centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Educazione linguistica Italiano
Palestina - La situazione a Jenin - 10 aprile 2002.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma, Formazione permanente
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:

Quello che sentiremo adesso è il racconto di un collaboratore della Agenzia di stampa Reuters, che ha seguito per otto giorni l'assedio di Jenin."



- Sono stato vicino al campo, ho potuto osservarlo da sopra una collina; ho seguito la storia del campo dall'inizio della battaglia otto giorni fa: ci sono dieci buldozzer - come mi hanno detto dei testimoni oculari - che si trovano a settecento metri sul lato nord del campo, che stanno lavorando, stanno livellando il campo. I soldati israeliani ora stanno lavorando tranquillamente, usano la dinamite, i buldozer, i carri armati per distruggere gli edifici. La mia fonte mi ha detto che stanno livellando il campo.
- Lo stanno distruggendo?
- La mia fonte che è un testimone oculare, mi ha detto che stanno distruggendo tutto quello che hanno di fronte.
- e la resistenza?
- ..Non c'è più resistenza, dalle nove di questa mattina; l'attacco finale è stato la scorsa notte, durante le ore notturne io ho assistito all'assalto ; le forze israeliane hanno intensificato il fuoco contro il campo: hanno usato sei elicotteri che hanno lanciato missili contro le zone del campo dove c'era resistenza ; ho visto con i miei occhi perchè gli elicotteri erano proprio sulla mia testa. Quanti missili hanno lanciato! ..Ho visto le esplosioni, ho visto gli elicotteri andare avanti e indietro, lanciando missili. Una fonte interna mi ha anche detto - e io ne sono rimasto sorpreso - che un elicottero ha anche lanciato delle bombe. Dalla distanza a cui mi trovavo - due chilometri di distanza - su di una collina, io non ho potuto avere conferma di questo particolare.
- L'attacco finale quando è stato?
-Alle prime ore della mattina..La resistenza era ormai esausta, visto che i palestinesi combattevano da otto giorni. Da quest'ultimo attacco c'è stato un vero e proprio collasso della resistenza. Penso che questa notte, con il fuoco che hanno fatto gli israeliani . nella notte ci siano stati almeno sessanta o settanta morti. tra i palestinesi nel campo.
- L'attacco è durato quindi molte ore..
-E' stato un attacco continuo: per otto notti hanno lanciato attacchi per almeno tre ore; poi i soldati di terra avanzavano per conquistare terreno dentro il campo; hanno usato questa tattica anche questa mattina. di notte i bombardamenti e poi l'avanzata dei buldozer e dei carri armati. Alle nove di questa mattina è finita la battaglia. L'ultima resistenza era concentrata in un posto chiamato "Auashin" che si trova nel mezzo del campo di Jenin. Questa mattina i buldozer sono entrati in questa zona, distruggendo tutto .
- La gente era dentro le case questa mattina quando i buldozer hanno spianato tutto?
- Molti dei civili erano stati evacuati , gli israeliani, man mano che avanzavano nel campo, giorno dopo giorno, intimavano alla popolazione di lasciare le loro case; di lasciarle aperte e di abbandonare il campo con le mani alzate; se non l'avessero fatto - dicevano - sarebbero stati seppelliti con le loro case.
- E' quello che è successo?
- L'altra notte, ma anche ieri..molti bambini, donne, hanno lasciato il campo, non tutti ovviamente. Lo hanno fatto nelle parti del campo dove gli israeliani avevano il controllo della situazione
-Ora è tutto sotto il loro controllo?
-Sì tutto il campo; forse c'è qualche singolo , forse..che non è stato ancora preso, ma ormai non hanno più munizioni.
-Quanta gente è morta dentro il campo?
-Nessuno lo sa con certezza, ma credo che il numero più vicino alla realtà sia di trecento , trecentocinquanta morti,
- E' vero che ci sono delle fosse comuni? -
- Ho parlato con delle fonti che mi hanno detto che gli israeliani stanno scavando delle grosse buche , delle fosse comuni e che le stanno riempendo . Le coprono con la calce viva ..mi hanno detto. Mi hanno anche detto che molti cadaveri di palestinesi morti nel campo sono stati caricati su di un camion militare chiuso che li avrebbe traspostati in Israele .
- Come.. scusi?
- Non sto parlando di sopravvissuti, ma di cadaveri , che sono stati caricati su di un camion militare e il camion è partito verso nord.
-Molti dei morti sono civili?
- Ho cercato di fare una stima dei civili morti ; credo che dentro il campo ci fosse un uomo armato , un guerrigliero ogni tre civili ; con questa stima si puo' dire che il settanta per cento dei morti potrebbero essere civili , ma dobbiamo stare attenti a fare questi calcoli.
- Dove hanno portato i civili che hanno lasciato il campo?
- Gli uomini tra i quindici e i cinquanta anni sono stati portati in un campo di detenzione, che si chiama Salem , a circa undici chilometri da Jenin, ne hanno portato un centinaio ; sono rimasti per due giorni prima di essere trasportati vicino al campo, due giorni passati immobili, con le mani sopra la testa; dopo sono andati a Salem ; sono stati messi in un cortile all'aperto e molti sono stati interrogati più volte dalle forze di sicurezza israeliane. Molti sono stati trattenuti , altri sono stati portati in un villaggio vicino , chiamato Romana ; in questo villaggio, la cui popolazine è di poche centinaia di persone, sono ancora ammassate migliaia di persone e - ovviamente - sono prigionieri.
- Lei è stato sulla collina vicino al campo?
- Sì, ci sono stato e poi mi sono mosso in un villaggio chiamato Domrani per raccogliere le storie delle persone che erano dentro il campo.
- Che cosa le hanno raccontato?
-Ci sono cose che mi hano veramente impressionato..Gente disperata che ha perso tutto e che non trova più i propri parenti; io lavoro per la Reuters e cerco di fare il mio mestiere di cronista ; ho già mandato alcune di queste testimonianze ; ce n'è una di un ragazzo di ventidue anni la cui madre è stata uccisa dagli israeliani ..morta dissanguata perchè non potevano arrivare ambulanze..L'hanno composto nella loro casa , poi questo ragazzo ha perso il fratello, ucciso durante i combattimenti ; sono stati costretti a lasciare il campo lasciando la madre morta nella casa per cinque giorni. Lui era distrutto..facevo fatica a sentire il suo racconto ; il fratello più piccolo - 10 anni - secondo il suo raconto - sarebbe scomparso quando i soldati israeliani sono andati nella loro casa..storie come queste..
-Ma gli israeliani, perchè livellano il campo?
- Sharon è stato a Jenin questo pomeriggio ; io non ero lì. ma mi è stato detto che nel pomeriggio è andato al campo , non certo per controllare la situazione; probabilmente per festeggiare la sua vittoria sulla resistenza del campo di Jenin: c'erano centinaia di carri armati, elicotteri che hanno colpito il campo per sette giorni; Sharon ha voluto festeggiare la sua vittoria..Per tutto il pomeriggio si sono sentite le esplosioni dei soldati israeliani , che hanno usato la dinamite per demolire le case; attorno alle due del pomeriggio, persone che erano vicine al campo, e che mi hanno riferito il fatto, mi hanno parlato di colpi di fucile sporadici ; secondo loro, secondo le mie fonti..si trattava di esecuzioni degli ultimi palestinesi che resistevano e che erano stati catturati ."






Nota: Quella riportata è la corrispondenza telefonica dell' inviato della agenzia Reuters a Jenin
rilasciata mercoledì, 10 aprile 2002, alle ore 17
ad un intervistatore di Radiopopolare network

http://www.liblab.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4162



http://www.liblab.it/

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb