Il prezzo del velo - La guerra dell’Islam contro le donne - Giuliana Sgrena
Condividi questo articolo



Il prezzo del velo

   copertina

 

Il prezzo del velo

La guerra dell’Islam contro le donne


Estratto

Da “tagliatori di teste” a difensori dei diritti umani. Non delle donne, naturalmente.

Siamo a Sarajevo, Europa, un tempo capitale multiculturale e multietnica dei Balcani, diventata durante la guerra dei primi anni novanta terreno di conquista per i mujahidin, i combattenti di credo wahabita seguaci della rigida interpretazione saudita dell’islam.

La guerra è finita, il futuro resta incerto, ma gli ex combattenti non considerano concluso il loro primo compito: reislamizzare la Bosnia, porta d’accesso all’Occidente. Non vanno più in giro a mostrare le teste mozzate dei nemici, ma invocano il rispetto dei diritti umani, anche perché dopo l’11 settembre per gli Stati Uniti – che li avevano sponsorizzati in precedenza – sono diventati “nemici combattenti”, possibili “cellule dormienti” di al Qaeda. Sei tra loro, algerini, sono già finiti a Guantánamo.

A Sarajevo protestano contro la decisione del governo bosniaco – presa sotto la pressione degli Usa – di espellere circa quattrocento stranieri provenienti da paesi musulmani, che avevano avuto la cittadinanza quando per ottenerla bastava essere islamico e imbracciare un fucile a fianco dei fratelli bosniaci. Alcuni sono già fuggiti nei paesi vicini per continuare il loro jihad, altri non hanno alcuna intenzione di andarsene.

Perché dovrebbero abbandonare le roccaforti di Zenica, Travnik e soprattutto Bocinja dove hanno imposto il loro modello di vita “rigoroso” vietando l’alcol, il fumo e la musica, e introducendo l’obbligo delle preghiere, della barba per gli uomini e del velo per le donne? Se, durante la ronda per il paese, i “guardiani della virtù” vedevano una donna con una gonna di lunghezza non regolamentare glielo facevano notare a suon di sciabolate. Se non portava il velo la rapavano a zero. E sparavano addosso a chi osava fare il bagno in costume. Ma dopo l’attentato alle Torri il clima è cambiato.
“Errori dei fratelli” li definisce ora Abu Hamza, siriano, già capo della comunità di Bocinja, seicento abitanti tra cui un centinaio di stranieri, che in pubblico gioca il ruolo del “moderato” in contrasto con la sua immagine inquietante: barba lunga e folta, camicione largo e nero a coprire il corpo tozzo. Adesso invoca il rispetto dei diritti umani, e per farlo porta in piazza, davanti al Parlamento, le donne “convertite” al wahabismo, tutte completamente coperte di veli neri, come mai si era visto in Bosnia. Loro, le donne, non si fanno vedere in volto ma fanno sentire la loro voce: “Che fine faremo se i nostri mariti saranno deportati, e che fine faranno i nostri figli?”. I rischi esistono, soprattutto per Abu Hamza che, oltre alla revoca della cittadinanza, è stato anche iscritto dalle autorità bosniache nella lista delle quindici persone ritenute “più pericolose per l’ordine pubblico”, proprio per la sua capacità di mobilitare tutti gli estremisti bosniaci.

 



Condividi questo articolo

in Letture Condivise: GLI INTELLETTUALI A NAPOLITANO:  Lettera aperta a Tariq RamadanFiera del Libro, cda: ''Israele, presenza culturale. E ora si lavori sul programma''Shalev non andrà a Torino se si parlerà di politicaLINGUA MADRE DUEMILASETTE - Racconti di donne straniere in ItaliaPresentazione del libro ''GENTILISSIMO'' (la Toponomastica del Sentimento) di Maurizio BenvenutiPREMIO BIENNO CONTI: Scrivere le MigrazioniSe Israele nega Israele - Elena LowenthalSalone del Libro di Parigi - Da Oz a Grossman le parole d´Israele. Anais GinoriSalone del libro di Parigi «Il boicottaggio punisce gli arabi» Massimo NavaTesto da utilizzare in ambito scolastico sul tema dell'integrazione culturare fra italiani ed albanesiMeir Shalev - La mia identità ebraica è nella lingua in cui scrivoAppello contro il boicottaggio della Fiera Internazionale del libro di TorinoSguardi dal genocidio nell'occhio del carnefice. Appena uscito per la Einaudi, «Album Auschwitz» riattualizza i quesiti interpretativi dalla rappresentazione fotografica dell'OlocaustoPer affermare le proprie ragioni il boicottaggio culturale è sterile - Ester FanoDiario dal mondo vissuto in prima persona. Alessandro Portelli ha raccolto in volume le sue ricerche di oltre trent'anni''La Fiera non è un'occasione agiografica''. Ernesto Ferrero risponde alle polemicheRitorno sul campo,i lavori in corso di uno storico militante - Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo di Alessandro PortelliO a Torino con dignità e libertà e senza umilianti compromessi, oppure in altre sedi libere e tra uomini liberi. Un articolo di Giorgio IsraelUn boicottaggio sbagliato. Articolo di Valentino Parlato sulla Fiera internazionale del libro di Torino 2008L'intellettuale egiziano Ramadan invita a boicottare la Fiera del Libro di TorinoAnche lo scrittore Ibrahim Nasrallah respinge l'invito alla Fiera del Libro di Torino dedicata a IsraeleSuad Amiry: Fiera del Libro di Torino 2008. Festeggiare con Israele ma che cosa?Il prezzo del velo - La guerra dell’Islam contro le donne - Giuliana  SgrenaCome si può trovare un punto di incontro tra Oriente e Occidente? I Nobel Kenzaburo Oe e Pamuk a colloquio  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati