne e può fornire ai decisori un importante test dei loro interventi. In società così altamente esposte ai media fare i conti con la percezione popolare sarà dunque una regola non un'eccezione. Occorrerà quindi chiedersi perché a onta delle statistiche ufficiali il sentimento del Paese resti negativo o per dirla con De Rita «la società abbia silenziosamente scelto di assestarsi sul suo ieri e sul suo altroieri». Interrompendo quel processo di modernizzazione che a tratti ci ha fatto sentire più europei che italiani. Sommando, infatti, tutti gli spunti che il Censis come ogni anno ci regala è questa la sintesi: la modernizzazione italiana si è interrotta e le culture che pure l'avevano sospinta oggi balbettano. Sarà colpa del lungo ciclo di mancata crescita come sostengono in tanti o la politica (d'ogni colore) ha commesso troppi errori e sprecato occasioni d'oro? Di sicuro in questi ultimi anni valori mobilitanti, come il merito o il rischio, si sono pesantemente svalutati e anche questo ha concorso al nostro impoverimento. Bisognerà ripartire da lì, rimettere in circolazione quelle parole d'ordine. Anche perché nessuno può pensare che ci sia spazio per un nuovo e generoso welfare riparatorio. Funziona per casi e settori marginali, non quando è colpito il grosso del ceto medio.

Dario Di Vico


http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2004/12_Dicembre/04/di-vico.shtml

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb