Giovanni Paolo II - Le comunità musulmane: "E' un uomo speciale e per noi ha fatto molto"
Condividi questo articolo


Le comunità musulmane: "E' un uomo speciale e per noi ha fatto molto"


 


di Francesca Pacifici



ROMA - La foto che ritrae il Papa in un’espressione di terribile sofferenza ha fatto il giro del mondo in questi giorni. Ed è presente anche in tutti i giornali dei paesi arabo-musulmani. L’apprensione per la sua vita unisce tutte le comunità religiose in un abbraccio ideale, un abbraccio che con il suo calore supera quasi miracolosamente ogni divisione, ogni conflitto. «La salute del Papa è importante per tutti – dice Abdul Hamid Shaari, presidente dell’Istituto di cultura islamica di viale Jenner a Milano –. Tutti siamo sconvolti e colpiti dalla sua sofferenza. E anche noi musulmani siamo vicini a Karol Wojtyla, preghiamo per lui e per la sua salute. Ci auguriamo che questo pontificato, attento da sempre al dialogo con la nostra religione, possa durare ancora».


Una reazione, quella del mondo musulmano italiano, che per un attimo dimentica le diversità, ricordando soprattutto le affinità tra le “Genti del Libro”: così vengono chiamati nell’islam i seguaci delle tre grandi religioni monoteiste, cristiani, musulmani ed ebrei. «Siamo tutti fratelli e sorelle, musulmani e cristiani – afferma Mohamed Parracino, coordinatore del Centro di cultura islamico di Bologna -. In questi momenti di grande sofferenza non è possibile distinguere un cristiano da un musulmano o da un ebreo. Stiamo parlando di un uomo che sta morendo. Un uomo speciale, che ha fatto molto anche per noi. A Bologna la comunità musulmana ha avuto da sempre ottimi rapporti con la Chiesa cattolica, tanto che qui al Centro di cultura islamico organizziamo, insieme alle azioni cattoliche, incontri mensili per dialogare, per confrontarci e conoscerci meglio. Ci auguriamo quindi che il Papa ce la faccia anche stavolta. Inshallah! (se dio vuole, ndr)».

Momenti di apprensione dunque, anche per il mondo musulmano. Momenti di rimpianto, per un pontefice che ha tenuto sempre aperte le porte della Chiesa: «Ma come potremmo dimenticare noi musulmani Karol Wojtyla allo stadio di Casablanca davanti a migliaia di musulmane e musulmani marocchini? – dice Hamza Piccardo, segretario generale dell’Ucoii -. Come potremmo dimenticare la forza dell’immagine del Papa che entra come pellegrino nella moschea di Damasco e che prega sulla tomba di Giovanni Battista: per noi un profeta dell’islam e per i cristiani un grande santo?».

È proprio in questi momenti di crisi che ci si ferma a riflettere: «Il Papa è grave. – afferma Piccardo -. E questo è il momento di riflettere, di ripensare a tutti gli anni del suo pontificato. Sono stati anni importanti, che hanno visto il crollo del comunismo e che hanno visto per noi l’approfondimento del dialogo interreligioso avviato dal Concilio Vaticano II». E per la successione? Il segretario generale dell’Ucoii è preoccupato per il futuro della Chiesa: «Ci auguriamo che il nuovo Papa si renda conto dell’importanza del suo ruolo e della sua spiritualità in questi tempi di materialismo sfrenato. E noi musulmani speriamo anche che il nuovo pontificato prosegua il cammino di Papa Giovanni Paolo II nell’apertura e nel dialogo con la religione islamica».


(01 aprile 2005 - ore 15.34)


http://www.ilpassaporto.kataweb.it/dettaglio.jsp?id=26927&s=2



Condividi questo articolo

in Dialogare con l'Islam: Il video blasfemo di Theo Van GoghLettera al Capo dello Stato di Hamza Roberto Piccardo (segr. naz.le UCOII)Lettera aperta dell'Ucoii a Ciampi: mussulmani italiani discriminati, Pisanu sbagliaNo alla Consulta nazionale dei musulmani del governo BerlusconiNasce la Consulta per l'Islam italianoChi rappresenta i musulmani d’ItaliaIl blog di Giuliano Falco: lo spazio libero di un non musulmano su un sito islamicoMediterraneo, la traccia delle reti ''Non saremmo ciò che siamo senza l'Islam e le altre culture''Carla Petrachi incontra Silvio MarconiPaolo Rumiz - L´islam italiano(3):I musulmani laici del ''mare dietro casa''Paolo Rumiz: L’Islam italiano (2) I moderati senza vocePaolo Rumiz: L´Islam italiano (1)Abdessalam Yassin,Rachid Ghannouchi Nadia Yassin,Hassan al Banna Tareq Ramadan. Neo-tradizionalisti e democratici.La nuova generazione di  musulmani accetta la democrazia anche nei paesi d'origine.Un mese di digiuno: il cammino del cuore - di Tariq RamadanHenna e RamadanLa storia del libro dal Corano a GutenbergLe leggi di famiglia dei Paesi arabi del Nord Africa - 1997PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO - MESSAGGIO PER LA FINE DEL RAMADAN ‘Id al-Fitr 1426 A.H. / 2005 A.D.Testimonianze di donne musulmane ritornate all'Islam da altre religioniBuon ritorno, Ramadan! Un articolo di Hassan El ArabyMoschea Aperta a FirenzeQuando i musulmani si comportano come tali la gente abbraccia spontaneamente l'IslamRamadan dove: ROMA - la moschea più grande d'EuropaIn Italia: gli spazi del RamadanIl comitato organizzatore del 28 ottobre: <b>Auguri ai musulmani per l'inizio del Ramadân</b>Nuovo sito di informazione e dialogo con l'IslamMusulmani d'Italia aderite all'appello dell'UCOII - Il terrorismo e la paura si combattono con la convivenza, il dialogo, la pace.Cantiere del dialogo di Greccio 02-04 giugno 2005- <b>Ebrei, cristiani, musulmani in dialogo<b>I musulmani d`Italia contro  il terrorismoReligioni, democrazia, dialogo cristianoislamico: un incontro a ModenaImam-donna e un dibattito necessarioPurché nulla cambi davvero - Algeria - La tanto attesa riforma del diritto di famiglia è passata, ma è una scatola vuotaLa forza del dialogo Zilka Siljak, teologa islamica, racconta l'esperienza di IMICMadre serba, padre croato, lei cattolica, in una città sempre più musulmana: SarajevoMusulmani d'Italia - Intervista a Roberto Hamza Piccardo, segretario nazionale dell'UCOIIManifesto musulmano delle libertàFemminismo islamico: più radicale di quello secolareUn apostata tra Islam e Occidente - Nasr Hamid Abu ZaydIRAQ - L'islam alla prova del votoGiovanni Paolo II - Le comunità musulmane: La via del cuore. A colloquio con un maestro SufiCaccia al musulmano: è lo scopo dei jihadisti - Intervista a Khaled Fouad AllamE l’intellettuale arabo rinunciò a scrivere. La decisione di Sayyid al-Qimni, 58 anni, studioso impegnato nella riforma dell’Islam.LONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!Ecco il mio Islam dei Lumi - intervista a Malek Chebel, antropologo e psicanalista di origine algerina, autore di ''Manifeste pour un islam des Lumières''Appello ecumenico per la quarta giornata del dialogo cristianoislamico del 28 ottobre 2005India: una sentenza che infanga l'IslamI DIRITTI CULTURAL-RELIGIOSI TRA RELATIVISMO E LAICITA’ DELLO STATO - Sintesi della relazione (Bari, 25.6.05) di Nicola ColaianniSi è riunito a Barcellona, per la seconda volta, il Parlamento delle religioni. Non sarà l'ultimaControversia sotto il veloIslam e Europa: vecchi e nuovi rapporti - di Paolo BrancaIslam e l'Europa. La sfida di un incontro di civiltà<IMG height=135 
src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/ramdts.jpg width=138 border=0><br>Ramadan 2004 - A tutti i musulmani d'ItaliaIL CONCETTO DI LAICITA’ NELL’ISLAM TUNISINO
di Dr.Leila El Houssi a.a. 2000-2001  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati