La Gran Bretagna risponde sul divieto dell'Hijab nelle scuole
Condividi questo articolo


La Gran Bretagna risponde sul divieto dell'Hijab nelle scuole


Il Ministro Patricia Hewitt ha dichiarato: "Le studentesse di fede musulmana in Gran Bretagna non saranno soggette al divieto di portare il velo islamico (hijab) negli edifici scolastici. Il divieto imposto dalla Francia ha causato solamente grandi controversie".


Il Ministro ha in oltre dichiarato ai Membri del Parlamento: " Certamente permetteremo alle ragazze musulmane di portare il velo nelle scuole, cosi' come permettiamo che gli ufficiali donne della polizia portino il velo e che gli ufficiali uomini di religione Sikh portino il turbante". La Legge Francese e' stata definitivamente adottata quando i senatori hanno supportato i membri del parlamento dando al bando dell'hijab (velo islamico) il consenso della maggioranza.


Il bando include qualsiasi indumento religioso o " cospicuo " segno di affiliazione religiosa - incluso il copricapo ebreo o le croci cristiane - ma e' primariamente focalizzato a rimuovere il velo islamico. Questa legge e' stata applicata dopo decenni di dibattiti circa la questione, portando una multitudine di cittadini in protesta contro la natura discriminatoria di questa legge, sia in Francia che in varie parti del mondo. In una registrazione audio, un individuo, identificato tra uno dei top leader di al-Qaida, ha dichiarato" Un altro esempio della malizia dei Crociati, che gli Occidentali hanno contro i Musulmani".


Nell'apertura di un dibattito sulla donna, uguaglianza e diritti umani tenutosi nella Camera dei Comuni, Ms. Hewitt ha dichiarato: " Parlando con le giovani musulmane Inglesi, nella mia stessa citta', Leicester, sono a conoscenza del loro timore che la stessa intolleranza che ha vinto in Francia , prenda piede qui in Gran Bretagna." " Le donne musulmane temono, che il Governo Britannico segua il patto intrapreso da quello francese, e imponga un bando sull'espressione religiosa nelle scuole". "Noi tutti comprendiamo la tradizione secolare degli spazi pubblici e del republicanesimo in francese, ma qui in Gran Breatagna esiste un'altra tradizione." " Noi non seguiremo l'esempio francese e non penso che nessun altro in entrambe le Camere fara' altrettanto." " Certamente continueremo a permettere che le ragazze di fede musulmana portino il velo, cosi' come lo permettiamo alle donne musulmane membre della polizia".


Una scuola in Luton che aveva precedentemente imposto il divieto del velo islamico nell'edificio, e' stata forzata a rimuovere il bando. Cosi' come la scuola superiore di Icknield e' stata ammonita che un divieto del velo islamico nell'edificio e' una breccia del Race Relations Act ( Atto delle relazioni raziali).


Erika Brioschi email:islamitalia@hotmail.com  



Condividi questo articolo

in a scuola: La Gran Bretagna risponde sul divieto dell'Hijab nelle scuoleLa sfida della mediazione linguistico-culturale. Intervista a Gianfranco Bonesso di Roberto CarneroL’educazione interculturaleIl Teatro come strumento di mediazione interculturale.Ricerca di Caritas e Unicef: il 40% degli alunni extracomunitari è nelle scuole primarie. Ma la percentuale è in aumento anche negli istituti superioriIl sottosegretario all'istruzione, Letizia De Torre, spiega le strategie per favorire l'integrazioneRicerca di Caritas e Unicef: crescono gli alunni stranieri: da settembre saranno 500 milaLA CARICA DEI 101Ricerca della Bocconi e dell'University College di Londra - ''I clandestini più istruiti degli studenti italiani''Teachers and Educational Quality: Monitoring Global Needs for 2015La Poesia di un 'alunna diventa ' Canzone per la Pace'PARLAMENTO EUROPEO - RELAZIONE
sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueL’EDUCAZIONE INTERCULTURALE: UN VIAGGIO ATTRAVERSO L’APPRENDIMENTO E LA COMUNICAZIONELinee guida per l'accoglienza e l'integrazione degli alunni stranieriCome affrontare l'Islamofobia a scuolaQual è lo stato di salute globale dell’educazione? - Intervista a Vernor Muñoz Villalobos. Relatore Speciale delle Nazioni Unite  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati