centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Fisica
Geografia
Scienze naturali

(Ansa)

Il satellite meteo TRMM svela la dinamica. Così nascono i fulmini.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media inferiore, Alunni scuola media superiore
Tipologia: Documentazione

Abstract:
Il satellite meteo TRMM svela la dinamica
Così nascono i fulmini
Sfregamenti fra miliardi di gocce d'acqua congelate generano le terribili scariche atmosferiche.
 
Fulmini sulle colline di Oakland, in California (Ap)
 
HUNTSVILLE (ALABAMA) – Succede tutto all'interno delle nuvole temporalesche, ad alcuni chilometri di altezza dal suolo: lassù l'acqua è sotto forma di minute particelle congelate che vorticano veloci, sfregando le une contro le altre. E così come noi, sfregando le scarpe su una moquette, ci possiamo caricare di elettricità statica, facendo scoccare piccole scintille al primo contatto, anche quella specie di granita sospesa nell'aria può diventare un generatore di scintille potentissime e lunghe chilometri. Così nascono i fulmini.

Walt Petersen, fisico e ricercatore al National Space Science and Technology Center di Huntsville, ha annunciato giovedì, nel corso di un convegno internazionale dedicato alle scariche elettriche atmosferiche, che grazie a un satellite artificiale, è stato finalmente chiarito il meccanismo di generazione dei fulmini. Fino a ieri ci si basava su ipotesi, ora sono state raccolte le prove sperimentali che all'origine delle grandi scintille fra cielo e terra, c'è proprio l'interazione fra le particelle di ghiaccio.
«Per tre anni consecutivi il satellite TRMM, dalle iniziali di Tropical Rainfall Measurement Mission, ha analizzato più di un milione di cumulonembi (nuvole temporalesche) con uno speciale sensore chiamato LIS (Lightning Imaging Sensor), scoprendo una precisa correlazione fra la quantità di ghiaccio presente e il numero dei fulmini prodotti. Più ghiaccio e più fulmini. Per esempio a circa 10 milioni di kg di particelle di ghiaccio corrisponde un lampo al minuto; a 1 miliardo di kg cento lampi al minuto».

Peterson ha anche spiegato la dinamica che porta alle scariche elettriche. All'interno dei cumulonembi si trovano due classi principali di particelle congelate: minuti cristalli di ghiaccio e palline. Il caricamento elettrostatico avviene proprio nelle collisioni veloci fra questi due tipi di particelle. In particolare i cristalli tendono a salire nella parte alta della nube, caricandosi di elettricità positiva; le palline si portano nella parte bassa della nuvola, caricandosi negativamente.

Da questa separazione di cariche si creano quelle enormi differenze di potenziale elettrico di milioni di volt che fanno scoccare i fulmini fra nube e nube oppure fra nube e terra. I nuovi dati raccolti da TRMM serviranno a perfezionare i programmi al computer per prevedere il livello di pericolosità delle nubi temporalesche al loro passaggio su aree densamente abitate.
Franco Foresta Martin
15 settembre 2006


http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/09_Settembre/14/fulmini.shtml

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb