centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Arte
Educazione linguistica Italiano
Pensieri e azioni disseminate nella città e nella rete - Progetto teatrale in evoluzione e rivoluzione per le strade di una città.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma
Tipologia: Programmazione, Progetto, Curriculum

Recensione: Pensieri e azioni disseminate nella città e nella rete

Laundrette-soap, dal 13 settembre al 18 ottobre a Torino, dissemina Azioni teatrali mimetizzate nello spazio urbano e nel tempo della quotidianità, Libri secondo lo spirito del “bookcrossing” e Pensieri negli incontri che approfondiscono i nodi tematici che stanno alla radice dell'operazione, con alcuni degli autori dei testi lasciati “per caso” in giro per la città, come germi di un'improvvisa epidemia culturale.

Via internet e SMS circolano non solo le informazioni ma anche le emozioni che incardinano un progetto in cui si coniuga drammaturgia, performance, radio, weblog e marketing-guerriglia.

Le azioni del “serial” teatrale giocano con la città e con i diversi media che ne attraversano l'etere (la radio in primo luogo, come RadioFlash, investita dalle telefonate dei personaggi), utilizzando anche gli SMS per cortocircuitare la drammaturgia con i percorsi degli spettatori sollecitati dall'info-mobilità.

Gli spettatori, una volta tanto, verranno invitati a tenere acceso il loro cellulare, potranno (se compilano la scheda su www.laundrettesoap.it ) ricevere dei messaggi non solo informativi ma inerenti le vicende a cui parteciperanno.

Via e-mail e sul web Laundrette Soap gioca inoltre sull'ambiguità orchestrata tra la realtà (il contesto produttivo del “progetto speciale” per il teatro) e il suo “doppio” in cui trova luogo la vita immaginaria dei personaggi, un gruppo di ragazzi alla deriva per la ricerca di un lavoro possibile.

Questo del Lavoro è un punto caldo dell'intera questione: i personaggi leggono dei libri su questo tema e li “dimenticano” in giro per la città, rilanciando la bella idea del bookcrossing attraverso degli incontri con gli autori di libri sparsi per la città, occasioni di approfondimento teorico sulla condizione di “fine del lavoro” in cui si sono ritrovati dopo un'impresa fallita.

Il primo di questi incontri ( si svolgono tutti presso Basic Village, Corso Regio Parco 39 alle ore 18,30)

è il 19 settembre, il tema è “Fino alla fine del mondo-lavoro. Metamorfosi e derive del giovane lavoratore atipico” e vede la partecipazione di Marco Revelli (docente di Scienza della politica all'Università del Piemonte orientale . Autore, tra l'altro, di “Lavorare in Fiat”; “Le due destre”; “La sinistra sociale”; “Fuori luogo”) e di Aldo Bonomi (direttore dell'Istituto di ricerca Aaster e consulente del Cnel. Autore di “Il trionfo della moltitudine”; “Forme e conflitti della società che viene” ; “Il capitalismo molecolare”. “La società al lavoro nel Nord Italia”). Un appuntamento per riflettere su quelle nuove categorie in grado d'interpretare le profonde disuguaglianze che si celano dietro il mutamento del concetto di lavoro.

“Siamo tutti al lavoro, la nuda vita è messa al lavoro, e il luogo di lavoro è il territorio”, sostiene Bonomi.

E' proprio questo uno dei punti cardine della vicenda di “Laundrette Soap” : la vita messa in scena (messa in vita) e in qualche modo venduta e la città, con le sue piazze e i non-luoghi d'attraversare.

Quali garanzie per i non-garantiti?

Come fare società in uno scenario di decomposizione sociale?

L'altro incontro è il 16 ottobre e si presenta con un titolo lapidario: “Il linguaggio è un virus. I principi attivi del contagio culturale, tra arte e vita”. Partecipano: Fracesco Morace (Direttore del Future Concept Lab e docente alla Domus Academy e alla Bocconi di Milano. Autore , tra l'altro di “Chi ha lasciato il segno?”; “Metatendenze”; “La strategia del colibrì”), Francesco Antinucci (Direttore del reparto Processi Cognitivi e Nuove Tecnologie dell'Istituto di Psicologia del CNR. Autore, tra l'altro, di “Computer per un figlio” e “Tutto il potere ai segni”) e Marco Philopat (agitatore culturale, protagonista dei movimenti punk, collaboratore di Decoder. Autore di saggi sull'underground e dei romanzi “Costretti a sanguinare” e “La Banda Bellini”).

Un'occasione per trattare del paradosso dei sistemi della comunicazione che rischiano d'indebolire lo scambio interumano assordato dal rumore di fondo del flusso informativo a senso unico.

“Il linguaggio è un virus” è una citazione di William Burroughs, il più lucido protagonista della beat generation, che ci invita a riflettere su come agire, per non subire, il marasma comunicativo.

E' in questo senso che s'intravede la via performativa all'interno del sistema dei media, destabilizzando il pensiero unico per immettere, con azioni creative di contagio sociale (avete sentito parlare dello “smartmob”? gli interventi urbani organizzati via SMS e web,come per i raves o le autoconvocazioni ribelli?) elementi in cui rilanciare sia il principio dell'interattività che quel rapporto arte-vita tanto caro alle avanguardie d'antan.

E' in questo senso che s'intende il concetto nuovo di “performing media”.

Performing Media è progettazione di contenuti e strategie relazionali per i sistemi multipiattaforme in cui convergono diversi media: telefonia mobile, internet ( magari con le nuove connessioni “wi-fi”) il broadcast radio-TV, e le tante altre modalità di comunicazione, compresa la stampa.

Performing Media è progettazione di eventi spettacolari che mettano in relazione il territorio, dalle piazze ai musei ai mercati, con i diversi sistemi della comunicazione digitale integrati tra loro e connotati da regie performative che ne risolvano l'impatto sensoriale e cognitivo.

Performing Media è strategia culturale concepita per attivare una formazione continua legata alle istanze relative alle nuove forme di cittadinanza digitale,inventando operazioni dove le tecnologie della comunicazione promuovano l'approccio ludico-creativo e fondamentalmente partecipativo.


Gli incontri sono curati e condotti da Carlo Infante ( carlo@teatron.org ), consulente di Laundrette Soap e docente di Scienze e Tecnologie dello Spettacolo all'Università di Lecce, di Arte e Cultura Digitale all'Istituto Europeo del Design di Torino, di Performing Media all'Accademia di Belle Arti di Macerata.


http://www.laundrettesoap.it/

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb