E’ vietato nelle scuole indossare simboli o indumenti che ostentino l’appartenenza religiosa: la legge francese
E in Italia?
Luigi Ambrosi
Condividi questo articolo



La legge del velo ci svela come non ci si deve incontrare tra culture diverse


Una diversità culturale al centro delle polemiche è ultimamente quella dell’uso di coprirsi il capo con un velo a scuola da parte delle ragazze di religione islamica. Per noi il velo islamico diventa un banco di prova del rispetto della diversità (e della libertà individuale).


Credo che ad un giovane francese non comporti alcun problema se la propria compagna di classe si copra i capelli con un velo. Il problema  è per gli adulti bianchi occidentali della classe dirigente francese, che per accontentare una propria  componente xenofobo-razzista ha fatto promulgare dal governo una legge di fatto umiliante, punitiva e discriminatoria  contro l’immigrazione araba; legge, lei si “velata” da legge contro l’ostentazione di qualsiasi simbolo religioso. Ora ne entro in merito.


Beffa della Storia, proprio durante i festeggiamenti del bicentenario della Rivoluzione Francese (libertè, fraternitè..) nel 1989 tre ragazze di 14 anni , Samira Leila e Fatimah, furono espulse perché si presentarono a scuola col velo in testa, come richiesto dall’attuale interpretazione della religione islamica. Da quell’anno in poi centinaia e centinaia furono le espulsioni di studentesse, fino al varo della Legge, entrata in vigore questo settembre, legge che testualmente dice all’art 1: ''E’ vietato nelle scuole indossare simboli o indumenti che ostentino l’appartenenza religiosa''.


La legge riguarda anche simboli religiosi come il turbante dei sikh, la kippah ebraica e la croce cristiana (se di grossa dimensione) ma ai più è apparso subito chiaro che il bersaglio principale di questa legge fosse il velo islamico (e l’immigrazione nordafricana). La norma non si applica nelle scuole private / cattoliche (che in Francia sono molto più che in Italia) e nei territori oltre confine. Il tutto in nome della laicità della scuola pubblica francese. Ma che la laicità sia un valore fondamentale della scuola francese è un grande falso visto che lo Stato francese paga con soldi pubblici e per intero lo stipendio agli insegnanti delle numerose scuole private cattoliche, dove naturalmente non vale il divieto di ostentazione dei simboli religiosi. Riassumendo in breve, abbiamo un lavoratore francese di origine nordafricana che paga le tasse con le quali lo Stato finanzia anche la scuola cattolica dove sono ostentate le croci; lo stesso lavoratore vede vietata alla figlia, pena l’espulsione, di velarsi il capo a scuola. E così la Francia, paese dove culturalmente si è affermato il principio di libertà, lo converte ora in un rifiuto delle libertà delle singole persone. Un’occasione di riflessione a questo punto è su quanto sia relativo il concetto di libertà: quando la libertà diventa un peso al controllo ed al dominio sociale , viene tranquillamente sacrificata. Il deputato verde francese Cohn Bendit ha così commentato la legge: ''La scuola laica, tollerante, aperta, ciò che essa ancor oggi assolutamente non è, deve accettare tutte le ragazze –con o senza velo- perché è la scuola che deve essere laica e non i ragazzi.''.


Oltre al pretesto della laicità  della scuola, i difensori della legge ricorrono ad un’altra giustificazione: la legge proteggerebbe le ragazze islamiche dagli obblighi del velo imposti dalle loro famiglie. Ma, aldilà del fatto che lo scontro tra giovani e adulti andrebbe lasciato al naturale scontro generazionale figli-genitori , occorre altresì ricordare una delle affermazioni-chiave del movimento delle donne: ''I tempi delle donne  sono i tempi che le donne si danno''. E lasciamo che ogni società sviluppi le proprie contraddizioni secondo i propri tempi ed il proprio stadio economico di crescita (a 14 secoli dalla sua nascita il cristianesimo allestiva i roghi su cui arse migliaia/milioni di persone e da non molto aveva riconosciuto che anche le donne potessero avere l’ anima).


E in Italia?


Benché la Scuola Italiana debba essere laica per Costituzione, conserva indebitamente i crocefissi in molte sue aule; inoltre, per il Concordato (legge tra Stato Italiano e Stato del Vaticano) i bambini già dalla scuola materna sono condizionati a svolgere due ore settimanali di religione cattolica (pena essere separati dai compagni, per svolgere un'attività alternativa). Il Concordato ha permesso alla religione cattolica di detenere nella scuola una posizione di monopolio della fede; non risulta che altre  religioni possano avere spazio nelle nostre scuole. Possiamo invece immaginare lo scandalo che creerebbe la presenza di un religioso islamico in una scuola pubblica per fare lezione di religione agli studenti mussulmani. In Italia quindi si ostentano simboli religiosi  cattolici sia nella scuola pubblica sia in quella privata, anche da noi sempre meno privata in quanto ricorre al finanziamento pubblico.


Verrebbe da dire: ''O tutti o nessuno'' con le ore di religione svolte solo in parrocchia, ma in Italia sul mercato delle fedi non c’è libera concorrenza ma una situazione monopolistica e si sa, chi ha l’anello del potere difficilmente se lo sfila…



Condividi questo articolo

in Dialogare con l'Islam: L'Islam e l'occidente: difficoltà nel dialogoL’IDENTITA’ OCCIDENTALE TRA ISLAMISMO E CRISTIANESIMOPONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO - MESSAGGIO PER LA FINE DEL RAMADAN 'Id al-Fitr 1425 A.H. / 2004 A.D.Lo scontro delle ignoranzeSento odor di Ramadan di Lia<b>Per un’educazione all’incontro tra le fedi.</b>VOCABOLARIO MINIMO DEL DIALOGO INTERRELIGIOSOIslam online donne musulmane - spazio web di espressione, confronto e dialogo.Fse: La dimensione dell'Islam in Europa<b>L’Islam tra Oriente e Occidente. </b>La comunicazione tra popoli strumento non universaleFatema Mernissi - Web occasione di riscatto e democrazia per Islam<b>CANTIERI DEL DIALOGO CRISTIANO-MUSULMANO - Verona:</b> appello-statuto di 24 associazioni che stanno preparando l'incontro del 14-15 maggio 2005IDENTITA’ TERRORISTA E FONDAMENTALISMO ISLAMICO.
Le valenze deterministiche della storia<b>Musulmani e Natale </b>cronaca di un problema che non esiste<IMG height=343 
src=http://www.hanafi-art.com/tableaux/aidelfitr.jpg width=483 border=0><br>
DIDAweb dialog with IslamIl mio Ramadan - di Fatima DiaLE POLITICHE MIGRATORIE IN EUROPA. L’ISLAM ITALIANO - Notizie su una realtà molteplice e multiforme.Europa e islam senza muri «Lo scontro di civiltà è frutto di una reciproca incomprensione e di certe mire occidentali sul Medio Oriente» - Parla l'antropologo Jack GoodyIslam europeo, islam americanoE’ vietato nelle scuole indossare simboli o indumenti che ostentino l’appartenenza religiosa: la legge franceseLA CORTINA DI VELO - Rassegna stampa europea in italianoGli arabi e l’imperoLa colpa dell’Occidente? Non sostenere chiaramente l’Islam liberale e tollerante - Intervista a Massimo CacciariLa democrazia e l'Islam; realtà o utopia?Marocco: nuovo codice di famiglia<img src=http://be.altermedia.info/images/LEVY_Alma&Lila.JPG border=0><br>In direzione della Mecca - Incrociando lo sguardo con quello di una ragazza francese un po' specialeRagazzi senza veliTolleranzaL'imam di Fuengirola ed i musulmani spagnoliLe due Simone - Parlano le donne islamichePerché tanta intolleranza per un foulard?Intervista a Abdelwahab MeddebMetter fine alla confusione tra Islam e terrorismoCHI E' TERRORISTA E CHI NO   dello stesso autore: <img src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/frawe.gif height=60 width=70 border=0 align=left><FONT color=#663399 size=5>I CULTI SOLARI NELL’EMISFERO NORD</FONT>IL 25 DICEMBRE  NATALE  DEL SOLELE RADICI ASTRONOMICHE DEL NATALE:IL SOLSTIZIO D’INVERNO25 DICEMBRE DEL 274 D. C.25 DICEMBRE DEL 330 D.C.PROTESTANTI E “RIFORMA”: VIETATO FESTEGGIARE IL NATALECULTI  A ROMA  PRIMA  DEL NATALE CRISTIANO:I SATURNALIDIO SOLE SIRIANO: ''INVICTUS SOL ELAGABALUS'' DI EMESADIO SOLE INDO-PERSIANO-MESOPOTAMICOIL DIO SOLE EGIZIANODIO SOLE BABILONESE:DIO SOLE ARABO: IL CULTO DI DUSARES/HELIOSIL DIO INDIANO: KRISHNAALTRI CULTI SOLARIALTRI RITI E PERSONAGGI DEL NATALE:LA DATA DI NASCITA DI GESU’LA STELLA COMETABABBO NATALEL’ALBEROIL CEPPO NATALIZIOIL VISCHIOIl CAPODANNOLA STRENNAL’EPIFANIA  E  LA  BEFANAISTRUZIONI D’USOE’ vietato nelle scuole indossare simboli o indumenti che ostentino l’appartenenza religiosa: la legge francese<b>IL PROBLEMA DEGLI INVISIBILI: </b>Studenti stranieri ''fuori'' dalle scuole a MilanoScuole etniche e intercultura nella scuola pubblica<b>SOLSTIZIO INVERNALE: LA RINASCITA DELLA LUCE</b> - IL NATALE E LE SUE RADICI - I CULTI SOLARI NELL’EMISFERO NORD


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati