centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Educazione linguistica Italiano
Censis - I GIOVANI E LA CULTURA NELL’ERA DELLA COMUNICAZIONE.(Sintesi della ricerca) Roma, novembre 2002

 

Documento integrale

Testoscarica il documento

Tabellescarica il documento

Zipscarica il file Zip


Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma, Alunni scuola media inferiore
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:  Rapporto Annuale 2002
2002 - XXXVI Rapporto sulla situazione sociale del paese
6 Dicembre 2002



Giovani e cultura nell’era della comunicazione


    Un forte bisogno d'identità emerge dal contraddittorio rapporto dei giovani con la cultura. Questo è quanto emerge da una recentissima ricerca del Censis, sul tema "I giovani e la cultura nell'era della comunicazione", realizzata per conto della Cei.

    Lungi dal manifestare un atteggiamento distaccato o anche estetizzante (come ci si sarebbe potuto aspettare) i giovani attribuiscono alla cultura un ruolo centrale: la cultura deve "dare senso, orientare, offrire guida" (38,7%), "deve promuovere la civilizzazione" (30,2%) deve "denunciare le cose che non vanno" (24,5%). Dunque la cultura non viene affatto percepita come una cosa dei tempi della scuola, ma come la manifestazione più evoluta del pensiero umano, cui si attribuisce una funzione orientativa importante oppure di marcata critica sociale. Inoltre la cultura è vista come forza e patrimonio esistenziale dal 60% dei giovani intervistati; l'atteggiamento rispetto agli uomini di cultura non è però dello stesso segno. Quasi il 20% dei giovani sottolinea come gli uomini di cultura del passato non riescano a trasmettere quella forza e quell'ottimismo di cui i giovani hanno bisogno, un altro 13,9% denuncia come la cultura spesso sia un mezzo di affermazione per chi "si crede" un intellettuale. Del resto ad un successivo colpo di sonda "A che serve la cultura?" le risposte rafforzano l'idea psicoantropologica di cultura: la cultura è uno strumento importante per costruire la propria identità e visione del mondo (61,1%).

    Tab. 23 - Media, cultura e famiglia

    -

    val. %

    La cultura deve:

     

    Dare senso, orientare, offrire guida

    38,7

    Promuovere la civilizzazione

    30,2

    Denunciare le cose che non vanno

    24,5

    A cosa serve la cultura:

     

    E' uno strumento importante per costruire la propria visione del mondo

    61,0

    la cultura delle donne:

     

    E' un'opportunità di rinnovamento

    60,0

    Le culture degli altri paesi:

     

    Sono un patrimonio importantissimo

    40,1

    Gli intellettuali:

     

    Scendono facilmente a compromessi

    46,0

    Riferimenti culturali

     

    Percentuali di giovani che ne sa indicare almeno uno

    31,2

    Cultura e futuro:

     

    Il futuro sarà dominato da tecnologie e media

    68,6

    Trasmissione di senso:

     

    C'è poca trasmissione di valori e significati tra generazioni

    61,0

    Fonte: indagine Censis, 2002

    Ma tanto rilievo attribuito alla cultura non trova riscontro nella stima e nell'apprezzamento per gli intellettuali. Tutt'altro. La maggior parte dei giovani dimostra una decisa diffidenza, tant'è che il 46,2% li accusa di scendere facilmente a compromessi.

    E così quando ai giovani si chiede se esista un uomo o una donna di cultura, italiano o straniero vivente o no che rappresenti un punto di riferimento intellettuale quasi il 70% non riesce ad indicarne nessuno.

    Eppure questi giovani così attenti alle pieghe dell'anima non si fanno soverchie illusioni: la cultura del futuro sarà determinata dalla tecnologia (43,6%), seguita dai media (25%).

    Lamentano (il 35%) una solitudine sul piano educativo, di trasferimento di valori e significati dalle generazioni precedenti, il 26% denuncia che c'è molto meno trasmissione di senso e valori tra generazioni che in passato. E ancora una volta "la morsa del vuoto" si fa sentire più forte al Nord Est.

    Il tempo libero di questi giovani è un tempo "leggero" dai decisi contorni evasivi: le attività che accomunano l'intero campione è "stare con gli amici" (97,4%); guardare la televisione (93,5%) ascoltare musica (91,9%); stare al telefono (87,1%), fare gite (89%); fare shopping (86,4%).

    Tab. 23 - Media, cultura e famiglia

     

    val. %

    La cultura deve:

     

    Dare senso, orientare, offrire guida

    38,7

    Promuovere la civilizzazione

    30,2

    Denunciare le cose che non vanno

    24,5

    A cosa serve la cultura:

     

    E' uno strumento importante per costruire la propria visione del mondo

    61,0

    la cultura delle donne:

     

    E' un'opportunità di rinnovamento

    60,0

    Le culture degli altri paesi:

     

    Sono un patrimonio importantissimo

    40,1

    Gli intellettuali:

     

    Scendono facilmente a compromessi

    46,0

    Riferimenti culturali

     

    Percentuali di giovani che ne sa indicare almeno uno

    31,2

    Cultura e futuro:

     

    Il futuro sarà dominato da tecnologie e media

    68,6

    Trasmissione di senso:

     

    C'è poca trasmissione di valori e significati tra generazioni

    61,0

    Fonte: indagine Censis, 2002



    http://www.censis.it/277/280/339/430/453/3279/3288/content.asp

    Condividi questa risorsa didattica

    I giudizi degli utenti

    Assenti

    Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


      Iscriviti alla news
    Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

    Iscriviti qui


    Novità
    Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

    ENGLISH LESSONS AND TESTS.

    "Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

    Percorsi
    Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

    Percorsi
    Feste e calendari multiculturali.
    Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

    Percorsi
    Steineriane
    Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

      Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb