Anche lo scrittore Ibrahim Nasrallah respinge l'invito alla Fiera del Libro di Torino dedicata a Israele
Condividi questo articolo


Anche lo scrittore Ibrahim Nasrallah respinge l'invito alla Fiera del Libro di Torino dedicata a Israele


Ecco il testo della lettera inviata al direttore della Fiera


(24 gennaio 2008)


Al direttore della Fiera del libro di Torino, signor Ernesto Ferrero,

ho ricevuto la vostra lettera che mi invita a partecipare alla Fiera internazionale del libro prevista per il prossimo mese di maggio.


La cultura italiana ha un grande spazio nel mio cuore: la sua creatività artistica ha avuto un ruolo importante nel cambiare il mondo, renderlo meno crudele e quindi più giusto, proiettato verso la libertà e il coraggio che ci vuole per difenderla.


Ma grande è stata la mia sorpresa quando ho saputo che la vostra Fiera ha invitato lo Stato di Israele come ospite d’onore, e nell’occasione dei 60 anni dalla sua nascita, tanto più che insieme all’invito ho ricevuto la notizia del massacro a Gaza di 20 palestinesi per mano delle forze di occupazione israeliane e che il portavoce del governo, nel descrivere il massacro, dichiarava: “è lo spettacolo più bello che si possa vedere” .


Noi non siamo con la Palestina perché siamo palestinesi o arabi, ma perché la Palestina è una dura prova quotidiana per la nostra coscienza umana. La vostra decisione di invitare Israele come ospite d’onore ha dato un brutto colpo alle coscienze e ai sentimenti di milioni di persone in tutto il mondo e anche a quegli scrittori e artisti italiani che con coraggio sostengono la Palestina e la sua causa, per il semplice fatto che è una giusta causa.


Ho visitato l’Italia molte volte, ci ritorno spesso, grato alla gente che incontro e a cui mi lega un rapporto che va al di là di quello che ho con i lettori dei miei libri. Non voglio chiedervi quale sarà la vostra risposta quando vi chiederanno con quale coscienza vi siete mossi nell’organizzare questa mostra, scavalcando i più semplici diritti, come dimostra la storia e l’umanità, e accettando che la sofferenza dei palestinesi e il furto delle loro terre siano oggetto di celebrazione per i loro assassini e occupanti .


Una occasione del genere dovrebbe portare chiunque, e soprattutto gli uomini di cultura, a manifestare la propria umanità e a solidarizzare con il popolo palestinese, dato che è questo ad essere stato sradicato dalla propria terra nello stesso giorno in cui lo Stato di Israele è nato. Un popolo, quello palestinese, che subisce la più brutale repressione e viene massacrato da 60 anni, quotidianamente.


Nel giorno della loro Nakba ( catastrofe ) i palestinesi spererebbero in una reazione di umanità, ricevono invece la vostra decisione che non prende in considerazione l’ingiustizia e la sofferenza. Quale sarà l’impatto sugli scrittori e gli artisti italiani che credono nella causa palestinese?
Auspicherei che la direzione della Fiera cambi rotta e corregga l’errore di aver invitato lo Stato di Israele come ospite d’onore. Il mondo della cultura non può tacere di fronte a chi descrive un massacro come, “ lo spettacolo più bello che si possa vedere”. Preghiamo piuttosto per una cultura della bellezza che ci accomuni,


Ibrahim Nasrallah


(scrittore, poeta e saggista nato ad Amman nel 1954 in un campo profughi palestinese, autore di "Dentro la notte", edito in Italia dalle edizioni Ilisso)


fonte: forumpalestina@libero.it



Condividi questo articolo

in Letture Condivise: GLI INTELLETTUALI A NAPOLITANO:  Lettera aperta a Tariq RamadanFiera del Libro, cda: ''Israele, presenza culturale. E ora si lavori sul programma''Shalev non andrà a Torino se si parlerà di politicaLINGUA MADRE DUEMILASETTE - Racconti di donne straniere in ItaliaPresentazione del libro ''GENTILISSIMO'' (la Toponomastica del Sentimento) di Maurizio BenvenutiPREMIO BIENNO CONTI: Scrivere le MigrazioniSe Israele nega Israele - Elena LowenthalSalone del Libro di Parigi - Da Oz a Grossman le parole d´Israele. Anais GinoriSalone del libro di Parigi «Il boicottaggio punisce gli arabi» Massimo NavaTesto da utilizzare in ambito scolastico sul tema dell'integrazione culturare fra italiani ed albanesiMeir Shalev - La mia identità ebraica è nella lingua in cui scrivoAppello contro il boicottaggio della Fiera Internazionale del libro di TorinoSguardi dal genocidio nell'occhio del carnefice. Appena uscito per la Einaudi, «Album Auschwitz» riattualizza i quesiti interpretativi dalla rappresentazione fotografica dell'OlocaustoPer affermare le proprie ragioni il boicottaggio culturale è sterile - Ester FanoDiario dal mondo vissuto in prima persona. Alessandro Portelli ha raccolto in volume le sue ricerche di oltre trent'anni''La Fiera non è un'occasione agiografica''. Ernesto Ferrero risponde alle polemicheRitorno sul campo,i lavori in corso di uno storico militante - Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo di Alessandro PortelliO a Torino con dignità e libertà e senza umilianti compromessi, oppure in altre sedi libere e tra uomini liberi. Un articolo di Giorgio IsraelUn boicottaggio sbagliato. Articolo di Valentino Parlato sulla Fiera internazionale del libro di Torino 2008L'intellettuale egiziano Ramadan invita a boicottare la Fiera del Libro di TorinoAnche lo scrittore Ibrahim Nasrallah respinge l'invito alla Fiera del Libro di Torino dedicata a IsraeleSuad Amiry: Fiera del Libro di Torino 2008. Festeggiare con Israele ma che cosa?Il prezzo del velo - La guerra dell’Islam contro le donne - Giuliana  SgrenaCome si può trovare un punto di incontro tra Oriente e Occidente? I Nobel Kenzaburo Oe e Pamuk a colloquio  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati