LA CARICA DEI 101
corso di italiano e arabo per ragazzi immigrati
Condividi questo articolo


LA CARICA DEI 101
ovvero corso di italiano e arabo per ragazzi immigrati


 


Modena è al quarto posto tra le province italiane per la percentuale di studenti stranieri. Nel terzo Circolo di Modena(“Esercizi di ed.interculturale al 3°Circolo di Modena”in Educazione interculturale rivista Erikson n°3/2005) in questo anno scolastico su 851 alunni sono 114 i bambini stranieri che rappresentano perciò il 13,40%. Nelle sole  quattro scuole elementari sono 101 e cioè il 12,66% ,mentre sono ben 15 su 69 quelli che vanno nell’unica scuola dell’infanzia dello stesso Circolo e perciò rappresentano ben il 21,8%dei bambini dai 3 ai 5 anni. Con questa popolazione scolastica,per il settimo anno, al termine delle lezioni, dal 13 giugno al 23 giugno,si terrà il corso d’italiano:per quindici giorni i 100 ragazzi immigrati saranno immersi nella nostra lingua. Ad insegnare ci saranno quattro maestre e un maestro di ruolo,pagate con il FIS(fondo di istituto delle scuole autonome).Danno una mano sei studentesse del Liceo psico –pedagogico “C.Sigonio” di Modena, che con questa attività guadagnano crediti formativi. Il Comune di Modena mette a disposizione il trasporto visto che vengono raccolti i ragazzi immigrati dalle 4 scuole del Circolo e portati nel plesso principale”Giovanni XXIII°”.


Non è l’unica iniziativa  per l’integrazione dei bambini stranieri;infatti durante l’anno funziona un regolare corso di italiano continuativamente un pomeriggio(perché tutte le scuole del 3° Circolo funzionano a Tempo Pieno) ogni settimana.


La novità introdotta quest’anno è aver aggiunto il corso della lingua madre per i bambini arabofoni. Per la verità il corso di arabo funziona già da tre anni durante l’anno scolastico ogni sabato mattina,che sarebbe libero visto che c’è il T.P.


Durante il corso di giugno, quest’ anno ,per tre giorni (martedì,mercoledì e giovedì),i ragazzi arabafoni si sfileranno dal corso di italiano e faranno arabo con un maestro inviato dalla Fondazione Hassan II per il marocchini residenti all’estero.


Vale la pena ricordare che  quella marocchina nella nostra provincia è la nazionalità prevalente sia tra gli adulti che tra i ragazzi. Inoltre la  scuola “Giovanni XXIII°” da 4 anni è gemellata con la scuola”Khalid Ben El Walid” di Kenitra in Marocco,cui vengono inviate penne,libri,quaderni e ogni altro tipo di materiale scolastico.


La carica dei 101 non è composta solo da marocchini(21),Hana e Rihab e altri cinque alunni vengono dalla Tunisia,Mark è l’ultimo arrivato degli otto ghanesi, Xhensila invece vanta il primato della permanenza in Italia e perciò guida il gruppo dei quindici  piccoli albanesi,una decina sono anche i cinesi,mentre stanno crescendo i rappresentanti di India,Sri Lanka,Indonesia e Filippine. Simon e Alexandra sono arrivati rispettivamente dalla Polonia e dalla Romania.Oscar viene da Cuba e alcuni suoi compagni arrivano dal Brasile. Ad esclusione dell’Oceania,tutti i continenti sono rappresentati.Il corso di approfondimento dell ‘italiano è  stato collocato a giugno per riuscire ad intercettare anche i neoarrivati dai paesi d’origine, tramite la scuola dell’infanzia o i servizi sociali, prima che mettano piede alla scuola elementare,perché possano farlo conoscendo la lingua del paese che li ospita.


Il 24 agosto partirà invece un’altra iniziativa per aiutare i ragazzi in difficoltà a fare i compiti per le vacanze. Tale iniziativa però non è fatta esclusivamente per i ragazzi stranieri ma per tutti gli scolari che,per ragioni familiari,difficilmente porterebbero a termine i compiti per le vacanze.


 


Arturo Ghinelli



 






email: arturo.ghinelli@virgilio.it  

Condividi questo articolo

in a scuola: La Gran Bretagna risponde sul divieto dell'Hijab nelle scuoleLa sfida della mediazione linguistico-culturale. Intervista a Gianfranco Bonesso di Roberto CarneroL’educazione interculturaleIl Teatro come strumento di mediazione interculturale.Ricerca di Caritas e Unicef: il 40% degli alunni extracomunitari è nelle scuole primarie. Ma la percentuale è in aumento anche negli istituti superioriIl sottosegretario all'istruzione, Letizia De Torre, spiega le strategie per favorire l'integrazioneRicerca di Caritas e Unicef: crescono gli alunni stranieri: da settembre saranno 500 milaLA CARICA DEI 101Ricerca della Bocconi e dell'University College di Londra - ''I clandestini più istruiti degli studenti italiani''Teachers and Educational Quality: Monitoring Global Needs for 2015La Poesia di un 'alunna diventa ' Canzone per la Pace'PARLAMENTO EUROPEO - RELAZIONE
sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueL’EDUCAZIONE INTERCULTURALE: UN VIAGGIO ATTRAVERSO L’APPRENDIMENTO E LA COMUNICAZIONELinee guida per l'accoglienza e l'integrazione degli alunni stranieriCome affrontare l'Islamofobia a scuolaQual è lo stato di salute globale dell’educazione? - Intervista a Vernor Muñoz Villalobos. Relatore Speciale delle Nazioni Unite  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati