Dal biancocentrismo al policentrismo ...e i politici devono capire
Nessuno e' straniero
Amina Donatella Salina
Condividi questo articolo


Mi riferisco al contributo della prof.ssa Rivera che mi sembra oltremodo interessante.


La mia esperienza ventennale di volontariato tra gli immigrati mi conferma il giudizio dell'antropologa. Siamo ancora ad una fase biancocentrica o monoetnica che dir si voglia nella riflessione delle forze politiche di sinistra e cattoliche figuriamoci di destra.Lo dico perche' e' gia' partita la campagna elettorale - a due anni dalle politiche_e ci sdara' al caccia all'immigrato per farlo diventare consigliere comunale alle amministrative o  deputato alle politiche. Allenza Nazionale e i Democratici di Sinistra gia' si sono mossi. Ma come???


Naturalmente da una prospettiva biancocentrica e' normale, cioe' negando del tutto qualsoasi specificita' che non sia folclore. Finche' si tratta di mangiare il cous- cous tutto bene, quando si passa a ragionare ci ritroviamo l'intervento di Madame Lalumiere' deputata socialista francese (e meno male che era socialista) che condanna all'ultima conferenza del Forum Fratelli d'Italia dei Ds a Roma qualsiasi rivendicazione culturale espressione di multietnicita' e di multireligiosita' come comunitarismo. Dovete vedere le facce davanti ai musulmani italiani progressisti, praticamente la nostra esistenza per loro e' un problema - parlo della nomenklatura politica, non della base - perche' distrugge la base post- colonialista e le argomentazioni alla Sartori.Un musulmano puo' fare il sindacalista basta che si scorda la sua religione,ha tutti gli spazi che vuole pero' deve praticare in privato chiuso tra le quattro mura e qualsi quasi di nascosto.


Come comunita' non possiamo chiedere niente perche' veniamo tacciati di comunitarismo. Per fortuna molti hanno criticato questo intervento che plaudiva alla legge anti-velo e non solo . Lalumiere ci ha spiegato che in Francia e' vietato parlare altre lingue regionali come il bretone o il basco e' proprio vietato, si deve parlare per forza il francese o una lingua straniera. E'opportuno ricordare come l'omogeneizzazione religiosa della Francia e' avvenuta. attraverso il massacro fisico dei protestanti e l'imposizione forzata del cattolicesimo come unica religione di Stato alla fine del Seicento. Alla faccia della democrazia! E che parte della sinistra faccia proprie queste argomentazioni degne di un generale Liautey (il quale almeno capiva ed amava la civilta' islamica pur essendo un colonialista=) e' veramente moralmente riprovevole.


Dobbiamo passare ad un atteggiamento policentrico rispetto ai valori. I valori universali espressi nella Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo sono universali ma si declinano in modi differenti secondo le civilta' di riferimento.Il senso del pudore di una musulmana e quello di una cattolica americana sono diversi,la dignita' riconosciuta alla donna e' la stessa in tutte le civilta'. Ognuno puo' imparare dagli altri, da parte mia ho imparato la lealta' e l'ospitalita' dai popoli arabo-islamici e dal Terzo Mondo in particolare ,mi piaccono alcune musiche etniche alcuni modi di vestire o di comportarsi non "italiani", cio' significa che stiamo diventano una comunita'- mondo e le nostre identita' sono mobili. Purtroppo tra certa gente  tutto cio' non e' ancora giunto Ho visto una grandissima differenza nell'impostazione del discorso tra i fratelli e le sorelle del Nord e noi del Centro- Sud. A Roma siamo ancora all'emergenza . Un esempio.mio marito per trovare lavoro ha dovuto dire di essere ancora marocchino mentre ha la doppia cittadinanza ,altrimenti nessuno ti assume. Addirittura avere la cittadinanza o il soggiorno e' un handicap perche' prendono i moldavi ultimi arrivati per farli lavorare 10 ore al giorno al nero nei cantieri per un tozzo di pane. Si sono ripopolate caverne e case abbandonate piene di topi e di scarafaggi dove vanno quelli dell'Est che sono gli ultimi arrivati.


A Treviso invece gli imprenditori stessi hanno costruito 4 palazzi e hanno affittato gli appartamenti ai lavoratori migtranti a 150 euro almese, che a Roma neanche una camera ci prendi ) 2oo euro un posto letto) Come vedete le situazioni sono diverse, ma credo che ci sia l'esperienza e non manchino le persone adatte a far cambiare idea ai politici e agli amministratori


Amina Donatella Salina


 



Condividi questo articolo

in Comunità immigrate: Le religioni degli immigrati all’inizio del 2004: gli effetti della regolarizzazione<b>APPARTENENZA E PARTECIPAZIONE - SIGNIFICATO E VALORE DEL TEMPO FESTIVO</b>Più di 200mila gli stranieri residenti a RomaDal biancocentrismo al policentrismo ...e i politici devono capireRealtà migranti: cosa fanno i media? - Workshop sulla Comunicazione InterculturaleABABA - Laboratorio donna a RavennaCaritas e Fondazione Migrantes - <b>XIV edizione del Dossier Statistico Immigrazione</b>: estratti, videointerviste, schede e materiali da scaricare.Dal 25 al 27 novembre - Convegno Cnr - L’Europa e i flussi migratori - International migration in Europe: new trends, new methods of analysisAnime salve: la storia di MoahmedTre medici cinesi presso l’ospedale di Prato<img src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/immigrazione03[1].jpg border=0><br>Etno Media - Associazione di giornalisti etniciEtnomedia: le testateRecenti ricerche sull’associazionismo degli immigrati realizzate in ItaliaEterofobia e soggettività migrantiAssociazione Coordinamento Ital Bangla e Sviluppo - The first Bangladesh comunity web site in Italy
by Ital Bangla Coordination and Development Association   dello stesso autore: Dal biancocentrismo al policentrismo ...e i politici devono capire<b>Musulmani e Natale </b>cronaca di un problema che non esisteL'imam di Fuengirola ed i musulmani spagnoliCHI E' TERRORISTA E CHI NOLONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!Musulmani d'Italia aderite all'appello dell'UCOII - Il terrorismo e la paura si combattono con la convivenza, il dialogo, la pace.Abdessalam Yassin,Rachid Ghannouchi Nadia Yassin,Hassan al Banna Tareq Ramadan. Neo-tradizionalisti e democratici.La nuova generazione di  musulmani accetta la democrazia anche nei paesi d'origine.Testimonianze di donne musulmane ritornate all'Islam da altre religioni<b>Il 16 Ottobre alle primarie i musulmani votano pacifista</b> Quale programma per la sinistra.


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati