Realtà migranti: cosa fanno i media? - Workshop sulla Comunicazione Interculturale
il 28 aprile si terrà a Napoli il terzo incontro
Condividi questo articolo


 


Realtà migranti: cosa fanno i media?


Il 28 aprile si terrà a Napoli il terzo incontro di “Comunicazione Interculturale”


 


Per cercare di rispondere alla domanda se gli oltre 2.500.000 immigrati che vivono nel nostro Paese sono effettivamente considerati nuovi cittadini e nuovi consumatori, Ferpi, Unicom e Etnica hanno organizzato un ciclo di interventi in alcune città caratterizzate da una presenza particolarmente significativa di comunità migranti. I primi due incontri si sono svolti con successo a Torino il 3 e a Padova il 24 marzo, il prossimo si terrà a Napoli il 28 aprile e quello conclusivo a Roma il 28 maggio.


 


Presenze invisibili o personaggi scomodi, gli immigrati occupano comunque uno spazio sempre più importante nella nostra società e sui media. Gli incontri hanno l’obiettivo di promuovere tra gli operatori della comunicazione una maggior conoscenza e consapevolezza nei confronti del target migrante e sensibilizzare la comunità professionale sulle attese di una crescente interculturalità.


Nato da un’idea di Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), Unicom (Unione Nazionale Imprese di Comunicazione) e Etnica (la scuola per l’economia interculturale), il progetto “Comunicazione Interculturale” si struttura in incontri che vedono alternarsi ricercatori e giornalisti, operatori di diversi settori, esperti di comunicazione, imprese.


 


Saranno presentati dati sui migranti, che nel nostro Paese rappresentano il 12% della popolazione attiva. Di questi, oltre 200 mila sono imprenditori, di cui quasi la metà donne, mentre circa 600 mila, pur avendo una residenza e un impiego stabili, faticano ad integrarsi pienamente nella società civile italiana. E se oggi i figli di coppie straniere sono circa 450 mila, si prevede che saranno un milione nel 2015. Un milione di “italiani con il trattino” che dovranno integrarsi anche nel mondo del lavoro.


 


La carenza di strumenti per dialogare con questi soggetti e favorire l’inserimento economico e sociale (mediazione interculturale, diversity management, comunicazione multilinguistica, marketing interculturale ecc…) è aggravata da un contesto in cui i media tendono ancora ad offrire uno stereotipo negativo del migrante.


“Comunicazione Interculturale” si propone di promuovere azioni finalizzate a elevare il livello di qualità della comunicazione relativa al dialogo interculturale e di diffondere presso aziende e organizzazioni una nuova cultura del rispetto, della tutela e della valorizzazione delle identità, evidenziando le esperienze positive più significative e i percorsi di integrazione in atto.


 


L’iniziativa conta sulla collaborazione delle Ferrovie dello Stato, azienda impegnata nei confronti dei migranti con numerosi progetti di accoglienza, come ad esempio quello relativo all’apertura di Help Center – già attivi a Milano, Roma e Torino – punti di assistenza sociale collocati all'interno delle stazioni e centri di collegamento con le istituzioni dell'ente locale.


Il progetto “Comunicazione Interculturale” è sostenuto anche dal Segretariato Sociale Rai, da Vita Non profit Magazine e da Prima Comunicazione.


 


L’incontro di Napoli si terrà il 28 aprile presso la Sala Conferenze Il Denaro, Piazza dei Martiri 58 a partire dalle ore 10.00.


 


Per adesioni:


Ferpi - comunicazione-interculturale@ferpi.it


 


Ufficio stampa:


Koinètica


tel. 02 6691621 – fax 02 67380608 -ufficiostampa.ferrario@koinetica.net


---------


Napoli, 28 aprile 2004
Sala Conferenze Il Denaro
Piazza dei Martiri 58


 


Programma


 


 


9.30                                  • Registrazione partecipanti


10                                        • Inizio lavori


• Saluto Giancarlo Panico – Ferpi


10.10               Il Welcome Marketing


  Anilkumar Dave – Etnica


10.40               L’immagine dei migranti nelle campagne di comunicazione


  Rossella Sobrero – Unicom/ Koinètica


11.00               Il ruolo delle Relazioni Pubbliche in una società in cambiamento


  Sissi Peloso – Ferpi


11.30               Immigrati e Mercato: oltre il cono d’ombra


  Carlo Cantucci - ASSIRM


12.00               Le Politiche Sociali di FS


  Amedeo Piva – Ferrovie dello Stato


12.30                              • Dibattito


 


13                    • Pranzo Interculturale


 


14                    Case history e testimonianze


  Stranieri in Italia (progetto Etnocomunication)


                          CTP – Compagnia Trasporti Pubblici (progetto CONTACT)


                          Radio CRC (progetto ETHNOS)


                          Regione Campania (progetto URP)


 


  Sarà presente Padre Alex Zanotelli


 


15.30               • Dibattito


 


16                    • Conclusioni


 


 

nome:Silvia cognome:Ferrario email:ufficiostampa.ferrario@koinetica.net

Condividi questo articolo

in Comunità immigrate: Le religioni degli immigrati all’inizio del 2004: gli effetti della regolarizzazione<b>APPARTENENZA E PARTECIPAZIONE - SIGNIFICATO E VALORE DEL TEMPO FESTIVO</b>Più di 200mila gli stranieri residenti a RomaDal biancocentrismo al policentrismo ...e i politici devono capireRealtà migranti: cosa fanno i media? - Workshop sulla Comunicazione InterculturaleABABA - Laboratorio donna a RavennaCaritas e Fondazione Migrantes - <b>XIV edizione del Dossier Statistico Immigrazione</b>: estratti, videointerviste, schede e materiali da scaricare.Dal 25 al 27 novembre - Convegno Cnr - L’Europa e i flussi migratori - International migration in Europe: new trends, new methods of analysisAnime salve: la storia di MoahmedTre medici cinesi presso l’ospedale di Prato<img src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/immigrazione03[1].jpg border=0><br>Etno Media - Associazione di giornalisti etniciEtnomedia: le testateRecenti ricerche sull’associazionismo degli immigrati realizzate in ItaliaEterofobia e soggettività migrantiAssociazione Coordinamento Ital Bangla e Sviluppo - The first Bangladesh comunity web site in Italy
by Ital Bangla Coordination and Development Association  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati