centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Transdisciplinare
Pluridisciplinare
Educazione linguistica Italiano

Una raccolta di storie professionali
a cura di ''Le Quattro Ghinee''


Esperienze di lavoro di donne, per area professionale, raccontate per condividere problemi e scelte, per verificare strategie e ingenuità, in una parola, "per apprendere dall'esperienza delle altre".



Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola media superiore, Formazione post diploma, Formazione permanente
Tipologia: Materiale per autoaggiornamento

Abstract:

Entrando in ogni area professionale troverai la storia corrispondente. Ogni racconto prevede la presentazione della donna, la sua autobiografia e la storia del lavoro attuale, seguendo questo schema:

Presentazione
Autobiografia
Le esperienze di formazione
Le esperienze di lavoro
Le esperienze di vita
Storia di lavoro
Percorso di ricerca e descrizione del lavoro (modi e strategie)
Percorso di orientamento (consigli e strumenti)

PREMESSA

Obiettivo del presente lavoro è duplice: in primo luogo spiegare perché sono state cercare e trovate delle forme di narrazione per le storie di lavoro delle donne. Questo obiettivo risponde ad un bisogno di trovare forme di rappresentazione delle esperienze delle donne che lavorano, oggi, nel mercato del lavoro attuale, in Italia. In secondo luogo, esplicitare i presupposti che ci hanno spinte a mettere a disposizione l'esperienza di alcune donne, perché altre ne traggano vantaggio per l'impostazione della loro ricerca del lavoro.

Abbiamo raccolto delle storie di vita professionale, sapendo che le biografie sono un modo della produzione letteraria da tempo, sono elementi della storiografia, sono riferimento privilegiato della psicologia, materiali esplorativi dell'antropologia, materiale didattico per la pedagogia e strumento per il lavoro di ricerca per la sociologia. Questo crocevia disciplinare che i racconti di vita pongono in essere non è ancora stato intenzionalmente direzionato allo studio delle vite professionali delle donne.

Noi abbiamo voluto cominciare: sono state raccolte le biografie professionali di 11 donne, una per ogni raggruppamento in cui abbiamo raccolto e classificato le diverse professioni censite dall'ISTAT(1) L'esperienza di orientamento raccolta in anni di lavoro sul campo ci dice che ogni storia raccolta, pur essendo unica, può essere anche "campione di una serie", per dirla con le parole di Chiara Saraceno e Manuela Olagnero(2). La raccolta di storie può quindi avere un valore anche per altre donne, che possono riconoscere frammenti interessanti che riconducono alle loro scelte e ai loro dilemmi.

Se volessimo ricorrere alle parole della pedagogia, dovremmo ricorrere per esempio a quelle di Duccio Demetrio(3), pedagogista dell'età adulta che si è occupato del valore formativo di autobiografie e di biografie: "un progetto educativo che metta al centro l'autoeducazione di ciascuno - e ciascuna (N.d.R.) - basata sull'imparare a riflettere innanzitutto con e su se stessi, a promuovere i propri talenti, ad acquisire il più presto possibile un'indipendenza intellettuale e creativa, è inevitabilmente un progetto che facilita, e non inibisce affatto, le relazioni umane"(4).
Inoltre, sono proprio l'uomo adulto e la donna adulta ad essere oggi al centro dell'analisi psico-pedagogica e sociale, in particolare per quanto riguarda le loro traiettorie professionali e lavorative: dalle loro biografie si traggono le informazioni più immediate che conducono poi la ricerca sociale a mettere a fuoco i nuovi oggetti del cambiamento del mondo del lavoro.

Il presente lavoro -improntato in modo decisamente qualitativo e 'clinico', dove inoltre la conoscenza del soggetto che espone la propria narrazione è diretta- coglie sia dalle scienze sociali che dalle pratiche politiche delle donne il suggerimento di considerare fondamentale la riflessione sulla dimensione temporale della biografia, la riflessione sul passato per poter comprendere meglio il presente e disegnare alcuni elementi da "pro-gettare" nel futuro(5).

Da ultimo, va sottolineato come al lavoro archeologico che le biografie professionali possono metterci in grado di iniziare, si può affiancare il lavoro genealogico, ovvero le modalità di riproduzione sociale, fino a lambire da un lato i territori dell'analisi della mobilità sociale e dall'altro l'orizzonte della produzione e riproduzione simbolica. Fermiamoci prima di questi orizzonti: nel presente lavoro ci limitiamo agli oggetti dichiarati in apertura, ovvero a esplicitare il percorso di ricerca - nelle sue fasi di esplorazione, elaborazione e sistematizzazione - che ha portato a enucleare le tre "strategie" di ricerca del lavoro e a mettere a disposizione le 11 biografie professionali, così come in uno scambio relazionale sono state messe a disposizione di chi le ha raccolte.

Ci auguriamo che entrambi gli oggetti -presentati nelle Sezioni 6 e 4 del WEB "Donna al lavoro"(6)- risultino per le lettrici e per i lettori, portatori di idee, stimoli, suggestioni, chiarificatori rispetto a dubbi, indecisioni, scelte. E che, in primo luogo, le storie di lavoro risultino godibili come veri "romanzi di vita".


---------------------------------------------------------

Note:


I raggruppamenti delle professioni - AREEE PROFESSIONALI - sono:

1. Amministrazione e finanza
2. Servizi alla persona
3. Assistenza e cura
4. Artistica
5. Ambiente
6. Informatica
7. Vendita e commercializzazione
8. Educazione e formazione
9. Ricerca e cultura
10. Artigianato e mestieri
11. Tecnica specializzata


Per approfondimenti sul metodo di aggregazione delle professioni, vedere in questa sezione Il mercato del lavoro e le donne, LE QUATTRO GHINEE, (1998), in corso di pubblicazione, Milano, pp. 13/21
OLAGNERO Manuela, SARACENO Chiara (1993), Che vita è? L'uso dei materiali biografici nell'analisi sociologica, Roma, La nuova Italia Scientifica, p. 14
DEMETRIO Duccio, (1995), Raccontarsi. L'autobiografia come cura di sé, Raffaello Cortina, Milano, 1996
DEMETRIO Duccio, (1995), op. cit., p. 167
Abbiamo trovato di grande aiuto teorico le riflessioni di Maria Zambrano sulla confessione e la sua dimensione temporale. Ve le proponiamo: "la confessione parte dal tempo che si ha e, finché dura, parla a partire da questo, pur andando in cerca di un altro tempo. Sembra che la confessione sia un'azione che si verifica non nel tempo, ma con il tempo; è un'azione sul tempo nella realtà, e non virtualmente. E' il cammino per ottenere qualcosa in relazione al tempo e, come tutto ciò che è cammino, ha termine" in ZAMBRANO Maria, (1943), La confessione come genere letterario, Bruno Mondadori, Milano, p.44



http://donnalavoro.ticonuno.it/biblio/storie/storie.htm

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

francesca
mi sembra un buon sito, non solo per avviare alla scrittura e all'uso di un buon curriculum, ma anche come riflessione femminile sul lavoro.

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb