Campania Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di culture
Condividi questo articolo


Oggetto:  Azione "Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di culture".


Avvio dei corsi pilota per la promozione la ricerca e diffusione di modelli innovativi di formazione e aggiornamento del personale della scuola.


Il MIUR, Dipartimento per l'Istruzione, Direzione Generale del personale della scuola, ha assunto tra gli obiettivi formativi prioritari la tematica dell'insegnamento dell'Italiano come lingua seconda. L'azione "Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di culture" utilizzando il modello di e-learning integrato, si prefigge di formare docenti capaci di operare in classi plurilingue, presenti nelle istituzioni scolastiche che accolgono alunni stranieri.

Il progetto si articola in due corsi, uno di 80 ore, rivolto a tutti i docenti che si trovano ad operare in classi plurilingue, uno di 130 ore più specificatamente rivolto a docenti di area linguistica: Lettere o Lingue.

Con la nota n. 4055/E/1/A del 19 novembre 2004 la Direzione Generale per il personale della scuola ha assegnato all'U.S.R. per la Campania risorse finanziarie per la realizzazione di 2 corsi rivolti a docenti di scuola primaria e secondaria di I e II grado in servizio nella Regione.

I corsi sono definiti "corsi pilota", in quanto prefigurano "un sistema di sinergie virtuose" tra i soggetti istituzionali coinvolti. Il progetto, infatti, si fonda sulla collaborazione tra la Direzione Generale per la Formazione, la Comunità Scientifica, le Direzioni Regionali in un'ottica di sistema che permetta di elaborare un modello di formazione nazionale flessibile, declinabile localmente secondo specifiche esigenze.

Sono state coinvolte 21 Università, sulla base di precedenti esperienze di lavoro comune sul tema con il MIUR negli anni 2001-02, che, in forza di uno specifico protocollo d'intesa, hanno collaborato all'individuazione di uno specifico sillabo ed hanno assunto l'impegno di elaborare i moduli previsti per l'articolazione dei corsi, oltre a quello di partecipare alla gestione della formazione stessa.

L'organizzazione, la gestione e il monitoraggio dei corsi pilota da attivare in Campania sono affidate all'azione integrata dell'U.S.R. per la Campania e delle Università di Napoli "Federico II" e "L'Orientale". Le azioni sono coordinate dalla Commissione Tecnica Paritetica, istituita con decreto del Direttore Generale dell'USR per la Campania e dal Comitato Tecnico Universitario, nominato dai Responsabili delle strutture universitarie.

I corsi saranno realizzati nel rispetto dei criteri organizzativi fissati dal documento tecnico allegato alla nota citata (Linee di orientamento per l'avvio dei corsi pilota dell'azione "Italiano L2: lingua di contatto, lingua di culture". Sono previsti corsi di primo e secondo livello:



  • I corsi di primo livello (80 ore) sono rivolti ai docenti di tutte le discipline di scuola primaria e secondaria di I e II grado, che abbiano in classe alunni stranieri o che insegnino nei Centri Territoriali Permanenti ai giovani adulti della fascia dell'obbligo (15-18 anni). Inizieranno tra febbraio e marzo 2005 e si concluderanno entro dicembre 2005. Il percorso formativo si articola in 40 ore on line, 40 ore in presenza e 10 ore di autoapprendimento. I moduli sono 8 di 10 ore ciascuno, le ore in presenza si alterneranno a quelle di fruizione on line con una modulazione funzionale alle caratteristiche del corso e ai bisogni dei corsisti. 8 ore saranno affidate a docenti universitari e 72 ore saranno affidate ai docenti tutor, già precedentemente formati;


  • I corsi di secondo livello (130 ore) sono rivolti a docenti di area linguistica della scuola primaria e secondaria di I e II grado, che abbiano già frequentato corsi di formazione di Italiano L2 o che abbiano acquisito competenze nell'insegnamento dell'Italiano L2 attraverso esperienze professionali e culturali documentabili. Inizieranno a marzo 2005 e si concluderanno entro maggio 2006. Il percorso formativo si articola in 65 ore on line, 65 ore in presenza e 10 di autoapprendimento. I moduli sono 13 di 10 ore ciascuno, le ore in presenza si alterneranno a quelle di fruizione on line con una modulazione funzionale alle caratteristiche del corso e ai bisogni dei corsisti. 13 ore saranno di docenza universitaria e 117 ore di docenza tutoriale. Al termine di questo corso sono previste prove di accertamento delle competenze acquisite.

La direzione dei corsi è affidata a un Dirigente Scolastico. Il coordinamento scientifico, la progettazione, il monitoraggio e la valutazione sono affidati collettivamente al C.T.U., che provvede all'elaborazione del piano di svolgimento dei corsi, ipotizzando anche attività di esercitazioni, strumenti di monitoraggio interno e valutazione. La fruizione on line è garantita dalla piattaforma Italdue, appositamente allestita presso il sito dell'Università "Ca' Foscari" di Venezia.

Il Direttore del corso e il Responsabile scientifico rilasceranno, a conclusione, un attestato di frequenza analitico; sarà, pertanto, monitorato il processo formativo di ciascun corsista, sia attraverso una rilevazione quali/quantitativa degli interventi on line e in presenza, sia attraverso l'osservazione e la valutazione delle attività di ricerca-azione e delle produzioni richieste.

Le sedi dei corsi saranno scelte in relazione alla provenienza dei docenti corsisti e alla congruità dell'attrezzatura tecnica disponibile.

Per la Campania è prevista l'attivazione di un corso di primo livello e di un corso di secondo livello, ciascun corso accoglierà 25 docenti.

Le SS.LL. interessate all'iniziativa, faranno pervenire a quest'ufficio, secondo le indicazioni di seguito riportate, l'allegato A, relativo all'istituzione scolastica, e l'allegato B, compilato dai docenti che intendono partecipare ai corsi.

Sulla base dei dati dichiarati la Commissione Tecnica Paritetica provvederà ad individuare i 50 docenti da coinvolgere nei Corsi Pilota, tenendo conto delle iniziative già eventualmente adottate dalle istituzioni scolastiche per l'accoglienza di alunni stranieri e delle complessive esigenze del territorio.

Considerato l'impegno di lavoro richiesto ai corsisti ed il contributo che essi potranno offrire per ulteriori azioni formative sul tema, le SS.LL. si assicureranno che i docenti che faranno richiesta siano motivati ed effettivamente interessati al percorso formativo proposto.

I modelli allegati potranno essere consegnati a mano alla Sig.ra Caterina Pellegrini, terzo piano di Via S. Giovanni in Corte 7 - Napoli, soltanto il giorno 10 gennaio 2005, dalle ore 9 alle ore 15, oppure inviati a mezzo posta prioritaria, entro e non oltre il 10 gennaio 2005.

Si ringrazia per la consueta e fattiva collaborazione.


Il Direttore Generale
Alberto Bottino


Destinatari

Ai Dirigenti Scolastici
delle Scuole ed Istituti di ogni ordine e grado
della Regione Campania
LORO SEDI

e, per conoscenza,

Ai Dirigenti Coordinatori
dei Centri Servizi Amministrativi
della Regione Campania
LORO SEDI


Allegati:

Allegato A - Scheda dell'Istituzione scolastica [ PDF - RTF ]
Allegato B1 - Richiesta di partecipazione al Corso di formazione di I livello (80 ore) [ PDF - RTF ]
Allegato B2 - Richiesta di partecipazione al Corso di formazione di II livello (130 ore) [ PDF - RTF ]


 


http://www.campania.istruzione.it/circolari/2004/prot_3867_04.shtml



Condividi questo articolo

in Italiano Lingua Migrante: Il costruttivismo nell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaCertificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS) - Linee guidaItaliano come lingua straniera: la certificazioneChiara Zamboni - Derrida, tra lingua materna e lingua dell’altroInsegnare italiano agli stranieri: Video IntervisteInsegnare una lingua seconda: le metodologieInsegnare una lingua seconda: le competenze degli insegnanti nella riformaInsegnare una lingua seconda: la glottodidattica per la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua - uno schemaLe rapport du député Bénisti, un vrai scandale !L'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoLa linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseA Siena si parlano 50 lingue:  con gli immigrati l'italiano cambiaPER UN REALE APPRENDIMENTO LINGUISTICO NELLA SCUOLA ITALIANA. Le scelte relative all’italiano L1 e L2 - cultura, culture, interculturalità - Proposta dell’associazione lendIl Parlamento Europeo sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueUN APPROCCIO COMUNICATIVO NELL'INSEGNAMENTO  DELL'ITALIANO COME LINGUA STRANIERAMINORANZE LINGUISTICHE ESCLUSE DALLA LEGISLAZIONE ITALIANA DI TUTELADalla Regione Lazio corsi di lingua italiana per stranieriIdee per un curricolo di educazione linguistica democratica oltre i provvedimenti del ministro MorattiTRE PARAGRAFI SULLA DECOLONIZZAZIONE LETTERARIA DEGLI EUROPEI<b>''Gli altri che sono venuti a trovarci, che hanno imparato la nostra lingua, ci obbligano a un incontro e a un ascolto che deve convincerci a una nuova co-scienza...</b> - di  Armando Gnisci<b>Puglia - ''Italiano lingua seconda: lingua di contatto e lingua di culture''</b>. Attività di formazione destinate a docenti per l'a.s. 2004/05<b>Campania</b> Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di cultureCaratteri essenziali del progetto nazionale ''ITALIANO L2: LINGUA DI CONTATTO E LINGUA DI CULTURE''La formazione degli insegnanti di italiano L2: una ricognizione <b>di Paolo E. Balboni </b>SPERIMENTAZIONE MINISTERIALE L2 italiano - Milano e Brescia<b>Insegnare la grammatica in modo intuitivo</b>Lo choc culturaleImparare a parlare in italiano: note pedagogicheDalla competenza comunicativa alla competenza comunicativa interculturaleLa diversa appartenenza culturale può influire sull'apprendimento di una seconda lingua?LINGUISTICA E SEMIOTICA: UNA RICOGNIZIONEAntonio Prete -<b> Stare tra le lingue<b/> Sul confine, Migrazioni, Traduzioni, SingolaritàLETTERA DAL BUNKER di O. FARFAGLIUSOCHIARA ZAMBORLIN - DISSONANZE DI ATTI LINGUISTICI: UN CONFRONTO PRAGMATICO TRANS-CULTURALE ALLA RICERCA DEI PRESUPPOSTI DELLA SCORTESIA VERBALE INVOLONTARIAItaliano addio, sconfitto in EuropaLingua morta, identità negataLe parole lasciano impronte: una campagna ed uno spazio forumAnche la Liguria finanzia corsi d'italiano per stranieri  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati