centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Il risveglio della ragione: appello agli intellettuali di "Fermiamo la guerra".

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media inferiore, Alunni scuola media superiore, Formazione permanente
Tipologia: Ipermedia

Abstract: Fermiamo la guerra
Il risveglio della ragione
04 aprile 2003


Esistono momenti nella storia in cui le accelerazioni degli eventi, le tragedie e i conflitti culturali e identitari diventano senso comune, notizia, politica d'aggressione e verità di propaganda.

In questi momenti, i poteri forti hanno sempre cercato di addormentare la ragione, di oscurarne il cielo con nuvole di minacce, menzogne e paure perché non si potesse comprendere e giudicare. "Fanno un deserto e poi lo chiamano pace". Di fronte all'invasione dell'Iraq, nella più determinata (e mai tentennante) condanna della dittatura di Saddam Hussein e della sciagura che questa rappresenta per il popolo iracheno, per la sua storia e per il suo futuro, crediamo sia venuto il momento di cercare tutti insieme di tornare a fare prevalere la ragione.

La ragione che vi proponiamo, come comitato organizzatore della manifestazione del 12 aprile a Roma e che vi chiediamo di sostenere è quella che ci ha accompagnato in questi mesi dal Forum Sociale Europeo di Firenze, per molti tra noi, fino ad uno dei più larghi e impensabili schieramenti culturali dell'Italia contemporanea in occasione della manifestazione mondiale del 15 febbraio 2003.

Una posizione chiara di rifiuto della guerra come strumento di risoluzione dei conflitti (nella difesa dell'art.11 della nostra Costituzione), di difesa del diritto internazionale e della democrazia dal basso (degli aiuti, della cooperazione e della solidarietà), della difesa "senza se e senza ma" dei diritti umani e dei valori democratici nei nostri comportamenti e nei nostri atti.

Ci battiamo contro lo "scontro di civiltà" e la "fine della storia" che vedono nella "guerra preventiva" lo strumento di difesa/offesa dei privilegi e delle democrazie occidentali. Almeno, "non in nostro nome".

E' venuto il momento di dire con chiarezza: "cessate il fuoco" e di "fermare le stragi e la tragedia umanitaria". Questa guerra non finisce nella presa di Baghdad, ha già aperto una crisi umanitaria, culturale e politica che rischia di non fermarsi più. Le stesse cose le dicevano prima dell'invasione. Purtroppo, ora, le riaffermiamo con la morte nel cuore e negli occhi.

La guerra in Iraq si fa contro il volere di grande parte delle popolazioni del mondo (e la grande maggioranza di quelle dei paesi in guerra). E' la prima volta che un movimento mondiale (la "nuova superpotenza" evocata da molti) riesce a riunirsi con chiarezza e coordinamento per un obiettivo così grande e impensabile fino a pochi anni fa.

Dobbiamo fare pesare tutte insieme le nostre voci, culture, differenze e idee, in un solo modo: chiedendo di cessare immediatamente le armi, di fare tornare l'Onu (e la sua Assemblea) in gioco, di lasciare spazio e terreno all'intervento umanitario.

Non vi chiediamo un atto di testimonianza, ma una lucida adesione all'unica strada possibile perché si risvegli la ragione in quante più persone possibili. Guardiamo al domani, con ancora la speranza di potere fermare la barbarie.

Per adesioni on line e contatti:
ufficiostampa@fermiamolaguerra.it


http://www.fermiamolaguerra.it/

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb