Un corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti, vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeli
Condividi questo articolo


Un corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti
vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeli
E i marines Usa imparano
come combattere per Allah

Gli istruttori: "Dovete diventare dei martiri uccisi in battaglia"
di GIOVANNI GAGLIARDI










I marines sorvegliano i prigionieri in preghiera
 


ROMA - "Conoscere l'altro e se stessi: cento battaglie, senza rischi". La "guerra di guerriglia" dei fondamentalisti islamici in Iraq è già costata la vita a più di mille militari americani. E la massima del grande stratega cinese Sun-Tzu deve essere risuonata nella testa dei capi del Pentagono e degli analisti del servizo segreto americano. Tanto da convincerli ad organizzare a Moyock, nella Carolina del Nord, un particolare campo di addestramento: ai marines viene insegnato a pensare e comportarsi, come estremisti islamici.

Nel programma della sette giorni di full immersion non ci sono solo simulazioni di rapimenti, agguati per le strade con bombe e azioni kamikaze. L'addestramento prevede anche lo studio del Corano, scrive oggi il "Sunday Times". Per aumentare al massimo l'immedesimazione, i partecipanti al corso si vestono anche con abiti tradizionali arabi. E si devono togliere le scarpe quando entrano nei prefabbricati che ospitano le classi.

"Dovete pensare a voi stessi come a dei mujaheddin, dei combattenti sacri, e dovete aspirare a diventare degli shahid, martiri uccisi in battaglia" viene ripetuto al gruppo. Così ai marines viene insegnato a dire Allah Akbar (Allah è il più grande) e Alhamdu Lillah (lode ad Allah).

Ai militari viene anche fornita una traduzione in inglese del Corano - pubblicata dalla britannica Penguin Classics - e un tappetino per le preghiere. Con tanto di spiegazione su come un musulmano prega.

"Uno dei motivi per cui siete forti - ripetono gli istruttori ai marines - è che gli infedeli vanno in chiesa soltanto la domenica, ma voi vi inginocchiate e riflettete sulla vostra sottomissione a Dio cinque volte un giorno". E poi ancora: "Non abbiamo armi nucleari, ma abbiamo voi e voi siete più potenti delle armi dei cani ebrei e dei crociati infedeli".


Insomma, i marines per una settimana devono imparare a pensare, vestirsi e pregare come i loro nemici. E anche a mangiare visto che nella caffetteria del campo spariscono la sera le pietanze americane per essere sostituiti da pane pita, salsa tahini, involtini di foglie di vite.

Ma per chi proprio non riesce a farne a meno nella sala accanto vengono offerte patatine fritte e barrette di cioccolata. "Questi ragazzi sono solo abituati agli hamburger" ammette Walter Purdy, l'addestratore del Terrorism research center. Il corso prevede anche lo studio della storia del terrorismo arabo, delle tecniche di attacco di al Qaeda e dei suoi alleati, specialmente del movimento di Abu Musab al-Zarqawi.

Insomma il Pentagono sta cercando di recuperare gli errori iniziali sottoponendo le truppe a corsi di anti terrorismo e di cultura locale. I marines "terroristi" imparano a costruire bombe artigianali e a indossare i le cinture esplosive dei suicidi. Alcuni attacchi sono più sofisticati: un marine arresta un veicolo privato correndo sulla strada e agitando un fazzoletto, "Fingevo di essere un ragazzo che prova a vendere qualcosa," spiega.

Il veicolo è bloccato e "John", il Vip del gruppo, viene rapito. Durante l'interrogatorio dice di essere un esperto di computer. Il gruppo deve decidere se tenerlo in ostaggio o decapitarlo. Hanno bisogno di soldi per gli attacchi, ma dubitano che la sua azienda pagherà. Il suo destino è segnato. Entra un uomo con una telecamera.

"Dobbiamo mettere l'infedele sulle sue ginocchia in una posizione di disonore e macellarlo come un animale" dicono i terroristi, "non uccidiamo i nostri nemici rapidamente e in modo pulito, come il profeta Maometto ha fatto dopo una battaglia. Gli infedeli devono soffrire come animali da macello".

Un marine è tornato sei settimane fa dall'Iraq dopo sette mesi. Presto verrà rimandato indietro. Gli viene chiesto se il corso gli ha insegnato qualcosa che non aveva imparato sul campo? "Mi ha aiutato a sapere cosa il nemico pensa e ad apprezzare quanto sono specializzati", dice. Se fosse in carica, come tratterebbe con gli Iracheni? "Li ucciderei tutti - risponde - non sanno cosa è la democrazia". La conclusione del giornalista del "Sunday times" è sconsolata: c'è davvero ancora molto da imparare.

(12 dicembre 2004)

Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Il Brasile, ad esempio: il referendum contro il commercio delle armiCaro Enzo, abbiamo mantenuto la promessaParents' Circle: il dolore sapiente è forza per forare la barriera del conflittoGli Usa dichiarano guerra all'agricoltura irachena Approvata una legge che impedisce agli agricoltori di riutilizzare i semi, il mercato passa nelle mani dei big dell'agribusiness - ottobre 2004RELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.L`economia mondiale tra religione e terrorismo - A cura della V A Erica ITC Romagnosi PC prof. Giancarlo TalaminiVATICANO - AZERBAIJAN - Il Papa: ''No alle religioni come mezzo di morte''MYANMAR - Congresso buddista: appelli al boicottaggio contro il regime<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheIl mondo shi’ita: le teorie fondamentali del potere politico e religiosoDa Belgrado a Baghdad. La guerra che continua Intervista a Fulvio Grimaldi autote del reportage-video ''Chi vivrà… Iraq''Lettera aperta ai veggenti della guerra - L'IRAQ DI YOUNIS TAWFIKHibakusha, i sopravvissuti alla bomba 60 anni dopo - di Ada DonnoX FESTIVAL INTERNAZIONALE PER LA PACE-ASSISI 21-24 Settembre 2005Caritas: luci e ombre sul DarfurCronologia del Pacifismo italianoGuardate la mia casa mortaI racconti del TigriMadrid y Bagdad, unidas por el dolor.Le «credibili» menzogne americane - Gli Usa prigionieri del meccanismo della guerra in Vietnam. Parola di Hannah ArendtPACE: Per dirla in tutti i modiISTRUZIONI D’USOGuardate la mia casa mortaIo Conservatore dico: basta guerraEreditare la terraScenari di guerra – Orizzonti di paceWorld Tribunal on IraqIl futuro dell'informazione comincia dalla pace 
FLAVIO LOTTICONVIVIO DEI POPOLI PER LA PACE - Il progetto, la proposta alla scuolaIL DRAMMA DELL'IRAQ, TRA GUERRA E DEBITOScuola di mondoProfughi di Falluja - Dahr JamailFirenze - le prime laureate Operatori per la pace - 27/10/2004Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolenteLA REGOLA DEL BASTONE - di Mikhail Gorbaciov - da Tacere è un peccato: a Rimini l'incontro dei firmatari dell'appello su FallujaUn corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti, vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeliIl sequestro di Simona e Simona: forse la memoria aiuta più della scarna cronacaCattolici Caldei: qual è il futuro dei Cristiani in Iraq?Storie e leggende metrolipolitane di BaghdadLettera dei familiari delle vittime dell'11 settembrePalestina - L’illusione della pacePerchè dovevamo colpire - Tony Blair - La Repubblica 18 dicembre 1998Europa e AmericaLa scuola e l’educazione alla Pace  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati