centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Educazione linguistica Italiano
Educazione linguistica Italiano come lingua seconda
Mario Luzi - Parlate - di Laura Toppan

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:

Mario Luzi, Parlate, a cura di Stefano Verdino, Novara, Interlinea, 2003, pp. 54, € 10,00.

di Laura Toppan

Da anni l'opera di Luzi è costituita anche da un teatro in versi, complementare alla poesia. La voce umana, che si esprime attraverso gli attori, è interprete della controversia del mondo e chiama il poeta a testimoniare del tempo attuale, volgare ed iniquo. Accanto a drammi veri e propri, come Ipazia, Rosales, Pietra oscura, Felicità turbate, Luzi ha composto dei brevi testi, su inviti o committenze, che egli stesso ha definito come "parlate", caratterizzate da un «tratto informale», al di fuori di una scelta drammaturgica, e da una «vocazione scenica della voce legata a un personaggio», come suggerisce Verdino nella nota introduttiva al volumetto Parlate, edito da Interlinea.
Il primo testo è un Monologo di un servo in scena scritto in occasione del ventennale della morte di Pasolini, di cui, in pochi versi, Luzi ne descrive la vita e il sentire: «[...] Lo incalzavano due erinni: la disperazione / e la vitalità, fameliche ugualmente, / lo mordeva la sua intelligenza». E negli avverbi «fieramente», «narcisisticamente» e «sacrificalmente» dei versi successivi, riconosciamo il "parlare" del dettato luziano, caratterizzato da un ritmo rallentato e faticoso.
Segue un componimento, Disse Antigone, scritto su richiesta di Mario Ruffini nel 1998, autore e regista dello spettacolo Antigone e Savonarola. Dialoghi prigionieri, in cui i due personaggi antichi prendono le sembianze di due protagonisti dell'attualità: Silvia Baraldini e Adriano Sofri. Con una forza lacerante e drammaticamente irreversibile, Luzi va all'essenziale dell'antica tragedia che attraverso i secoli giunge sino a noi nella sua «estrema asciutezza». L'eroina dichiara il suo no a Creonte («ti sguscerò tra le ombre / dei pensieri») in nome di una scelta di libertà e di resistenza («Mi avrai come una lima / di dubbio e di rimorso / nel sonno e in ogni gesto / di arbitrio e di potere. / Mai ti libererai di me»).
La terza "parlata", Ab inferis, scritta nel novembre del 2000 per le celebrazioni dell'abolizione della pena di morte in Toscana (1786), si configura come il monologo drammatico del repubblicano Pietro Pagolo Boscoli che nel 1512 venne arrestato e condannato a morte per l'organizzazione di una congiura contro i Medici. L'amico Luca della Robbia lo assiste nelle ultime ore testimoniando della sua straordinaria fermezza e dignità in una Recitazione. Luzi s'ispira a questo testo e il parlante accusa la condanna con parole atroci: «la sentenza emanò da un orifizio / tristo, posto in una trista faccia», che «a fatica riusciva a essere un volto», perché si presenta come «raggrinzita carne». Al condannato non rimane che l'imitazione cristica di «portare questa croce» e la fede nella resurrezione: è il cristianesimo naturale di Luzi a vincere sulle ingiustizie.
L'impegno civile del poeta, in particolare nel conflitto tra Israele e Palestina, continua nei testi in versi scritti per il Giulietta e Romeo a Gerusalemme di Beppe Menegatti: il Lamento di madre musulmana e quello di madre ebrea e l'appello d'amore del giovane musulmano alla sua amata ebrea e della giovane ebrea al suo amato musulmano confidano nella vittoria di Eros su Thanatos: «nel caldo del tuo seno / si scioglie il mio vigore / di guerriero levantino».
A chiudere il volumetto la traduzione da Shakespeare per uno spettacolo di Federico Tiezzi allestito nel 1998: si tratta del celeberrimo monologo di Amleto (di cui Luzi ha tradotto il Riccardo II ) ove il poeta, al tradizionale "Essere o non essere?", sceglie il più intimo e colloquiale "Essere? O no" e della morte di Ofelia, impazzita per la perdita del padre. L'andamento del linguaggio teatrale in versi di Luzi è caratterizzato da cadenze prosastiche (menare per il naso o tallonare) interrotte da improvvisi accenti lirici, come nelle parole di Laerte alla sorella morta annegata: «Hai troppa acqua addosso, povera Ofelia / così tengo a freno le mie lacrime / ma è la nostra umanità, e vuol serbare il suo costume, / dica il pudore ciò che vuole».
In questi versi le "voci" testimoniano della "fede" nell'umano in cui Luzi continua a credere nonostante l'imperversare della malvagità: «C'è una pozza di sangue tra te e me. / Mio Dio, chi l'ha versato? / chiunque sia stato, / caro, è sangue sprecato. / Ma io so che l'amore / mio [...] / potrà vederlo prosciugato. / Vieni, non tardare».



http://www3.unibo.it/boll900/numeri/2004-i/Toppan1.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb