L’APPROCCIO INTERCULTURALE A SCUOLA >>> 6.1. Obiettivi
Condividi questo articolo



L’APPROCCIO INTERCULTURALE A SCUOLA


Oggi, quasi tutti i sistemi educativi europei (paesi membri dell’Unione Europea, paesi candidati e paesi AELS/SEE) tengono conto, nei programmi di insegnamento, dell’approccio interculturale, definito come “l’insieme dei processi attraverso i quali sono stabilite le relazioni fra le diverse culture”(1). La definizione qui considerata, esclude l’apprendimento basato sulla cultura e sui valori nazionali, anche se una conoscenza in questo senso può essere necessaria per una migliore comprensione delle altre culture.


L’approccio interculturale deve permettere alle scuole di gestire la diversità culturale delle società, aumentata con i movimenti migratori degli ultimi decenni. È parte integrante dell’istruzione o delle attività intese per tutti gli alunni, che siano immigrati o nativi. Mentre riflette una preoccupazione comune ai paesi presi in considerazione, il suo scopo e modello di applicazione varia da un paese all’altro.


6.1. Obiettivi


Un’analisi dei programmi di insegnamento e della normativa relativa all’istruzione nei paesi europei, rivela che gli obiettivi dell’approccio interculturale si riconducono a tre aspetti principali:



l’aspetto dell’apprendimento della diversità culturale, che dovrebbe aiutare gli alunni a sviluppare i valori di rispetto e di tolleranza. In alcuni paesi, la lotta contro il razzismo e la xenofobia è una parte integrante di questo aspetto;


l’aspetto internazionale che, attraverso lo studio delle problematiche economiche e sociali che sottostanno alle relazioni internazionali (in particolare nord/sud), così come lo studio della storia del fenomeno della migrazione e delle sue cause, fornisce la comprensione della diversità culturale odierna nel suo contesto storico e sociale;


l’aspetto europeo, incentrato sulla comprensione delle caratteristiche culturali dei popoli europei, la storia dell’integrazione europea e il ruolo svolto in Europa dal paese considerato, che permette agli alunni di sviluppare un senso di identità europea.


 



Solamente l’Islanda e la Bulgaria non tengono esplicitamente conto dell’approccio interculturale nei loro curricoli. In Islanda, tuttavia, l’approccio interculturale è l’oggetto di un progetto pilota lanciato in una scuola di Reykjavik, con lo scopo di diffondere i risultati fra le altre scuole.


In tutti gli altri paesi, la diversità culturale è sempre considerata nei curricoli. Molti di essi, precisamente Belgio (Comunità francese), Estonia, Italia, Austria, Portogallo e Svezia, pongono l’accento principalmente su questo aspetto. Dove l’approccio interculturale è parte dell’educazione preprimaria, l’attenzione viene posta principalmente sul rispetto e sulla tolleranza delle diversità culturali. Obiettivi più formali, come le questioni inerenti alle relazioni internazionali e allo sviluppo di un’identità europea, fanno la loro comparsa a livelli di istruzione più avanzati.


La dimensione europea è presente nella metà dei paesi considerati, inclusi sia i paesi già membri dell’Unione europea che quelli appena entrati a farne parte ed è sempre associata alla valorizzazione della diversità culturale.


I tre obiettivi principali dell’educazione interculturale sopra descritti, possono essere raggiunti tramite l’insegnamento di determinati tipi di conoscenze (accademiche) sulle caratteristiche culturali dei diversi popoli e sui contesti storico, sociale ed economico, nei quali sono radicate le distinzioni culturali. Questa componente più teorica dell’offerta insiste sull’importanza di non considerare l’altro nella sua alterità, in modo da evitare che venga ostacolato lo scopo principale dell’educazione interculturale di facilitare le relazioni interculturali. La valorizzazione della diversità culturale può anche essere indotta attraverso un approccio più generale, teso a dotare gli alunni di certe competenze sociali che li guidino verso i valori del rispetto e della tolleranza nei loro rapporti con le altre culture.


-----------------------


(1) Consiglio d’Europa, 2004. Facets of interculturality in education (2004), p.9.


<<< INDICE >>>



Condividi questo articolo

in a scuola: Alunni con cittadinanza non italiana - Anno scolastico 2004/2005<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaDIDATTICA E AMBIENTE - Strategie ricognitive sul territorio...per conoscersi meglio<b>LA SCUOLA COMUNICA </b>- Dossier per le comunicazioni scuola -famiglia disponibile in varie lingue, per alcune con supporto audioUn Intervento di Prima Accoglienza, Inserimento ed Alfabetizzazione di 1° livello - Documentazione a cura dell'insegnante: Romina EvangelistaLettera a Fatima - Una riflessione di Paolo Branca sulle reazioni seguite all'iniziativa di un liceo milanese di istituire una classe per soli studenti musulmani.PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?Un percorso didattico attraverso il tempo:
DONNA TRA STORIA e ATTUALITA’
VERIFICA DI UN MODO DI ESSEREI figli degli immigrati saranno un milione nel 2015<b>Figli di stranieri o figli di nessuno?</b> LORETO: Ottavo Meeting Internazionale sulle Migrazioni - il documento finale.Le famiglie immigrate: sì alla scuola pubblicaVarese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'AnolfScuola, nelle professionali di Milano 4 studenti su 5 sono stranieri5 OTTOBRE: COMUNICATO CONGIUNTO delle ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI degli INSEGNANTILA MEDIAZIONE A SCUOLAUNA LINGUA DIFFICILE - La lotta prima nella quale ogni insegnante deve impegnarsi non è nel fare accettare, ma proprio nel non far rifiutare la lingua dei testi che sottopone ai suoi studentiIntercultura  -  È L'ORA DELLE RELIGIONI!Studenti stranieri nelle UniversitàIl modello sistemico: Come comunicare con gli altri nell'ottica della complessitàGli stranieri? ScomparsiPer una didattica interculturale della letteratura

Donatello Santarone
Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma Tre<IMG src=http://www.meb.gov.tr/image/logo/arma_eurydice.gif border=0> <br>L’integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa40 studenti albanesi potranno frequentare le lezioni all’IPSIA. Otterranno il visto d’ingresso in Italia per frequentare le lezioni all’IPSIA di San Benedetto del Tronto i 40 studenti albanesi già iscritti dall’inizio dell’anno scolastico.CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.La scuola e l’educazione interculturale. Aspetti quantitativi e analisi delle ''buone pratiche''MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIAMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiDIDATTICA E COMPETENZE SOCIALIConosco bambini che vengono a scuola volentieri - La parola ''accoglienza'' sembra aver sostituito ''tolleranza''MUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaStranieri nelle scuole di PratoEducare alle differenze - L’INTENZIONALITA’ EDUCATIVA. L’interpretazione della realtà.A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREPROTOCOLLO DI ACCOGLIENZAGriot: a scuola di mondo con i popoli indigeniProgetto di Ricerca DUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAInsegnare Italiano Lingua Straniera con InternetVocabolario Multilingue Multimediale: progetto aperto.Scuola multietnica, a Piacenza il Comune arruola “mediatori”.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati