La Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globale
Condividi questo articolo


La Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globale


di Nadia De Mond
Mentre si è appena chiusa la quinta edizione del Forum Sociale Mondiale a Porto Alegre, si può provare ad affrontare alcune questioni strategiche poste nel dibattito sul femminismo, a partire dalle pratiche sviluppate in questi ultimi anni.


La Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà si è formato nel 1999, come rete femminista globale, lo stesso anno in cui maturava l'idea di contrapporre al Fem di Davos un Forum degli altri, dei popoli, delle persone del Sud e del Nord del mondo, escluse dagli ambiti decisionali delle élites di potere. Nel 2000 abbiamo riunito più di seimila associazioni attorno ad una piattaforma mondiale per combattere le violenze e la povertà che condizionano la vita delle donne sul pianeta. Da allora la rete si è trasformata in un movimento che sviluppa le proprie campagne, individuando temi unificanti, articolati secondo le diversità culturali del contesto specifico in cui le migliaia di associazioni di donne si trovano ad agire. Un movimento femminista che si è collocato dall'inizio (Porto Alegre 2001) all'interno del movimento dei Forum Sociali.

Si tratta di una scelta pragmatica ma non casuale, così come è pragmatico (ma tutt'altro che privo di riferimenti teorici fondanti) il movimento altermondialista. La Mmd ha come punti di riferimento e organizza innanzitutto le donne che resistono quotidianamente agli effetti delle politiche neoliberiste, combinando la lotta per la sopravvivenza e l'accesso ai beni primari con pratiche di empowerment delle donne, che prendono le forme più varie nelle diverse società patriarcali. Ci siamo trovate insieme alle donne e agli uomini della rete contadina internazionale di Via Campesina nella lotta per la sovranità alimentare contro le politiche dell'Omc, con il movimento per l'annullamento del debito e con le grandi manifestazioni che hanno contrastato i Trattati di libero commercio. Portando in questo ambito la nostra analisi di genere e la nostra agenda di donne femministe.


La nostra scelta che si basa sulla coscienza che per cambiare il mondo - ed è questa la nostra pretesa, non quella di vivere eternamente ai suoi margini - dobbiamo misurarci, volenti o nolenti, con i rapporti di forza che determinano gli spostamenti del quadro politico, della cultura, del senso comune. Costruire i rapporti di forza vuol dire innanzitutto comunicare, creare senso comune, mettere in rete. In breve produrre movimento. Un movimento sociale è tale quando consiste in un gran numero di persone che si associano, si muovono insieme, con forme di azione e scadenze decise comunemente, per raggiungere determinati obiettivi. A queste regole non può sfuggire il movimento delle donne. Prima di investirci quindi in ambito strettamente politico vogliamo sperimentarci nella creazione di un'altra forma di assunzione di responsabilità collettiva, che tenta nuove forme di mediazione e di espressione, in itinere.


Molte volte abbiamo parlato, in ambito femminista, dell'asimmetria esistente tra il nostro agire, i nostri discorsi, le nostre priorità rispetto ai temi imposti dalla Politica al maschile e con la maiuscola. Dei meccanismi, palesi e occulti, insiti nel sistema pervasivo di dominio che chiamiamo patriarcato, che relegano al secondo posto preoccupazioni centrali per le donne; delle difficoltà a tradurre queste - desideri, intuizioni, un abbozzo di socialità differente, in una parola il "partire da sé" - in termini politici.

Siamo continuamente combattute tra la necessità - e il piacere - di costruire i nostri luoghi di movimento separati, di resistenza, di creazione di alterità, con i ritmi e con i metodi propri, da una parte e la necessità di misurarci con la congiuntura politica e sociale dettata dal Potere, per forza delle cose altro da noi, dall'altra. Concordo con chi ritiene che è una fatica improba. Ma la soluzione non consiste nell'abbandono dei luoghi misti dell'agire sociale e politica.


Esiste uno spazio di ricerca nel movimento dei movimenti che è propizio ad una contaminazione femminista. Sono cadute antiche barriere ideologiche, vengono superati pragmaticamente schieramenti politici precostituiti. Prevale la pratica dell'obiettivo comune, da verificare passo per passo. In questo contesto, la sfida è nelle nostre mani. La sordità dei compagni non è in discussione ma è poco rilevante (e rischia di diventare un alibi per la nostra incapacità ad agire) quando innanzitutto si tratta dispiegare tutta la forza di proposta e la creatività di cui il femminismo è capace; di unire le forze e moltiplicarle, di lavorare con pazienza e tenacia alla costruzione di luoghi, separati e non, accoglienti per le donne che desiderano fare politica nel movimento in quanto donne.


A partire dall'8 marzo 2005, una nuova marcia mondiale verrà lanciata dal Brasile e attraverserà 60 Paesi, portatrice di una visione femminista di un altro mondo possibile, espressa in una Carta mondiale delle donne per l'umanità. Questo documento è il frutto di un anno di discussione nelle associazioni facente parte della Mmd, ed è stato approvato nell'incontro mondiale appena conclusosi in Ruanda. Ci servirà da collant simbolico tra le iniziative che vedono le donne in azione, contro la precarizzazione della vita e lo smantellamento dello Stato sociale in Europa, contro le violenze provocate dallo stato di guerra permanente nella regione africana dei grandi laghi come nel Medio Oriente, per il diritto a disporre liberamente del proprio corpo in qualsiasi parte del mondo.

La campagna si concluderà il 17 ottobre con una 24 ore di solidarietà femminista, in Burkina Faso. In Europa un Forum /Festival Femminista verrà organizzato a fine maggio sugli stessi temi che hanno caratterizzato la giornata delle donne a Bobigny nel Fse del 2003, in opposizione al trattato costituzionale di chiaro segno liberista e che ignora i bisogni e le aspirazioni delle donne.

La dichiarazione dei movimenti sociali presenti a Porto Alegre invita tutti/e nell'arco di questi sette mesi ad interagire con la campagna della Marcia, inserendola nell'agenda del movimento dei movimenti.

Coordinamento europeo della Marcia Mondiale delle Donne 



Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Volti femminili dell'islamUna vuota libertà - dopo la caduta di Saddam la popolazione femminile ha dovuto fronteggiare nuove avversità e un aumento della violenzaLa sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola. Da New Delhi Maria Grazia CoggiolaLa condizione della donna Sahraui - Tesi di laurea ROSSELLA MELOTTII PROBLEMI CHE PONE L´EPOCA DEL MULTICULTURALISMO - Come accogliere le differenze - Luce IrigarayWeltliebe: amore del mondo <b><i>Perchè non si tratta solo di riconoscere di essere nati da una madre, ma di saperla amare</b></i> Chiara Zamboni a proposito di un libro di Andrea GünterLa CEDAW - Convenzione per l'eliminazione di tutte le discriminazioni nei confronti delle donne e la  Conferenza di Beijing - Stefania ScarponiL'Africa filmata dalle donne di ELISABETH LEQUERETSul sesso dello Stato - La sfida della politica e della democrazia in Africa 
Fatou Sow (sociologa, Senegal)Le Madri argentine di Plaza de Mayo -<b> Noi pazze, a gridare la verità -</b>  di Daniela PadoanVite vissute/ Vite rappresentate - Donne, migrazioni e tratta fra stereotipi e realtàDenunciò gli stupri di gruppo il Pakistan imbavaglia MukhtarDonne Marocchine in ItaliaLe donne in Tanzania - Doveri senza diritti e sfruttamento: la donna è il capro espiatorio su cui si sfoga la violenza del sistema.Le donne del Mali per un'altra Africa. La Libri di DONNE, Libri di DEELettera a mia figlia che vuole portare il velo - di Leila DjitliTALI FAHIMA - Ventotto anni, sefardita, elettrice del Likud, oggi agli arresti per ''collaborazione con il nemico''. La sua colpa, aver visto in faccia e denunciato gli orrori di Jenin<img 
src=http://wwwimage.cbsnews.com/images/2005/03/11/image679527x.jpg border=0><br>Pakistan : la Corte Suprema ha dato ragione a Mukhtar MaiSfido Mubarak in nome dei diritti umaniDue donne nella nuvola. Tossica. Sopravvissute alla tragedia di Bhopal, sono diventate due vere leader nazionaliIl velo divide le donne musulmaneONU - DICHIARAZIONE DELLA 49a SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLO STATO DELLE DONNE (New York, 5 marzo 2005)CEDAW - Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Contro le Donne - Commenti conclusivi: Italia (28 gennaio 2005)SHADOW REPORT - Rapporto ombra alternativo a quello del governo italiano sulla attuazione della Piattaforma di Pechino in ItaliaNarrare il confine. Intervista alla scrittrice Gabriella Ghermandi di Ubax Cristina Ali FarahLa Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globaleIl concetto di sapere come vera fonte di seduzione della figura femminileChe cosa ha il corpo delle donne da dover essere velato? Laura Pigozzi a proposito di ''L'Harem e l'Occidente'' di Fatema MernissiIslam e donne: TRADIZIONE O REPRESSIONE? di Giuliana Sgrena1995 - P e c h i n o  - La dichiarazione conclusiva della quarta Conferenza mondiale sulle donne.Piattaforma d'azione di Pechino, 1995: tutti i materiali in italianoL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana Sgrena -  ''I confini della scrittura? La bellezza della testimonianza, quando si allea con la sincerità, trasporta l’emozione''Le donne del Corso di preparazione alla nascita organizzato dal Centro di aiuto e ascolto delle donne e dei bambini immigrati all’ospedale San Paolo di MilanoI percorsi professionali delle immigrateSocietà Italiana delle Storiche - Scuola estiva: Empowerment, diritti e culture delle donne a dieci anni dalla conferenza mondiale di PechinoPunjab. Stupratori assolti, proteste in PakistanBalcani: la tratta delle donne - Trafficking: l'industria del sesso in KosovoDalla plaza de Mayo per un paese diversoEroiche vittime - Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzioneCARTA MONDIALE DELLE DONNE PER L’UMANITA’Agente di prossimità: un nuovo profilo di impiego per le donne''Al primo posto la società civile'' - Intervista alla scrittrice Nawal Saadawi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati