centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Religione
Intercultura
Libertà e religione sulla soglia del conflitto di civiltà. Di Alessandro Fanfoni

Lingua: Italiana
Destinatari: Insegnanti, Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:
Libertà e religione sulla soglia del conflitto di civiltà
Sabato 16.09.2006 11:00


Di Alessandro Fanfoni - www.formazionepolitica.org

"Le popolazioni d'Asia e d'Africa" sono spaventate, "la vera minaccia per la loro identità non la vedono nella fede cristiana, ma nel disprezzo di Dio e nel cinismo che considera il dileggio del sacro un diritto della libertà ed eleva l'utilità a supremo criterio morale per i futuri successi della ricerca". Con queste parole pronunciate a Monaco di Baviera, Benedetto XVI ha eretto un ponte ecumenico tra le civiltà religiose, creando un pericoloso e involontario parallelismo tra la strenua resistenza che il cristianesimo ha ingaggiato con la iper-secolarizzazione e l'ateismo radicale delle società occidentali, e l’offensiva "anti-imperialista", mascherata di significati religiosi, che quella parte fondamentalista dell'Islam – sotto svariate forme – ha intrapreso nei confronti del modello culturale occidentale.

"Il mondo ha bisogno di Dio", questo il grido del Pontefice che, nel postulare una costante antropologica del sentimento religioso, ha individuato nell'abbandono del sacro la radice del male dei nostri tempi e persino la causa profonda della sfida che altre culture – meno secolarizzate della nostra, anzi decisamente teocentriche – portano a una società senza Dio. Ma le cose stanno veramente così? E' il fatto religioso la vera posta in gioco che infiamma il Medio Oriente o che distrugge il WTC? O non sono forse speculazioni finanziarie, flussi di petrolio, strategie di potere, equilibri geo-politici i nervi reali della maschera religiosa? Che la questione sia assai complessa non può nasconderselo nemmeno il Papa-teologo Joseph Ratzinger.

"Le ragioni di fondo del cosiddetto scontro di civiltà non sono le religioni, non lo sono mai" - come ha dichiarato Massimo Cacciari. E se il corollario del discorso di Monaco, sembrerebbe essere che un autentico dialogo tra le religioni, aperte a un compromesso in grado di sospendere la competizione tra verità assolute, potrebbe più del pluralismo liberale - che forse dell'ateismo ha solo le sembianze – tuttavia non possiamo non ricordare Spinoza, quando nel Tractatus scrive: "Ora, poiché ci è toccato il raro privilegio di vivere in una repubblica nella quale a ciascuno sono concesse completa libertà di giudizio e libera scelta del culto divino più conforme alle proprie inclinazioni; in una repubblica nella quale nulla è più prezioso e più dolce della libertà, io ho creduto di non fare cosa né sgradita né inutile dimostrando che non solo questa libertà, se concessa, non pregiudica il sentimento religioso e la pace civile, ma anzi, se soppressa, provoca con la propria rovina la rovina della pace civile e del sentimento religioso stesso".



http://canali.libero.it/affaritaliani/politica/benedettoXVIcommento1509.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb