centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Educazione linguistica Italiano
Storia
Il Fascismo e la stampa: le veline.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma, Formazione permanente
Tipologia: Utilità e strumenti

Abstract:

Le "Veline" del fascismo

1 gennaio 1970
Di
Fonte: www.lexlab.it

Fonte: http://www.lexlab.it/prima_veline.html

LE VELINE

Ecco alcuni "ordini di stampa" (detti anche "veline" o, ancora, "note di servizio") con i quali, durante il ventennio, s'impartivano precise disposizioni circa il contenuto degli articoli, l'importanza dei titoli e la loro grandezza.

Non si dica che la disgrazia al figlio di Agnelli avvenne allo scalo Mussolini, ma si dica che avvenne nel mare di Genova (18.7.1935).

Non pubblicare delle corrispondenze dei nostri bombardamenti nell'Africa Orientale (7/12/1935).

Non occuparsi del processo che si tiene al Tribunale militare di Roma per l'ammutinamento di cinque militari (18/12/1935).

Pubblicare un articolo consigliante un limitato consumo di carne durante l'estate (18/6/1936).

Non pubblicare fotografie in cui il Duce e' riprodotto insieme ai frati, fotografie fatte oggi durante la visita al Santuario di Montevergine (26.8.1936).

Non interessarsi mai di qualsiasi cosa che riguardi Einstein (26.12.1936).

Non si parli del cuore del Duce (28.12.1936).

Non dare notizia di bombardamenti di centri abitati per opera di Nazionali in Ispagna, e soprattutto escludere si tratti di aviatori italiani o tedeschi. (16.1.1937).

Senza dare una precisa smentita, accennare, parlando della malattia del Papa, che la notizia del prossimo arrivo di un medico inglese e' falsa (2.2.1937).

Rivedere le corrispondenze dalla Sicilia, perche' non si deve pubblicare che il Duce ha ballato (14.8.1937).

Riservata: Ignorare completamente tutto quanto si riferisce all'inchiesta per l'uccisione dei fratelli Rosselli (15.1.1938).

I libri d'autori Israeliti tedeschi non debbono essere mai recensiti (20.5.1938).

Notare inoltre come il Duce non fosse affatto stanco dopo quattro ore di trebbiatura (4.7.1938).

Tutti i giornali debbono riprendere le fotografie Luce pubblicate stamane dal Popolo di Roma in prima pagina: il Duce si prepara a salire sulla trebbiatrice (5.7.1938).

Dare con rilievo e commentare il comunicato sull'aumento di statura in Italia, dimostrando come detto aumento sia il risultato di sedici anni di politica razziale, manifestatasi attraverso le provvidenze per la maternita' e l'infanzia, l'incremento dato dal fascismo alla vita sportiva e alla ginnastica, le colonie marine e montane, il miglioramento della nutrizione, delle condizioni di lavoro ecc. (16.8.1938)

Non dare notizia di un incidente aviatorio avvenuto a Tripoli, sul campo Roma. (30/09/1938)

Nella cronaca delle partite di calcio e nei commenti sul "Campionato" non "sfottere" gli arbitri (6.1.1939)

Nella cronaca della inaugurazione della Camera notare che la Regina ha salutato col saluto romano e non inchinando la testa (23.3.1939)

Dire che il Duce e' stato chiamato dieci volte al balcone (19.5.1939).

Si riconferma la disposizione di non pubblicare piu' fotografie di donne in costume da bagno (13.7.1939).

Non pubblicare fotografie e disegni di donne raffigurate con la cosiddetta vita di vespa. Disegni e fotografie debbono rappresentare donne floride e sane (17.7.1939).

Come e' noto Il Duce non gradisce in alcun modo che la stampa si occupi del suo compleanno. Non farne quindi alcun cenno, neppure dalle corrispondenze dall'estero (28.7.1939).

Dare il nome del redattore che completamente spesato dalla Confederazione dei Lavoratori dell'Agricoltura si trovera' a Predappio il 29 luglio alle ore 10 per il pellegrinaggio alla tomba dei genitori del Duce di diecimila dirigenti della Confederazione stessa (24.7.1939).

E' fatto assoluto divieto ai giornali di uscire senza il discorso del Duce e la cronaca Stefani del rapporto a Palazzo Venezia, pena il sequestro (23.9.1939).

Minimizzare quanto piu' e' possibile, sia per quanto riguarda estensione, sia per i titoli, gli avvenimenti internazionali, soprattutto per cio' che si riferisce alla Russia. La disposizione di minimizzare vale anche per le fotografie. (28/09/1939).

Si riconferma la disposizione concernente l'assoluto divieto di abbinare altri nomi alle acclamazioni all'indirizzo del Duce (6.11.1939).

Non pubblicare piu', anche se Luce, foto di saluti in sfilata o in parata, ripresi da tergo (14.11.1939).

Recensire il volume Italia mia di Papini (1.12.1939).

Non occuparsi in alcun modo degli alberi di Natale, ne' accennare in articoli o nella pubblicita' alla ricorrenza di Capodanno (14.12.1939).

Togliere le acclamazioni nel testo del discorso di Ciano a Milano ed aggiungere invece al testo il seguente periodo, come finale: "Il discorso del conte Ciano, continuamente interrotto da fervide acclamazioni, e' stato alla fine salutato da altissime e reiterate invocazioni al Duce in una manifestazione di entusiasmo protrattasi a lungo" (20.05.1940).

Tutta la prima pagina deve essere cosi' intitolata: "Il bollettino n. 14: la guerra continuera' contro la Gran Bretagna e continuera' fino alla vittoria" (26/5/1940)

Ignorare la pellicola propagandistica dell'ebreo Chaplin (17.10.1940).

E' fatto assoluto divieto di pubblicare notizie sulla premiazione del figlio del conte Ciano che ha avuto luogo al collegio San Gabriele (12.11.1940).

Non toccare l'argomento delle cosiddette code davanti ai negozi (13.12.1941).

Non dare notizia del ritorno in Italia delle salme degli operai italiani vittime di una sciagura sul lavoro in Germania (20.1.1941).

Non occuparsi di Moravia e delle sue pubblicazioni (13.2.1941).

E' fatto divieto di pubblicare fotografie, articoli e notizie riguardanti i seguenti attori stranieri: Charlie Chaplin, Erich von Stroheim, Bette Davis, Douglas Fairbanks junior, Mirna Loy, Fred Astaire e la Casa Cinematografica americana "Metro Goldwin Mayer" (1.3.1941).

Non parlare di un lieve investimento automobilistico subito ieri sera dal Presidente del Tribunale Speciale, Trincali Casanova (24.6.1941).

I quotidiani, i periodici e le riviste non devono piu' occuparsi, in modo assoluto, dei dialetti (22/9/1941).

Recensire d'obbligo il libro di Evola Sintesi di dottrina della razza (20.10.1941).

E' istituito presso il Ministero, Direzione della Stampa Italiana, un ufficio, al quale bisogna sottoporre preventivamente tutti gli articoli economici, finanziari, che contengono proposte, che riecheggiano provvedimenti presi da altri, che possono dare la sensazione al pubblico che provvedimenti simili possono essere presi anche in Italia. Tale disposizione e' tassativa (8.12.1941).

Si segnala la seguente sfasatura: il giornale Autarchia e Commercio molto inopportunamente ha pubblicato una statistica di quanto gli italiani sono dimagriti in seguito alle restrizioni (4.5.1942).

Non occuparsi del libro di Luigi Russo La critica letteraria contemporanea, edito da Laterza (29.8.1942).

Non riprendere la proposta di Regime fascista per la immunita' degli squadristi silenziatori dei disfattisti, ovviamente troppo sfruttabile fuori. I ceffoni vanno dati, non detti, o almeno non stampati (26.11.1942).

Il tema della dieta parca come disciplina di guerra non va trattato (5.4.1943)



http://www.lexlab.it/

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb