Le «credibili» menzogne americane - Gli Usa prigionieri del meccanismo della guerra in Vietnam. Parola di Hannah Arendt
Fabrizio Tonelli
Condividi questo articolo


Il Manifesto - 14 aprile 2004

 

 

Domenica scorsa, il senatore Richard Lugar ha chiesto all'amministrazione Bush di aumentare le truppe in Iraq per far fronte all'insurrezione; ne va, ha detto, della «credibilità» degli Stati Uniti. Lugar, un repubblicano che è in politica dal 1968 e che fu eletto senatore per la prima volta nel 1976, dovrebbe ricordare che questa parola fa apparire nella notte americana spettri ben più terrificanti di quelli che popolano le tragedie di Shakeaspeare. Credibilità è infatti il tema dei 47 volumi dei Pentagon Papers, la collezione di documenti su come era iniziata e proseguita la guerra nel Vietnam pubblicata nel giugno 1971 dal New York Times dopo una memorabile battaglia legale contro l'amministrazione Nixon. Dai documenti emergeva che le menzogne, le fantasie, gli errori della guerra ruotavano tutti attorno allo stesso problema: mantenere intatta la «credibilità» degli Stati Uniti come superpotenza.

Nel 1972 Hannah Arendt pubblicò sulla New York Review of Books un saggio a commento dei Pentagon Papers; il titolo era «Lying in Politics», la menzogna in politica. E' un saggio tutt'ora insuperato perché analizza con spietatezza i meccanismi dell'autoinganno tipici di gruppi dirigenti prigionieri della propria ideologia. Il primo elemento analizzato è il fatto che «gli scopi» (della guerra) dovevano costantemente cambiare. Così lo scopo della presenza in Indocina fu inizialmente preservare la democrazia in Sud-Vietnam, poi salvare il Vietnam dal comunismo, poi frustrare le mire espansioniste dell'Urss e della Cina e, infine, mantenere intatta «l'immagine degli Stati Uniti» di fronte agli alleati.

Si noterà che l'invasione dell'Iraq, inizialmente giustificata con la presenza di armi di distruzione di massa a Baghdad, è poi stata motivata con l'alleanza fra Saddam Hussein e il terrorismo islamico, mentre veniva anche invocata la necessità di «esportare la democrazia» in Medio oriente. Di fronte all'inconsistenza di questi pretesti oggi si invoca la «credibilità» degli Stati Uniti e dei loro alleati: sarebbe una vittoria «per il terrorismo internazionale» se le forze di occupazione se ne andassero scrive Tony Blair.

Ma se le ragioni della guerra cambiano ogni tre mesi, questo significa che nessuna di esse resiste alla prova dei fatti e, quando le cose iniziano ad andare male, si fanno le commissioni d'inchiesta. In sedicesimo, la commissione sull'11 settembre che in questi giorni interroga i responsabili dell'amministrazione Bush, sta compilando la versione irachena dei documenti del Pentagono. Lo scaricabarile fra politici, alti funzionari e dirigenti dei servizi segreti ha già dimostrato che le informazioni c'erano ma furono ignorate. La ragione? Gli alti funzionari «non avevano bisogno di fatti, né di informazioni; avevano una "teoria" e tutti i dati che non si adeguavano ad essa venivano negati o ignorati», come scriveva Hannah Arendt nel 1972.

Il vicepresidente Cheney dichiarò, alla vigilia dell'invasione, che gli iracheni «ci accoglieranno come liberatori». Poi, Bush diede la colpa degli attacchi contro le forze americane ai figli di Saddam Hussein, allo stesso Saddam, ai terroristi stranieri e ora, all'imam al Sadr. Il ciclo della menzogna e dell'autoinganno continua. Va sottolineato, a questo proposito, che esiste non soltanto un problema morale (mentire al Senato è una ragione di impeachment nella Costituzione americana) ma anche un problema politico che riguarda Stati Uniti ed Europa. I dirigenti Usa «perdono contatto con il mondo reale, che li riacchiapperà perché (il bugiardo ndr) può rimuovere la sua mente ma non il suo corpo dal mondo» come scriveva ancora la Arendt. La verità può essere nascosta, come le bare dei soldati americani che tornano dall'Iraq possono essere censurate dalle televisioni, ma i corpi, nella loro materialità, non possono essere eliminati ed è questa insopprimibile realtà che nessuna retorica e nessuna propaganda possono cancellare.




Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Il Brasile, ad esempio: il referendum contro il commercio delle armiCaro Enzo, abbiamo mantenuto la promessaParents' Circle: il dolore sapiente è forza per forare la barriera del conflittoGli Usa dichiarano guerra all'agricoltura irachena Approvata una legge che impedisce agli agricoltori di riutilizzare i semi, il mercato passa nelle mani dei big dell'agribusiness - ottobre 2004RELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.L`economia mondiale tra religione e terrorismo - A cura della V A Erica ITC Romagnosi PC prof. Giancarlo TalaminiVATICANO - AZERBAIJAN - Il Papa: ''No alle religioni come mezzo di morte''MYANMAR - Congresso buddista: appelli al boicottaggio contro il regime<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheIl mondo shi’ita: le teorie fondamentali del potere politico e religiosoDa Belgrado a Baghdad. La guerra che continua Intervista a Fulvio Grimaldi autote del reportage-video ''Chi vivrà… Iraq''Lettera aperta ai veggenti della guerra - L'IRAQ DI YOUNIS TAWFIKHibakusha, i sopravvissuti alla bomba 60 anni dopo - di Ada DonnoX FESTIVAL INTERNAZIONALE PER LA PACE-ASSISI 21-24 Settembre 2005Caritas: luci e ombre sul DarfurCronologia del Pacifismo italianoGuardate la mia casa mortaI racconti del TigriMadrid y Bagdad, unidas por el dolor.Le «credibili» menzogne americane - Gli Usa prigionieri del meccanismo della guerra in Vietnam. Parola di Hannah ArendtPACE: Per dirla in tutti i modiISTRUZIONI D’USOGuardate la mia casa mortaIo Conservatore dico: basta guerraEreditare la terraScenari di guerra – Orizzonti di paceWorld Tribunal on IraqIl futuro dell'informazione comincia dalla pace 
FLAVIO LOTTICONVIVIO DEI POPOLI PER LA PACE - Il progetto, la proposta alla scuolaIL DRAMMA DELL'IRAQ, TRA GUERRA E DEBITOScuola di mondoProfughi di Falluja - Dahr JamailFirenze - le prime laureate Operatori per la pace - 27/10/2004Globalizzazione, diritti dei popoli indigeni e lotte nonviolenteLA REGOLA DEL BASTONE - di Mikhail Gorbaciov - da Tacere è un peccato: a Rimini l'incontro dei firmatari dell'appello su FallujaUn corso insegna ai soldati a comportarsi come jihadisti, vestiti come arabi pregano, rapiscono e uccidono gli infedeliIl sequestro di Simona e Simona: forse la memoria aiuta più della scarna cronacaCattolici Caldei: qual è il futuro dei Cristiani in Iraq?Storie e leggende metrolipolitane di BaghdadLettera dei familiari delle vittime dell'11 settembrePalestina - L’illusione della pacePerchè dovevamo colpire - Tony Blair - La Repubblica 18 dicembre 1998Europa e AmericaLa scuola e l’educazione alla Pace  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati