Insegnare la grammatica in modo intuitivo
Rosanna Olivieri
Condividi questo articolo


 


Insegnare la grammatica di una lingua straniera in modo intuitivo


(Rosanna Oliveri)


 


 


La grammatica ha sempre rappresentato la parte più noiosa e pesante dell’apprendimento di una lingua straniera. Chiunque abbia fatto l’esperienza di apprendere una lingua straniera si sarà imbattuto in questa difficoltà, che è sia tecnica, perché effettivamente si fa fatica a ricordare le regole grammaticali, le forme dei verbi, la consecution temporum, … ma è anche, e direi soprattutto, psicologica. Si ha l’impressione che la grammatica blocchi la nostra comunicatività, ci piacerebbe parlare tanto per comunicare qualcosa a qualcuno che in ogni caso ci sembra che ci capisca ugualmente.


Le cose, però, non stanno esattamente così. Se parliamo una lingua in modo approssimativo, gli altri ci capiranno in modo approssimativo; è importante, invece, conoscere bene le regole di una lingua per poterle dominare con sicurezza e trasmettere esattamente il nostro pensiero, dato che, il linguaggio è lo specchio di ciò che pensiamo. L’uso di congiuntivo al posto di un indicativo può indicare una sfumatura di ciò che pensiamo.


Sembrerebbe, allora, che l’apprendimento di una lingua debba per forza di cose passare attraverso lo studio noioso e faticoso di regole e coniugazioni da imparare a memoria.


Tuttavia, si può apprendere la grammatica anche in un altro modo, ovvero, in maniera intuitiva, come fecero i nostri antenati che prima crearono la lingua e, solo in seguito, riconobbero le regole grammaticali che la regolavano. Si partirà, quindi, sempre dalla lingua viva e si chiederà agli studenti di andare a cercare in un testo, che potrà essere sia scritto che orale, determinati elementi sintattico- grammaticali. Naturalmente si dovrà dare loro indicazioni ben precise, dicendo per esempio di cercare tutti gli elementi temporali, oppure tutti i verbi con una forma temporale uguale a quella che indichiamo noi. Una volta trovati gli elementi, gli studenti dovranno capire a seconda del contesto anche le regole. Per facilitare la riflessione si dovrà porre loro delle domande di riflessione o degli esercizi a scelta multipla, chiedendo, per esempio, quando viene usate una determinata forma verbale. Lo studente o la studentessa verrà, così, guidato passo a passo nella scoperta delle regole che regolano la lingua. Possiamo aiutare gli studenti anche a trovare le regole grammaticali più complesse, come per esempio, la consecution temporum. In questo caso, si potrebbe estrapolare una frase dal contesto e mostrare come si colloca su un’ipotetica linea del tempo. Ci serviremo, per esmpio, di un grafico, aiutando così gli studenti con la memoria visiva, che in questi ultimi tempi sembra essere la più sviluppata grazie l’abbondanza d’informazioni visive che riceve il nostro cervello attraverso la televisione, il cinema e la pubblicità fotografica che sembra di maggiore effetto rispetto alla sua sorella radiofonica.


Ecco come potrebbe essere la presentazione di una regola grammaticale complicata e ostica come la consecution:


 


 


Linea del tempo


____prima__________________________dopo_________________________








che avresti capito







Pensavo

 


 


 


 


 


 


 


 


 



Linea del tempo


____prima_(stesso tempo)_________________________dopo________________


                                                                                             








Pensavo







che  capissi

 


 


 


 


 


 


 


 



Linea del tempo


____ancora prima_________________________prima_________________________


 








Pensavo







che avessi capito

 


 


 


 


 


 


 


 


 



Dopo aver osservato attentamente lo schema, l’apprendente passerà autonomamente alla formulazione della regola generale.


Si può obbiettare, allora, che in questo modo la regola non è più intuitiva ma viene data dall’insegnante. Con questi schemi, però, non si offre propriamente la regola, ma si colloca semplicemente le frasi nel tempo, cosa che un parlante naturale fa in ogni caso perché sa a quale tempo si riferiscono i fatti di cui si parla. Se qualcuno ci dirà, per esempio: “ pensavo che capissi” noi capiamo in modo naturale che le due azioni sono contemporanee, perché conosciamo lo svolgimento dei fatti di cui stiamo parlando, cosa che invece, va indicata a chi ascolta o legge un testo dal di fuori. Si offrirà solo un elemento in più che sarà prezioso per comprendere l’uso di una forma verbale invece di un’altra. 


L’apprendente costruisce, così, attivamente il suo processo d’apprendimento in un modo che gli sembrerà più naturale. L’insofferenza per questa parte di una lingua straniera diminuirà, poiché si capirà che è necessario capire queste regole per comprendere in pieno quello che qualcuno avrebbe l’intenzione di dire e, allo stesso modo, per comunicare esattamente ciò che pensiamo. 


L’acquisizione delle regole in modo attivo attraverso l’esperienza, comporta anche un’altra fondamentale differenza: queste regole si fissano nella memoria per moltissimo tempo e, anche dimenticate perché magari non praticate da lungo tempo, non faticheranno a tornare alla memoria di fronte alla necessità di parlare nuovamente quella lingua.


 


Rosanna Oliveri


email: rosanna.oliveri@libero.it   



Condividi questo articolo

in Italiano Lingua Migrante: Il costruttivismo nell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaCertificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS) - Linee guidaItaliano come lingua straniera: la certificazioneChiara Zamboni - Derrida, tra lingua materna e lingua dell’altroInsegnare italiano agli stranieri: Video IntervisteInsegnare una lingua seconda: le metodologieInsegnare una lingua seconda: le competenze degli insegnanti nella riformaInsegnare una lingua seconda: la glottodidattica per la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua - uno schemaLe rapport du député Bénisti, un vrai scandale !L'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoLa linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseA Siena si parlano 50 lingue:  con gli immigrati l'italiano cambiaPER UN REALE APPRENDIMENTO LINGUISTICO NELLA SCUOLA ITALIANA. Le scelte relative all’italiano L1 e L2 - cultura, culture, interculturalità - Proposta dell’associazione lendIl Parlamento Europeo sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueUN APPROCCIO COMUNICATIVO NELL'INSEGNAMENTO  DELL'ITALIANO COME LINGUA STRANIERAMINORANZE LINGUISTICHE ESCLUSE DALLA LEGISLAZIONE ITALIANA DI TUTELADalla Regione Lazio corsi di lingua italiana per stranieriIdee per un curricolo di educazione linguistica democratica oltre i provvedimenti del ministro MorattiTRE PARAGRAFI SULLA DECOLONIZZAZIONE LETTERARIA DEGLI EUROPEI<b>''Gli altri che sono venuti a trovarci, che hanno imparato la nostra lingua, ci obbligano a un incontro e a un ascolto che deve convincerci a una nuova co-scienza...</b> - di  Armando Gnisci<b>Puglia - ''Italiano lingua seconda: lingua di contatto e lingua di culture''</b>. Attività di formazione destinate a docenti per l'a.s. 2004/05<b>Campania</b> Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di cultureCaratteri essenziali del progetto nazionale ''ITALIANO L2: LINGUA DI CONTATTO E LINGUA DI CULTURE''La formazione degli insegnanti di italiano L2: una ricognizione <b>di Paolo E. Balboni </b>SPERIMENTAZIONE MINISTERIALE L2 italiano - Milano e Brescia<b>Insegnare la grammatica in modo intuitivo</b>Lo choc culturaleImparare a parlare in italiano: note pedagogicheDalla competenza comunicativa alla competenza comunicativa interculturaleLa diversa appartenenza culturale può influire sull'apprendimento di una seconda lingua?LINGUISTICA E SEMIOTICA: UNA RICOGNIZIONEAntonio Prete -<b> Stare tra le lingue<b/> Sul confine, Migrazioni, Traduzioni, SingolaritàLETTERA DAL BUNKER di O. FARFAGLIUSOCHIARA ZAMBORLIN - DISSONANZE DI ATTI LINGUISTICI: UN CONFRONTO PRAGMATICO TRANS-CULTURALE ALLA RICERCA DEI PRESUPPOSTI DELLA SCORTESIA VERBALE INVOLONTARIAItaliano addio, sconfitto in EuropaLingua morta, identità negataLe parole lasciano impronte: una campagna ed uno spazio forumAnche la Liguria finanzia corsi d'italiano per stranieri   dello stesso autore: <b>La struttura dell'unità didattica </b>suggerimenti per l'insegnamento dell'italiano L2Il costruttivismo nell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere<b>Insegnare la grammatica in modo intuitivo</b>


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati