Sara e l'inafferrabile popolo del vento: .''... ho visto anche degli zingari felici...''
Condividi questo articolo



Sara e l'inafferrabile popolo del vento...

"Ma ho visto anche degli zingari felici..." cantava Claudio Lolli, tanti anni fa...


 

Elisabetta Caravati
13 maggio 2005

Una volta l'anno, il 24 e 25 maggio, il popolo del vento si riunisce nel sud della Francia in Camargue in un ambiente naturale unico in Europa abitato da fenicotteri rosa, cavalli bradi e tori...

Arriva, il popolo del vento, a Saintes Maries-de-la-Mer nei pressi di una chiesetta medioevale senza finestre, e porta con se' una carovana di suoni e di colori...

Arriva, il popolo del vento, e porta con se' un colossale accampamento di zingari veri, con le loro roulottes irte di antenne satellitari, le Mercedes, i denti d'oro, i mucchi di spazzatura abbandonata, gli odori grevi, la musica a tutto volume da altoparlanti un po' sfondati...

Disobbedienza, mistero, fede.
Ricchezza e miseria.
Sortilegi, lacrime e riso.
Concepiti nella musica, impregnati di buona e cattiva sorte; per loro il tutto e il niente non esistono, cosi' come il capire di non poter capire per loro significa, forse, capire.

Inafferrabili, sono.
Il culto dell'ignoto apre loro le porte dell'avvenire.
Prezioso e' il tempo, la magia sta nello sprecarlo...
Dare e ricevere, per loro, ha lo stesso valore.
Niente e nessuno puo' fermarli, perche' loro a niente e a nessuno appartengono.

Ignorano la liberta', perche' loro sono la liberta'!

Gitani spagnoli, Rom balcanici, Sinti dispersi qua e la', Manouche e tutte le altre tante declinazioni del popolo zingaro si ritrovano per il loro annuale Pellegrinaggio in onore della loro Santa protettrice, Santa Sara.

                  


 

La tradizione vuole che Sara fosse la schiava egiziana di Maria Jacobe' (zia di Gesu') e di Maria Salome' (madre degli apostoli Giacomo e Giovanni) cacciate dalla Palestina insieme a un gruppo di altre donne al seguito di Gesu'.

L'imbarcazione, senza timone e senza remi, sulla quale furono abbandonate approdo' su quel lembo di terra, e le donne si diedero subito da fare per convertire la popolazione locale allora dedita all'adorazione del dio egizio Ra.

Non si sa come sia cominciata la tradizione di questo ritrovarsi del popolo del vento; ma qualunque sia la sua origine, la tradizione vive almeno da cinquecento anni, e l'essere diventata il principale evento turistico della zona non le ha tolto nulla della sua spontaneita' zingaresca.

 



Condividi questo articolo

in Il popolo che danza: LES GITANS - Fotgrafie by LUCIEN CLERGUELe mystère de SARABologna - Ruspe contro i rumeni sul Lungo RenoMIRACOLO ALLA SCALA: dai campi nomadi alla Scala, la storia di una piccola zingarella rom, della favela di via Barzaghi che sogna di ballare ne ''Il lago dei Cigni''FumettoPorrajmos: Geografia dello sterminioROM E SINTI: LO STERMINIO DIMENTICATO - mostra multimedialeLE DUE BROCCHELa guerra ai poveri. Alex Zanotelli sulle ruspe a Napoli<img height=384 
src=http://www.csoaterraterra.org/immagini/vittime.jpg width=370 border=0><br>Vita da RomI Rom della grande-LioneDal Falò alla Rete. Incontro con Fabrizio CasavolaUN’IDEA ALTRA DI CITTA’ - CONFRONTO E PROPOSTE SUI TEMI DELL’ABITARE E DELLA CITTADINANZA DELLE COMUNITA’ ROM NELLA PROVINCIA DI MILANO - CONVEGNO 26 NOVEMBRE 2005Rom, i più discriminati d'EuropaClandestini a Milano - Un forum sul sito del ComuneIl Comune: i ROM fuori da MilanoMILANO - Capo Rizzuto, cancellato il campo: rassegna stampaI SINTI PIEMONTESI‘Come in un campo di concentramento’- Così dice l’Onu su un campo Rom della capitaleErcolano, a fuoco un campo nomadi. FotoSara e l'inafferrabile popolo del vento: .''... ho visto anche degli zingari felici...''Per l'Oim è necessario garantire maggiore sostegno ai Rom sopravvissuti all’OlocaustoTorino Tzigler e la festa degli zingari di Les Saintes Maries de la MerLE ROM ANDE EVROPA: JEK XARNI HISTORIJALa situazione dei Rom in un'Unione Europea allargataNapoli - Bloccata espulsione di massa di rom romeni''Il razzismo va bloccato sul nascere'' - Verona, il pm Papalia sulle motivazioni della sentenza che accosta i leghisti al nazismoIl non senso comune sugli zingari''Io sono iscritta a scuola, ho anche tre amici italiani. Della Romania non ricordo niente. Non avrei mai pensato che dall’Italia mi avrebbero mandata via così''Ancuzha, 13 anniLa lingua DEI ROM XORAXANÉ - (NOTE GRAMMATICALI - GLOSSARIO)Bologna - I rom: la minoranza meno accettata nella società occidentale  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati