Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolente
Condividi questo articolo



Unip: a Rovereto i popoli indigeni del mondo intero










Volge al termine la Decade Internazionale delle Popolazioni Indigene del Mondo proclamata dall'Assemblea Generale dell’ONU per il periodo 1995-2004 senza che venga approvato il progetto di Dichiarazione sui Diritti dei Popoli Indigeni allo studio dal 1982. L’Università Internazionale delle Istituzione dei Popoli per la Pace vuole far sì che non si spengano i riflettori su questo punto scottante dell’agenda politica internazionale, dedicando la dodicesima edizione del corso internazionale all’approfondimento della questione indigena. "Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolente" sarà il percorso che dal 17 ottobre al 7 novembre raggrupperà una ventina di attivisti indigeni di diverse parti del mondo e un corpus docenti formato per lo più da legali e studiosi, loro stessi appartenenti a comunità autoctone.

Non a caso, ospitato dall’Istituto Culturale Mòcheno-Cimbro, dal 18 al 26 ottobre il corso si svolgerà a Luserna, l’esemplare comunità trentina che ha saputo conservare nei secoli la propria unicità di minoranza linguistica e culturale. Una scelta simbolica, perché quello della proprietà culturale ed intellettuale, insieme alla proprietà territoriale ed al diritto di autodeterminazione e all’autonomia rispetto agli stati centrali, sono tra le rivendicazioni più urgenti avanzate dai popoli nativi. Proprio di questo si discuterà in aula.

Nella prima settimana di corso – grazie agli interventi di Tomás Alarcón, presidente della Commissione Giuridica per l’Autosviluppo dei Primi Popoli Andini (CAPAJ, Perù), e di Maivan Clech Lam dell’Istituto di Studi Internazionali Ralph Bunche della City University di New York – si della proprietà intellettuale collettiva e del diritto delle comunità autoctone di controllare e gestire le proprie risorse naturali, oggetto spesso di duro scontro con i governi centrali.

Nella seconda settimana, il corso si addentrerà maggiormente nel campo della legislazione internazionale con Dalee Sambo Dorough, rappresentante per l’Alaska del Comitato di Consulenza sulle questioni pertinenti all’ONU della Conferenza Circonpolare Inuit e Luis Rodriguez-Piñero, ricercatore nel programma per la legislazione e le politiche indigene dell’Università dell’Arizona

Il percorso si concluderà con una serie di seminari sulla nonviolenza. Chaiwat Satha-Anand, professore di scienze politiche presso la Thammasat University di Bangkok proporrà una lettura di come sia possibile rinegoziale l’identità attraverso l’azione nonviolenta mentre Victoria Lucia Corpus, direttrice della Fondazione Tebtebba proporrà un escursus sui movimenti indigeni nonviolenti e sugli strumenti utilizzati per ottenere i risultati raggiunti a livello sia nazionale sia internazionale.

Il gruppo dei corsisti è formato da attivisti indigeni di tutto il mondo che da anni partecipano alla lotta nonviolenta per il riconoscimento dei loro diritti. Esperienze professionali e di vita rilevanti, per cintarne alcune, quella di Moana Sinclair, una Maori neozelandese produttrice di documentari sui popoli indigeni, Ratnaker Bhengra, legale e formatore presso il Comitato d’Azione per lo sviluppo del popolo Munda, June Lorenzo, appartenente all’etnia Navajo coordinatrice presso l’Alleanza legale degli Indiani d’America e John Kariuki, keniota Kikuyu, stretto collaboratore di Wangari Maathai, recente premio Nobel per la pace.



http://unimondo.oneworld.net/article/view/96218/1/


Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Il Brasile, ad esempio: il referendum contro il commercio delle armiCaro Enzo, abbiamo mantenuto la promessaParents' Circle: il dolore sapiente è forza per forare la barriera del conflittoGli Usa dichiarano guerra all'agricoltura irachena Approvata una legge che impedisce agli agricoltori di riutilizzare i semi, il mercato passa nelle mani dei big dell'agribusiness - ottobre 2004RELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.L`economia mondiale tra religione e terrorismo - A cura della V A Erica ITC Romagnosi PC prof. Giancarlo TalaminiVATICANO - AZERBAIJAN - Il Papa: ''No alle religioni come mezzo di morte''MYANMAR - Congresso buddista: appelli al boicottaggio contro il regime<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheIl mondo shi’ita: le teorie fondamentali del potere politico e religiosoDa Belgrado a Baghdad. La guerra che continua Intervista a Fulvio Grimaldi autote del reportage-video ''Chi vivrà… Iraq''Lettera aperta ai veggenti della guerra - L'IRAQ DI YOUNIS TAWFIKHibakusha, i sopravvissuti alla bomba 60 anni dopo - di Ada DonnoX FESTIVAL INTERNAZIONALE PER LA PACE-ASSISI 21-24 Settembre 2005Caritas: luci e ombre sul DarfurCronologia del Pacifismo italianoGuardate la mia casa mortaI racconti del TigriMadrid y Bagdad, unidas por el dolor.Le «credibili» menzogne americane - Gli Usa prigionieri del meccanismo della guerra in Vietnam. Parola di Hannah ArendtPACE: Per dirla in tutti i modiISTRUZIONI D’USOGuardate la mia casa mortaIo Conservatore dico: basta guerraEreditare la terraScenari di guerra – Orizzonti di paceWorld Tribunal on IraqIl futuro dell'informazione comincia dalla pace 
FLAVIO LOTTICONVIVIO DEI POPOLI PER LA PACE - Il progetto, la proposta alla scuolaIL DRAMMA DELL'IRAQ, TRA GUERRA E DEBITOScuola di mondoProfughi di Falluja - Dahr JamailFirenze - le prime laureate Operatori per la pace - 27/10/2004Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolenteLA REGOLA DEL BASTONE - di Mikhail Gorbaciov - da Tacere è un peccato: a Rimini l'incontro dei firmatari dell'appello su FallujaUn corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti, vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeliIl sequestro di Simona e Simona: forse la memoria aiuta più della scarna cronacaCattolici Caldei: qual è il futuro dei Cristiani in Iraq?Storie e leggende metrolipolitane di BaghdadLettera dei familiari delle vittime dell'11 settembrePalestina - L’illusione della pacePerchè dovevamo colpire - Tony Blair - La Repubblica 18 dicembre 1998Europa e AmericaLa scuola e l’educazione alla Pace  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati