centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Educazione linguistica Italiano
Transdisciplinare
Storia
I me ciamava per nome: 44.787 - Risiera di San Sabba - dalle testimonianze di sopravvissuti alla deportazione e allo sterminio nazifascist. Il testo da scaricare e l'introduzione di Moni Ovadia.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore
Tipologia: Utilità e strumenti

Abstract:

I me ciamava per nome: 44.787 vierundvierzigtausendsiebenhundertsiebenundachtzig - Risiera di San Sabba

Leggi il libro (pdf 138Kb)

Un luogo contaminato

di Moni Ovadia

(introduzione al testo "I me ciamava per nome 44.787 – Risiera di San Sabba"
pubblicato da Baldini&Castoldi)

I piccoli e grandi territori che hanno conosciuto la sofferenza degli innocenti provocata dalla volontà del loro "prossimo" non possono più essere valutati a prescindere dalla violenza di cui sono stati teatro. Le molecole gli atomi e persino gli interstizi della submateria di quei luoghi ne sono pregni. Un articolo della Frankfurter Allgemaine, pubblicato nei primi anni '90 in seguito al ritrovamento a Berlino dei sotterranei in cui la Gestapo torturava le sue vittime, definiva quel tipo di spazio: kontaminierte Ort, spazio contaminato. Cosa dovrebbe fare una società democratica di simili
zone? Recintarle e renderle inaccessibili? Museificarle? Soluzioni del genere, a mio parere, risulterebbero inutili ed inique. Ritengo che solo un laborioso lavorio di decontaminazione possa restituire quei luoghi all' umano.

Bisogna attrezzarsi con le risorse della pazienza, riappropriarsi di una modalità del tempo altra dalle cronologie socioeconomiche ipercinetiche della Storia dei nostri anni, che tende a sfuggire alle proprie responsabilità  perché simultanea a se stessa. È imperativo rimettersi in quel cammino di libertà etica iniziato quattro millenni fa e che durerà ancora molti millenni, essere utopicamente consapevoli di compiere il proprio minuscolo dovere nel quadro di un grande processo-progetto. Una nutrita squadra di decontaminatori si è messa al lavoro con coraggio, con la determinazione di chi rema controcorrente, perché il fiume da navigare si è di recente ripopolato di contaminatori prezzolati o per vocazione. Remano i sopravissuti contro la piena del loro dolore che si "rinovella", remano storici partecipanti e appassionati, che non sono e non vogliono essere obiettivi perché non sono ignavi, remano artisti, teatranti, politici decenti, remano uomini democratici quale che sia il loro credo politico, remano persone perbene per la sola ragione che sono persone perbene. Fra
loro un puntiglioso, certosino, drammaturgo, attore e regista: Renato Sarti.

La sua Trieste, la nostra Trieste (mi sono autonominato cittadino adottivo della città giuliana) ha ricevuto la profondissima ferita di un campo di sterminio che ha piagato le sue fibre. Ha sputato il suo fumo di morte el camin della Risiera di San Sabba, fradel picio di quel de Mauthausen, lo ha sputato in faccia al mare che è madre di tutte le genti. Cinque anni fa, in un giorno di prima estate, Renato ha portato me e altri: attori, musicisti, un coro di bimbi e uno di partigiani, a dare il nostro contributo alla sua idea di decontaminazione di quell'edificio le cui fondamenta sono scese al
centro dell'inferno.

La memoria di quella giornata mi rimarrà impressa per sempre. La Risiera traboccava di una folla di persone che premeva per assistere a un evento fatto di persone vive in quel luogo che era stato di morte, la città si opponeva fieramente alla perversa logica dell'oblio praticata per più di tre decenni per strumentali ragioni "politiche".

Con commovente tempestività, Renato, preoccupato per la ressa, si era impossessato di un microfono e dava dolcemente pacate istruzioni perché ciascuno potesse trovare il proprio posto per assistere a quel rito di civiltà riacquistata. La sua voce emblematicamente assurgeva a valore di opposizione definitiva alle voci della tirannia necrofora. Le sue parole di rassicurazione confermavano la realtà di quello iato di soli cinquant'anni che per il momento ci protegge tutti dall'orrore nazifascista che proprio lì in Risiera, su quel suolo che noi stavamo calpestando, aveva recluso e annientato esseri umani incolpevoli al suono sinistro di ordini vomitati in una lingua non lingua, mescolati al latrato di cani assassini aizzati dalla
bestiale razionalità dell'aguzzino.

Ricordo vividamente che illuminata da un riflettore teatrale, fra le sbarre di una delle celle baluginava la inconfondibile chioma di Giorgio Strehler, la sua possente voce di barcolano, genio del teatro ed irriducibile antifascista incarnava la voce degli internati. Con lui, con tutti noi, con le parole scarne necessarie assemblate da Sarti, con i grandi versi di Carolus Cergoly, con le imprescindibili musiche di Alfredo Lacosegliaz, la presenza di quelli che non ci sono più.

I Martiri della shoà devono diventare i nostri figli e i figli dei nostri figli di generazione in generazione. Renato Sarti ne è consapevole, per questo tiene a questo progetto come un naufrago alla sua zattera. Sa che non deve andare alla deriva e ha ragione.



http://www.deportati.it/librionline/i_me_ciamava.html

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb