Caritas: luci e ombre sul Darfur
Condividi questo articolo


Caritas: luci e ombre sul Darfur



martedì, 19 ottobre, 2004











 
Si deve fare di più, a proposito di aiuti ai Paesi poveri. Un monito che vale purtroppo per tutto il Nord del mondo. Basti pensare ad una delle più grandi crisi umanitarie in atto, quella del Darfur. Una situazione insostenibile, come denunciato da Caritas, Oxfam e Care all’inizio di settembre, se la comunità internazionale e i singoli governi occidentali non si assumeranno le loro responsabilità. L’ultima risoluzione delle Nazioni Unite - minacciando sanzioni nei confronti del Governo del Sudan - apre timidi spiragli. Chiede, tra l’altro, al Segretario Generale una commissione di inchiesta sulle violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani e agli Stati membri di aumentare il contributo finanziario per sostenere una più allargata presenza di una forza di pace dell’Unione africana a protezione della popolazione civile. Anche di questo e della partenza di un primo contingente di interposizione si parlerà nell’incontro in corso a Tripoli tra i Presidenti di Sudan, Ciad, Egitto, Libia, Niger, quest’ultimo presidente di turno dell’Unione africana.

Intanto gli sfollati continuano a morire – l’Oms denuncia da marzo una media di 10.000 morti al mese - e a soffrire senza prospettive concrete di poter far rientro ai loro villaggi. Nelle settimane scorse nuovi, violenti attacchi hanno costretto altre 5.000 persone a fuggire dai loro villaggi. Gli operatori Caritas lanciano un appello: bisogna cercare fonti alternative alla legna. Raccoglierla è pericoloso per le donne e un consumo così elevato potrebbe provocare grossi danni all’ambiente. L’intervento di emergenza Caritas - in collaborazione con Action by Churches Together, network delle chiese ortodossa e protestante - prevede un impegno di 14 milioni di euro a vantaggio di 500.000 persone e si sta concentrando in tre specifiche aree geografiche: Zelingi, in particolare i campi di Hassa Hissa, la città di Zelingi e a breve nei campi di Dileij, Garsila e Umkher; Ta’asha, in particolare i campi di Hashaba (1.360 famiglie), Bashum (1.986 famiglie), Borgy (1.975 famiglie) e Belil B; Kubum, in particolare i campi di Kubum (30.000 persone), Um Labassa (13.000 persone) e Dagadoussa (2.873 persone).

Quattro i settori di intervento:
- Sanitario, con l’attivazione e il rifornimento di tre centri sanitari a Kubum, Um Labassa e Dagadoussa, e la prospettiva di renderne operativi altri 12 .
- Igiene, con la costruzione di servizi igienici nella città di Zelingi, nel campo di Hassa Hissa, nella zona di Ta’asha e l’attivazione di comitati per l’educazione igienico-sanitaria nel campo di Hashaba e in quello di Bashum, Problematica ovunque è la situazione dell’acqua e per questo si stanno realizzando pozzi ed è prevista la fornitura di pezzi di ricambio per le pompe già installate.
- Aiuti alimentari, con la distribuzione di cereali, olio e zucchero a 300 bambini malnutriti sotto i cinque anni nel campo di Hashaba e interventi analoghi nelle zone di Ta’asha, Zelingi e Kubum.
- Aiuti non alimentari, con la distribuzione di teli tenda, taniche per l’acqua, coperte, zanzariere, utensili per la cucina, sapone ai 200 nuovi arrivati nel campo di Hashaba, mentre ne hanno già beneficiato altre 576 persone nel campo di Bashum. Sono stati distribuiti inoltre 2.000 set di utensili da cucina nel campo di Bashum e teli tenda e taniche per l’acqua a Wadhi Salik, nella zona di Zelingi. E’ prevista la costruzione di 300 capanne nel campo di Belil B.
Vi sono poi circa 190.000 sudanesi che dal Darfur si sono rifugiati in Ciad, per lo più accolti in 10 campi profughi. Alla Caritas diocesana di N’djamena (SECADEV) è affidata la gestione di tre campi: Farchana, Kounougou e Touloum per un totale di 38.865 rifugiati. La rete internazionale la sostiene contribuendo alla distribuzione di aiuti non alimentari, sementi, vaccini per bestiame e ad attività educative per bambini


Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Il Brasile, ad esempio: il referendum contro il commercio delle armiCaro Enzo, abbiamo mantenuto la promessaParents' Circle: il dolore sapiente è forza per forare la barriera del conflittoGli Usa dichiarano guerra all'agricoltura irachena Approvata una legge che impedisce agli agricoltori di riutilizzare i semi, il mercato passa nelle mani dei big dell'agribusiness - ottobre 2004RELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.L`economia mondiale tra religione e terrorismo - A cura della V A Erica ITC Romagnosi PC prof. Giancarlo TalaminiVATICANO - AZERBAIJAN - Il Papa: ''No alle religioni come mezzo di morte''MYANMAR - Congresso buddista: appelli al boicottaggio contro il regime<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheIl mondo shi’ita: le teorie fondamentali del potere politico e religiosoDa Belgrado a Baghdad. La guerra che continua Intervista a Fulvio Grimaldi autote del reportage-video ''Chi vivrà… Iraq''Lettera aperta ai veggenti della guerra - L'IRAQ DI YOUNIS TAWFIKHibakusha, i sopravvissuti alla bomba 60 anni dopo - di Ada DonnoX FESTIVAL INTERNAZIONALE PER LA PACE-ASSISI 21-24 Settembre 2005Caritas: luci e ombre sul DarfurCronologia del Pacifismo italianoGuardate la mia casa mortaI racconti del TigriMadrid y Bagdad, unidas por el dolor.Le «credibili» menzogne americane - Gli Usa prigionieri del meccanismo della guerra in Vietnam. Parola di Hannah ArendtPACE: Per dirla in tutti i modiISTRUZIONI D’USOGuardate la mia casa mortaIo Conservatore dico: basta guerraEreditare la terraScenari di guerra – Orizzonti di paceWorld Tribunal on IraqIl futuro dell'informazione comincia dalla pace 
FLAVIO LOTTICONVIVIO DEI POPOLI PER LA PACE - Il progetto, la proposta alla scuolaIL DRAMMA DELL'IRAQ, TRA GUERRA E DEBITOScuola di mondoProfughi di Falluja - Dahr JamailFirenze - le prime laureate Operatori per la pace - 27/10/2004Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolenteLA REGOLA DEL BASTONE - di Mikhail Gorbaciov - da Tacere è un peccato: a Rimini l'incontro dei firmatari dell'appello su FallujaUn corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti, vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeliIl sequestro di Simona e Simona: forse la memoria aiuta più della scarna cronacaCattolici Caldei: qual è il futuro dei Cristiani in Iraq?Storie e leggende metrolipolitane di BaghdadLettera dei familiari delle vittime dell'11 settembrePalestina - L’illusione della pacePerchè dovevamo colpire - Tony Blair - La Repubblica 18 dicembre 1998Europa e AmericaLa scuola e l’educazione alla Pace  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati