centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Religione
Storia


L'ora di Cuba



Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione permanente
Tipologia: Documentazione

Abstract:

CUBA E IL PAPA RICORDANDO L'INCONTRO CON FIDEL CASTRO
Per favore, che ora e'? E' la frase insolita che Giovanni Paolo II rivolse a Fidel Castro, appena sceso dalla scaletta dell'aereo all'aeroporto dell'Avana nel gennaio del '98 per quello che fu sicuramente uno dei viaggi piu' significati del Santo padre.
Le parole precise, in verita', non le senti' nessuno, ma il gesto fu evidente: il Papa guardo' il suo orologio, e poi rivolgendosi a Castro disse qualcosa; Fidel a sua volta guardo' il proprio e rispose.

Lo storico faccia a faccia tra i due sarebbe avvenuto il giorno dopo, il 22 gennaio, nel palazzo della Rivoluzione: immagini forti destinate a rimanere impresse a lungo nella memoria di molti anche perche' il Papa gia' allora mostrava i segni della malattia.
Sembrava che non dovessero finire mai, quegli scalini nell'atrio del Palazzo della Revolucion, che Giovanni Paolo II volle salire con tutta la pena dei suoi anni e con tutta l'ostinazione del suo spirito. Di converso, sembrava che dall'alto, dove lo bloccava il protocollo, nel suo completo blu indossato per l'occasione , Fidel Castro cercasse di sospingere il Papa con lo sguardo, di aiutarlo, nel timore che potesse inciampare proprio in quegli ultimi gradini di un cammino storico. Poi al termine della scala, le mani di entrambi tremanti per la stessa malattia, si congiunsero in una stretta che era simbolica, politica, ma che era anche un gesto di amicizia tra due vecchi uomini che al tramonto del loro tempo trovarono la forza di incontrarsi.

In quell'incontro ci furono, una premura, quasi una tenerezza reciproca, che erano commoventi: nel braccio che di tanto in tanto Castro allungava per sorreggere il Papa nel cammino non privo di difficolta', attraverso i saloni esagerati ed enfatici del 'Palacio' del leader della rivoluzione, c'era un rispetto che andava ben oltre il protocollo: Giovanni Paolo e Fidel si scambiavano piccole frasi, arrancando lungo le corsie rosse, per spezzare l'imbarazzo della loro fatica. L'uno appoggiato al bastone, l'altro, Fidel, che era accanto, rallentando il passo delle sue gambe piu' lunghe, indicandosi, diceva, la sua gamba destra per dire all'ospite, all'amico, che anche a lui, qualche volta fa male.
E tra la parte protocollare dell'incontro fra il Papa e Castro e il colloquio a quattr'occhi seguito alla cerimonia, durato 45 minuti, i due leader si scambiarono anche qualche battuta. Fidel, rivolto all'ospite e accennando ai giornalisti presenti:''Santita', questi ci dovrebbero pagare. Ci sfruttano e non ci pagano''. E il Papa: ''Si', non pagano''.

Poco dopo il segretario di Stato vaticano, cardinale Angelo Sodano, diceva a Castro: ''Presidente, Lei lavora troppo''. Fidel, alludendo al Papa: ''Lo faccio con molto piacere, ma comunque e' lui che oggi a Santa Clara ha lavorato di piu' ''. Tra i due molto piu' loquace Fidel, dal cui volto traspariva un'evidente soddisfazione.
Il Papa sbarco' all'Avana in quell'inizio d'anno del '98, per una visita di cinque giorni, con il suo messaggio di speranza e il suo appoggio morale alla promozione dell'uomo, allo sviluppo della societa' e alla riconciliazione tra i cubani allo scopo, anche, di esigere il rispetto dei diritti umani e la possibilita' per la chiesa a Cuba di beneficiare di maggiori spazi per la sua attivita'.

Il momento piu' significativo fu la messa officiata dal pontefice sulla grande piazza della Rivoluzione alla presenza di una folla imponente e commossa. Nessuno poteva essere indifferente agli applausi che piu' volte interruppero l'omelia del Papa sulla liberta', la pace, la verita'.

Fidel Castro era seduto in prima fila accanto a Gabriel Garcia Marquez. 'El Comandante' non aveva piu' assistito a una Messa da 53 anni.

Significativa anche la presenza simbolica di Jose' Marti', l'effigie del patriota cubano a cui e' dedicato il memoriale nella Piazza della Rivoluzione. Scrittore,poeta ed eroe dell'indipendenza in un articolo del 1891 descriveva Leone XIII, il grande Papa della questione sociale che entra nel nella basilica di San Pietro come il ''tremulo e umile anziano che passa sorridendo con tristezza benedicendo con affabilita', guardando con tenerezza in mezzo ad una moltitudine meravigliata e contenta''.
La proiezione profetica di un grande della patria cubana che mai avrebbe immaginato la visita di un Papa sulla sua terra, e che officia all'ombra del suo stesso monumento (ansa)



http://194.244.5.199/main/notizie/fdg/200504021715193589/200504021715193589.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb