centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Pluridisciplinare
La lettura ai tempi di Internet. Intervista a Paolo Mauri, responsabile delle pagine culturali della "Repubblica"

Lingua: Italiana
Destinatari: Insegnanti
Tipologia: Materiale per autoaggiornamento

Abstract:

La lettura ai tempi di Internet
Wanda Marra

Intervista a Paolo Mauri, responsabile delle pagine culturali della "Repubblica"

Internet con le sue peculiarità di rapidità, di disponibilità di grande quantità di informazioni, di ipertestualità ha cambiato qualcosa nelle modalità di lettura?

Intanto, ha allargato molto le possibilità di lettura, anche con qualche elemento di dispersione, perché per leggere qualcosa si devono coniugare due volontà: quella di leggere e quella di essere letti, ci deve essere un felice incontro tra chi cerca e chi viene trovato. Su Internet, questo è possibile all'ennesima potenza, ma naturalmente può anche costituire un problema, nel senso che bisogna sapere che cosa cercare e di quale qualità sono le cose che si incontrano. Per esempio, in una vecchia enciclopedia, se si cercava una voce, si trovava la sintesi di un esperto, che magari teneva conto di studi già fatti. Non è detto che ciò che si incontra su Internet sia sempre informazione di prima mano e neanche che sia stata elaborata al meglio, per cui c'è anche un problema di vaglio delle fonti. Per quel che riguarda la letteratura, con Internet c'è una maggiore possibilità di veicolare testi e di spargerli per il mondo, ma per ora non credo che le cose siano molto cambiate rispetto a prima.

Internet funziona come strumento di informazione libraria, letteraria? Ci sono più o meno lettori rispetto a prima?

I lettori sono più o meno gli stessi, ma c'è tutta la classe giovane che si muove meglio nel mondo della realtà virtuale e che sicuramente apprezza di più la possibilità di Internet. Credo che le possibilità di lettura siano aumentate; bisogna vedere se è aumentata la qualità della lettura e in che modo.

Nel modo di scrivere sta cominciando a cambiare qualcosa?


Internet con la posta elettronica ha rimesso molto in gioco la scrittura, che prima era stata abbondantemente sostituita dal telefono. L'e-mail è uno strumento di consultazione rapida, che richiede uno stile secco, rapido, telegrafico. Questo non può non avere degli influssi sul modo di comunicare e sul modo di scrivere.

Esistono ed esisteranno degli scrittori che utilizzano la Rete come mezzo di sperimentazione?

Internet consente di abolire il problema dell'inedito: chiunque può mettere la propria opera in Rete e sperare che qualcuno la legga. Perché l'opera sia letta occorre che ci sia una specie di avallo: noi compriamo un libro perché conosciamo l'autore o perché ci fidiamo delle proposte delle case editrici. Non è facile che il testo che naviga da solo in Internet trovi i propri lettori. Sarà fatale, comunque, che a un certo punto ci saranno dei siti che avranno una loro autorevolezza.

Come cambia il lavoro del giornalista culturale e del critico letterario?

Il giornalista culturale è agevolato dalla possibilità di ricorrere a più fonti. Man mano che andiamo avanti si potrà avere a disposizione un archivio molto più ampio di quello cartaceo di cui si disponeva prima tra libri e giornali. Questo rende più veloce il lavoro, perché è più facile entrare in siti americani o francesi; si possono ottenere risposte in tempo reale, in modo da confezionare in poco tempo un articolo. Il critico letterario ha invece dei tempi un po' più lunghi per confrontarsi con un testo, sia esso su carta o su Internet. Per ora è difficile che si leggano sullo schermo dei testi molto lunghi: il video è ancora legato a dei testi brevi, altrimenti si preferisce avere il libro, che è più riposante e più facile da portare in giro. Stephen King, che aveva messo in Rete un suo racconto aspettando che i suoi fan lo scaricassero, non ha avuto un grande successo.

Secondo lei perché nascono e perché funzionano i siti letterari?

Internet è uno spazio e uno spazio frequentato: chi vuole stare in vetrina occupa dei siti. Le case editrici, per esempio, hanno tutte un sito e questi siti sono moderatamente frequentati. Quanto agli altri siti, più direttamente legati a materiale letterario, è chiaro che si tratta di una nuova realtà che si sta costruendo. Per esempio, esiste il fenomeno delle riviste in Internet, che propongono un loro materiale, che ancora non è entrato a pieno titolo nel dibattito culturale ma che prima o poi circolerà in maniera più alta.

http://www.liberliber.it/comunicare/rassegnastampa/2002/mediamente_01/index.htm



http://www.liberliber.it/

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb