Gracias a la vida/Grazie alla vita
Luisa Rizzo
Condividi questo articolo


Gracias a la vida/Grazie alla vita





Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me dió dos luceros,
Que cuando los habro
Perfecto distingo,
Lo negro del Blanco,
Y en el alto cielo,
Su fondo estrellado,
Y en las multitudes
Al ombre que yo amo


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me ha dado el oído,
Que en todo su hancho,
Grava noche y dia
Grillos y canarios,
Martillos Turbinas
Ladridos Chubascos
Y la voz tan tierna
Del que estoy amando


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me ha dado el sonido
Y el abecedario,
Con el las palabras,
Que pienso y declaro
Madre amigo hermano,
Yluz alumbrando,
La ruta del alma
Del que estoy amando


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me ha dado la marcha
De mis pies cansados,
con ellos anduve,
ciudades y charcos,
Playas y desiertos,
Montañas y llanos
Y la casa tuya,
Tu calle y tu patio


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me dio el corazón
Que agita su marco
Cuando miro el fruto
Del cerebro humano,
Cuando miro el bueno

Tan lejos del malo
Cuando miro el fondo
De tus ojos claros


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto,
Me ha dado la risa
Y me ha dado el llanto
Asi yo distingo
Dicha de quebranto
Los dos materiales
que forman mi canto
y el canto de ustedes

que es el mismo canto,
y el canto de todos
,

que es mi propio canto


Gracias a la vida,
Que me ha dado tanto


Grazie alla vita che
mi ha dato tanto,
mi ha dato due astri
che quando li apro 
perfettamente distinguo
il nero dal bianco,
e nell'alto cielo
il suo sfondo stellato,
e tra le moltitudini
l'uomo che amo.


Grazie alla vita
che mi ha dato tanto,
mi ha dato l'ascolto
che in tutta sua apetura
cattura notte e giorno
grilli e canarini,
martelli turbine
latrati burrashe
e la voce tanto tenera
di chi sto amando.


Grazie alla vita
che mi ha dato tanto, 
mi ha dato il suono
e l'abbecedario
con lui le parole
che penso e dico,
madre, amico, fratello
luce illuminante,
la strada dell'anima
di chi sto amando.


Grazie alla vita
che mi ha dato tanto,
mi ha dato la marcia
dei miei piedi stanchi,
con loro raggiunsi
città e pozzanghere,
spiagge e deserti,
montagne e piani
e la casa tua, 
la tua strada, il cortile.


Grazie alla vita
che mi ha dato tanto,
mi ha dato il cuore
che agita il suo confine
quando guardo il frutto
del cervello umano,
quando guardo il bene
così lontano dal male,
quando guardo il fondo 
dei tuoi occhi chiari.


Grazie alla vita
che mi ha dato tanto,
mi ha dato il riso
e mi ha dato il pianto,
così distinguo
gioia e dolore
i due materiali
che formano il mio canto
e il canto degli altri
che è lo stesso canto

e il canto di tutti

che è il mio proprio canto.

Grazie alla vita
che mi ha dato tanto.


Grácias a la Vida (Violeta Parra)
(canta Mercedes Sosa)
(.mp3 file)


La versione di Joan Baez



Il testo e' disponibile in 11 lingue [sinora]
Italiano 1 - Italiano 2 - Italiano 3 - Italiano 4 - Francese 1 - Inglese - Francese 2 - Portoghese 1 - Portoghese 2 - Tedesco - Svedese - Esperanto - Cinese - Greco - Islandese 1 - Islandese2
su:
   Canzoni contro la guerra
http://www.prato.linux.it/~lmasetti/antiwarsongs/canzone.php?lang=it&id=168


ARAUKANIA KUINTET
VIOLETA PARRA & VÍCTOR JARA JAZZ MUSIC
scarica: |
ADSL - rm | 56K - rm | ADSL - wmv | 56K - wmv |

data: 2001/00/00 - fonte: ARCOIRIS TV
http://www.arcoiris.tv/modules.php



Condividi questo articolo

in Terra Straniera: IL PENSIERO AFRICANO CONTEMPORANEO: AL DI LA’ DELL’IDEOLOGIA E DELL’ ETNOFILOSOFIA di BARBARA CANNELLIPOLARITA’ SEMANTICHE E ARCHETIPITANGO A BUENOS AIRESL'ITALIA È UN PAESE STRANO - in ita. spa. eng. rom. fra.Gëzim Hajdari e la poetica dell'assenza in Corpo PresenteLe differenze culturali d'origine: conflitto o pluralità? - Di Gëzim HajdariNARRAZIONI MIGRANTI: DAL RIBALTAMENTO ALLA RIBALTA - La letteratura della migrazione come opportunità per inventare nuovi linguaggi e una nuova cultura della cittadinanza. - Di Adel JabbarLo sguardo da altrove - Incontro letterario con Younis Tawfik e la cultura arabaAmara Lakhous - Elegia dell'esilio compiutoIntervista a Amara LakhousMezzanotte profonda - di Tahar Lamri<IMG src=http://www.kenzi.com/albumen/morocco/images/henna/pty22.jpg border =0><br><b>
L’UCCELLINO DI HENNA </b> Fiaba tradizionale arabaNavi della speranza o navi delle illusioni? La storia di Gentian, approdato in Italia da Kavaja, un piccolo paesino dell’AlbaniaLo spettro della città nudaIl tango dello Stabat Mater - tra Jacopone da Todi e l'Argentina delle madri di Plaza de MayoEXPLICO ALGUNAS COSAS - Pablo Neruda, 1936<b><i>Una patria senza mappe né bandiere</b></i> di Gezim HajdariCanto Para una SemillaNowruz in KurdistanParla il Dalai Lama:
Obiettivo felicità   dello stesso autore: La mediazione linguisticaLa mediazione linguistica<b>La danza del sole e del vento </b>- Il Sangue Vivo della pizzica tarantata che emoziona le estati del SalentoFELICE  2009 !C'era una volta - Favole, fiabe, miti e leggende di diverse culture


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati