centro risorse per la didattica
Risorse per area disciplinare:   
Homepage
La redazione
 
Ricerca
Iscriviti alla news
Le newsletter
 
Attualità
Percorsi
Novità
Recensioni
 
Disabilità
Lavagna Interattiva
 
La tua segnalazione
Il tuo giudizio
 
Cataloghi in rete
 
DIDAweb
 

risorse@didaweb.net
 

  Cerca nel web:
Se sei un utilizzatore della toolbar di Google, puoi aggiungere anche il nostro pulsante:
Centro Risorse
  SCHEDA RISORSA

Condividi questa risorsa didattica
Abilità di base
Intercultura
La Leggenda del Mais.

Lingua: Italiana
Destinatari: Alunni scuola dell'infanzia, Alunni scuola elementare
Tipologia: Materiale di studio

Abstract:
La Leggenda del Mais

Molto ,molto lontano nel tempo non esisteva ancora niente o meglio esisteva ma doveva ancora diventare ;C'era solo il DioTzakol,solo e potente per nulla. Non era persona ma  da lui poteva essere creato tutto, non aveva corpo né sesso, per i Maya era l'origine del mondo. Viveva immerso in un liquido e si annoiava molto, questo lo si può capire, non aveva neppure la  televisione, allora si disse: che vale essere un dio se nessuno ti nomina ,se nessuno ti invoca e ti adora? Allora si consultò con se stesso, perché va detto, era uno ma allo steso tempo erano tanti, per forza con tutto il lavoro che aveva da fare. Creare il mondo non è mica uno scherzo!
Insomma si consultò e decise /decisero che doveva inventare qualcosa che li riconoscesse come dei: Cominciò a creare i monti e le valli, i mari, i fiumi, i fiori ed ad ognuno dette le istruzioni: come scendere al mare per i fiumi e fare i frutti per gli alberi. Dopo aver regolato tutto per benino si accorse che ancora nessuno lo invocava e allora creò gli animali, di tutti i tipi e tutte le specie, ma quando chiese loro di invocarlo si sentì solo un grande frastuono, ogni animale fece il suo verso,ma certo per Tzakol non era un'invocazione come l'intendeva lui. Allora formò l'uomo nel fango e pensò che doveva dargli la conoscenza perché potesse capire e parlare, gli venne abbastanza bene ma alla prima pioggia si sciolse. Lo rifece in legno e questa volta commise un grave errore: dette agli uomini tutta la conoscenza tanto che diventarono superbi, così superbi che tutto il resto della creazione si ribellò, persino, gli utensili non vollero più essere usati e gli si scagliarono contro: allora Tzakol li punì con il diluvio universale e loro furono  costretti a rifugiarsi sugli alberi e diventarono scimmie. Questo è il motivo per cui le scimmie assomigliano tanto all'uomo .Finalmente Tzakol capì che per fare l'uomo doveva impastare il mais, lo fece arrivare dai quattro punti cardinali che erano, il rosso ,il giallo ,il bianco e così creò l'uomo e le sue razze, popolò tutta la terra con uomini del colore del mais
.


Da . "Un libro buono un mondo"
         Giunti  -Progetti Educativi



http://fc.retecivica.milano.it/rcmweb/cdsweb/EducazioneContinua/Archivio/ColoridelleCulture/Cultura%20Latino-America/01F0CCC5-000F4A4A-01F35249

Condividi questa risorsa didattica

I giudizi degli utenti

Assenti

Aggiungi il tuo giudizio    Precedenti risultati   


  Iscriviti alla news
Ricevi in posta elettronica le novità e una selezione di risorse utili per la didattica.

Iscriviti qui


Novità
Le ultime risorse per la didattica catalogate ed inserite nel nostro database.

ENGLISH LESSONS AND TESTS.

"Progresso e catastrofe" - In due parole tutto il Novecento Recensione al testo di Salvatore Natoli di UMBERTO GALIMBERTI

Percorsi
Proposte di selezioni e percorsi fra le risorse e i materiali in archivio.

Percorsi
Feste e calendari multiculturali.
Calendari solari e lunari, festività religiose e tradizionali delle diverse culture.

Percorsi
Steineriane
Le ''scuole nuove'' della pedagogia steineriana, contrassegnate dal paradosso di un’accettazione pratica e di un’ignoranza teorica da parte degli stessi utenti e degli operatori della scuola pubblica, tra ''fedeltà karmica'', incarnazioni di individualità che ritornano sulla terra, bambini indaco e apparente buon senso pedagogico.

  Ambiente virtuale collaborativo in evoluzione ideato e sviluppato da Maurizio Guercio è una iniziativa DIDAweb