Eroiche vittime - Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzione
Condividi questo articolo



Eroiche vittime

Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzione

 

Sri LankaVittime discriminate o motore della ricostruzione. Le donne nel dopo tsunami stanno affrontando barriere secolari che rendono ancora più difficile superare la tragedia del 26 dicembre.

Finora nei luoghi devastati del Sud Est Asiatico diverse donne hanno partorito senza la necessaria assistenza, sono state escluse dagli aiuti o hanno subito violenze dai loro stessi soccorritori che la mentalità locale spesso impedisce di denunciare. Dallo Sri Lanka, Shanti Sivasanan di Oxfam dice: “Qui la violenza sessuale è un problema diffuso anche all’interno della famiglia. Ma le donne non diranno mai di essere state violentate, soprattutto se gli abusi e i maltrattamenti sono stati compiuti dai loro mariti”.

 

Discriminazioni. L’Asia Pacific Forum on Women, Law and Development (Apwld) d'altra parte spiega: “Nei disastri le donne sono più vulnerabili e discriminate degli uomini quando gli sforzi di soccorso si basano su strutture pre-esistenti di distribuzione delle risorse che riflettono una società patriarcale”. L'Apwld è una delle principali Ong che hanno partecipato al meeting di Bangkok (8 marzo scorso) sulle condizioni delle donne sopravvissute al maremoto. Le discriminazioni sono state registrate in diverse circostanze. “ Il governo singalese – continua Sivasanan – sta distribuendo 5mila rupie a ogni famiglia colpita dal maremoto, ma nella città orientale di Batticaloa per esempio solo gli uomini possono ritirare la somma. I nomi delle donne non compaiono sulle liste degli aiuti”. Non si tiene conto che molte di loro sono diventate capo famiglia dopo la morte dei mariti, uccisi proprio dallo tsunami. Una situazione analoga si è creata nei campi per sfollati. ”Sono stati formati comitati di gestione di soli uomini”, dichiara l’operatrice di Oxfam. “Perciò stiamo tenendo alcuni seminari rivolti a tutte le figure che intervengono nei soccorsi per accrescere la consapevolezza su queste discriminazioni e – ci auguriamo – cambiare i comportamenti”. In Sri Lanka, tra l’altro, gran parte delle vittime dell’onda anomala erano donne che non sapevano nuotare o arrampicarsi sugli alberi, un gioco che tutti i singalesi maschi delle zone rurali hanno praticato da bambini.

 

bambino sopravvissuto, Sri LankaCondizioni sanitarie e mancanza di impiego. L’Apwld sottolinea che tante giovani necessitano di cure adeguate. Nei Paesi colpiti dall’onda anomala almeno 150mila, infatti, sono attualmente incinta e un terzo di loro darà alla luce un bambino entro i prossimi tre mesi. E’ già accaduto dopo il 26 dicembre che diverse donne abbiano partorito in condizioni precarie, all’aperto o addirittura sotto le battenti piogge monsoniche. Un altro grave problema è la perdita del lavoro: nelle zone rurali migliaia di contadine non hanno di che vivere dopo che le piantagioni in cui lavoravano sono state completamente inondate.

 

Ong al femminile. Intanto moltissime donne sono impegnate nella ricostruzione. La singalese Genderwatch, un gruppo umanitario al femminile, sta compilando schede sui bisogni degli sfollati con particolare attenzione alle esigenze delle donne. Così in Indonesia, nella provincia dell’Aceh, la più devastata dal maremoto, la Flower Aceh  ha creato in ogni campo un centro di soccorso specifico per loro e  i bambini. Anche l’organizzazione tra l’altro è stata duramente colpita dal maremoto, avendo perso in un sol giorno gli uffici e i documenti di quindici anni di lavoro. “Puoi ricostruire gli uffici e riacquistare i computer, ma non le informazioni”, dice un membro di Flower Aceh. A partire dal 1989 l’Ong ha raccolto dati sull’impatto delle pratiche culturali e del conflitto in corso nella provincia islamica dell’Aceh sulle donne. “Queste informazioni, uniche e irripetibili, sono scomparse in pochi minuti”, continua l’operatore. “Avevamo anche un giardino dove coltivavamo 600 piante per uso medico. Anche questo è andato distrutto”.

  Aceh, Indonesia

Donne e guerra. Nelle circostanze più sfortunate molte organizzazioni umanitarie dell’Aceh hanno perso anche membri del loro staff. E’ tuttora dispersa Syarifah Murlana, una coraggiosa e illustre avvocatessa della Legal Aid Foundation che rappresentava i prigionieri politici arrestati dall’esercito indonesiano con l’accusa di sostenere la guerriglia. In Aceh, infatti, dagli anni ’70 si consuma la guerra tra ribelli separatisti e militari governativi. In nome del conflitto i civili continuano a cader vittime di stupri, torture, esecuzioni e arresti sommari. Il ruolo delle Ong locali è stato in questi anni di vitale importanza, perché fino al 25 dicembre scorso gli interventi umanitari stranieri avevano subito limitazioni o non erano stati ammessi in Aceh. Il ritorno degli aiuti e dei media internazionali nel periodo dopo tsunami potrebbe dunque segnare un punto di svolta nella gestione di un conflitto troppo a lungo dimenticato.


 


 



Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Volti femminili dell'islamUna vuota libertà - dopo la caduta di Saddam la popolazione femminile ha dovuto fronteggiare nuove avversità e un aumento della violenzaLa sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola. Da New Delhi Maria Grazia CoggiolaLa condizione della donna Sahraui - Tesi di laurea ROSSELLA MELOTTII PROBLEMI CHE PONE L´EPOCA DEL MULTICULTURALISMO - Come accogliere le differenze - Luce IrigarayWeltliebe: amore del mondo <b><i>Perchè non si tratta solo di riconoscere di essere nati da una madre, ma di saperla amare</b></i> Chiara Zamboni a proposito di un libro di Andrea GünterLa CEDAW - Convenzione per l'eliminazione di tutte le discriminazioni nei confronti delle donne e la  Conferenza di Beijing - Stefania ScarponiL'Africa filmata dalle donne di ELISABETH LEQUERETSul sesso dello Stato - La sfida della politica e della democrazia in Africa 
Fatou Sow (sociologa, Senegal)Le Madri argentine di Plaza de Mayo -<b> Noi pazze, a gridare la verità -</b>  di Daniela PadoanVite vissute/ Vite rappresentate - Donne, migrazioni e tratta fra stereotipi e realtàDenunciò gli stupri di gruppo il Pakistan imbavaglia MukhtarDonne Marocchine in ItaliaLe donne in Tanzania - Doveri senza diritti e sfruttamento: la donna è il capro espiatorio su cui si sfoga la violenza del sistema.Le donne del Mali per un'altra Africa. La Libri di DONNE, Libri di DEELettera a mia figlia che vuole portare il velo - di Leila DjitliTALI FAHIMA - Ventotto anni, sefardita, elettrice del Likud, oggi agli arresti per ''collaborazione con il nemico''. La sua colpa, aver visto in faccia e denunciato gli orrori di Jenin<img 
src=http://wwwimage.cbsnews.com/images/2005/03/11/image679527x.jpg border=0><br>Pakistan : la Corte Suprema ha dato ragione a Mukhtar MaiSfido Mubarak in nome dei diritti umaniDue donne nella nuvola. Tossica. Sopravvissute alla tragedia di Bhopal, sono diventate due vere leader nazionaliIl velo divide le donne musulmaneONU - DICHIARAZIONE DELLA 49a SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLO STATO DELLE DONNE (New York, 5 marzo 2005)CEDAW - Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Contro le Donne - Commenti conclusivi: Italia (28 gennaio 2005)SHADOW REPORT - Rapporto ombra alternativo a quello del governo italiano sulla attuazione della Piattaforma di Pechino in ItaliaNarrare il confine. Intervista alla scrittrice Gabriella Ghermandi di Ubax Cristina Ali FarahLa Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globaleIl concetto di sapere come vera fonte di seduzione della figura femminileChe cosa ha il corpo delle donne da dover essere velato? Laura Pigozzi a proposito di ''L'Harem e l'Occidente'' di Fatema MernissiIslam e donne: TRADIZIONE O REPRESSIONE? di Giuliana Sgrena1995 - P e c h i n o  - La dichiarazione conclusiva della quarta Conferenza mondiale sulle donne.Piattaforma d'azione di Pechino, 1995: tutti i materiali in italianoL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana Sgrena -  ''I confini della scrittura? La bellezza della testimonianza, quando si allea con la sincerità, trasporta l’emozione''Le donne del Corso di preparazione alla nascita organizzato dal Centro di aiuto e ascolto delle donne e dei bambini immigrati all’ospedale San Paolo di MilanoI percorsi professionali delle immigrateSocietà Italiana delle Storiche - Scuola estiva: Empowerment, diritti e culture delle donne a dieci anni dalla conferenza mondiale di PechinoPunjab. Stupratori assolti, proteste in PakistanBalcani: la tratta delle donne - Trafficking: l'industria del sesso in KosovoDalla plaza de Mayo per un paese diversoEroiche vittime - Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzioneCARTA MONDIALE DELLE DONNE PER L’UMANITA’Agente di prossimità: un nuovo profilo di impiego per le donne''Al primo posto la società civile'' - Intervista alla scrittrice Nawal Saadawi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati