PREFAZIONE >>>
Condividi questo articolo


     
EURYDICE

L’integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa


PREFAZIONE



Come viene concepita dai sistemi educativi l'integrazione degli alunni immigrati? Questa è la domanda


alla quale la presente indagine spera di rispondere fornendo ai decisori politici un quadro delle diverse misure adottate in 30 paesi europei per fornire un supporto agli alunni immigrati in ambito scolastico.


L'analisi verte sulle misure adottate e sulla loro realizzazione all'interno del sistema educativo del paese ospitante, in relazione alla situazione demografica.


L’integrazione delle popolazioni immigrate all'interno della società è una preoccupazione crescente per i decisori politici europei. Sono numerosi i paesi che cercano di far fronte al problema dell'integrazione di gruppi di immigrati e dei loro figli che risiedono sul territorio per diversi motivi. Alcuni hanno già una lunga esperienza e dispongono di misure di integrazione scolastica in favore di bambini di famiglie immigrate. Altri paesi hanno acquisito solo recentemente tale esperienza o, nei casi in cui l'immigrazione nazionale è un fenomeno recente, cominciano a discutere del modo in cui il loro sistema educativo può essere adattato di conseguenza.


Dal 1° maggio 1999, data di entrata in vigore del Trattato di Amsterdam, la politica in materia di immigrazione è diventata un ambito in cui l'Unione europea ha una piena responsabilità. Le politiche in materia di integrazione degli immigrati sono volte a garantire l'uguaglianza e a prevenire ogni discriminazione razziale o etnica. La mobilità e lo scambio fanno parte integrante del "programma di lavoro dettagliato sul monitoraggio degli obiettivi dei sistemi di istruzione e formazione in Europa", approvato dai capi di Stato o dai governi, in occasione del Consiglio Europeo di Barcellona del 15 e 16 marzo 2002. È comunque in primo piano il modo in cui il sistema educativo affronta l'integrazione dei figli degli immigrati.


Questa valutazione delle misure educative realizzate si inserisce in un contesto molto diverso a seconda dei paesi in materia di immigrazione, in funzione dei fattori economici, sociali, storici e politici che li hanno caratterizzati. Allo stesso modo sono molto diverse le misure adottate dai vari sistemi educativi per integrare i figli degli immigrati.


In quanto strumento centrale di informazione sui sistemi educativi e sui loro sviluppi in Europa, la rete Eurydice ha voluto fornire un quadro d'insieme delle modalità organizzative adottate in questo ambito.


Questa indagine è stata realizzata grazie alle informazioni raccolte dalle unità nazionali della rete che ringraziamo vivamente per la loro preziosa collaborazione.


Patricia Wastiau-Schlüter


Capo dell'Unità europea di Eurydice


Luglio 2004


<<< INDICE >>>



Condividi questo articolo

in a scuola: Alunni con cittadinanza non italiana - Anno scolastico 2004/2005<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaDIDATTICA E AMBIENTE - Strategie ricognitive sul territorio...per conoscersi meglio<b>LA SCUOLA COMUNICA </b>- Dossier per le comunicazioni scuola -famiglia disponibile in varie lingue, per alcune con supporto audioUn Intervento di Prima Accoglienza, Inserimento ed Alfabetizzazione di 1° livello - Documentazione a cura dell'insegnante: Romina EvangelistaLettera a Fatima - Una riflessione di Paolo Branca sulle reazioni seguite all'iniziativa di un liceo milanese di istituire una classe per soli studenti musulmani.PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?Un percorso didattico attraverso il tempo:
DONNA TRA STORIA e ATTUALITA’
VERIFICA DI UN MODO DI ESSEREI figli degli immigrati saranno un milione nel 2015<b>Figli di stranieri o figli di nessuno?</b> LORETO: Ottavo Meeting Internazionale sulle Migrazioni - il documento finale.Le famiglie immigrate: sì alla scuola pubblicaVarese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'AnolfScuola, nelle professionali di Milano 4 studenti su 5 sono stranieri5 OTTOBRE: COMUNICATO CONGIUNTO delle ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI degli INSEGNANTILA MEDIAZIONE A SCUOLAUNA LINGUA DIFFICILE - La lotta prima nella quale ogni insegnante deve impegnarsi non è nel fare accettare, ma proprio nel non far rifiutare la lingua dei testi che sottopone ai suoi studentiIntercultura  -  È L'ORA DELLE RELIGIONI!Studenti stranieri nelle UniversitàIl modello sistemico: Come comunicare con gli altri nell'ottica della complessitàGli stranieri? ScomparsiPer una didattica interculturale della letteratura

Donatello Santarone
Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma Tre<IMG src=http://www.meb.gov.tr/image/logo/arma_eurydice.gif border=0> <br>L’integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa40 studenti albanesi potranno frequentare le lezioni all’IPSIA. Otterranno il visto d’ingresso in Italia per frequentare le lezioni all’IPSIA di San Benedetto del Tronto i 40 studenti albanesi già iscritti dall’inizio dell’anno scolastico.CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.La scuola e l’educazione interculturale. Aspetti quantitativi e analisi delle ''buone pratiche''MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIAMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiDIDATTICA E COMPETENZE SOCIALIConosco bambini che vengono a scuola volentieri - La parola ''accoglienza'' sembra aver sostituito ''tolleranza''MUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaStranieri nelle scuole di PratoEducare alle differenze - L’INTENZIONALITA’ EDUCATIVA. L’interpretazione della realtà.A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREPROTOCOLLO DI ACCOGLIENZAGriot: a scuola di mondo con i popoli indigeniProgetto di Ricerca DUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAInsegnare Italiano Lingua Straniera con InternetVocabolario Multilingue Multimediale: progetto aperto.Scuola multietnica, a Piacenza il Comune arruola “mediatori”.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati