Se il volontariato diventa un lavoro
Condividi questo articolo


Dagli stage al co.co.pro. i giovani volontari cercano sempre più occasioni di occupazione.
Don Albanesi: "I ragazzi sono ossessionati dal futuro"
Se il volontariato diventa un lavoro
boom di richieste per il sociale

di TULLIA FABIANI



<B>Se il volontariato diventa un lavoro<br>boom di richieste per il sociale</B>
Un giovane volontario a Torino
E adesso anche il volontariato si adegua: prende le forme della generazione stage e "co. co. pro.". Non che non si possa più parlare di solidarietà, sensibilità, generosità; i tantissimi giovani impegnati nel volontariato ne hanno in abbondanza. Ma sono le forme del servizio, appunto, a mutare. Anzi, per dirla meglio, sono i tempi a non essere "quelli di una volta". L'esperienza del volontariato per i ventenni di oggi, infatti, passa spesso dalle porte delle scuole, del servizio civile o da quelle delle università (che organizzano tirocini e li valutano come crediti formativi), per poi diventare possibile occasione di lavoro.

"C'è chi parla di crisi, molte organizzazioni lo fanno - racconta Marco Caselli, sociologo dell'Università Cattolica di Milano -. Noi possiamo parlare di una tendenza consolidata: i giovani fanno volontariato, ma non appena mettono su famiglia o trovano un lavoro l'esperienza viene abbandonata. Non si tratta di deperimento del valore, ma di meno disponibilità di tempo".

L'impressione non è casuale, ma frutto di un'indagine realizzata da dieci università italiane (Calabria, Milano Cattolica, Molise, Padova, Palermo, Pisa, Siena, Teramo, Torino e Trento) sugli "adulti giovani" in Italia e i cui principali risultati sono stati pubblicati recentemente (Ricomporre la vita. Gli adulti giovani in Italia, Carocci, a cura di V. Cesareo). "Quella degli adulti giovani, tra i 25 e i 39 anni, è una fascia cruciale e anche piuttosto critica, almeno per quel che riguarda il volontariato - spiega Caselli - ma studiarla ci ha consentito di avere una visione retrospettiva sul fenomeno".





Tre persone su dieci (30,6%) hanno dichiarato di aver fatto volontariato e il 51,4 per cento di questi attribuisce grande importanza per la sua vita attuale a questa esperienza. Prendendo però in considerazione il dato anagrafico si nota che all'aumentare dell'età aumenta il numero di quanti dichiarano che non farebbero mai, o non continuerebbero a fare, volontariato: sono il 7,7% per i soggetti di età compresa fra i 25 e i 29 anni, il 9,3% per quelli fra i 30 e i 34 anni e il 9,9% per quelli fra 35 e 39 anni. Certo non sono percentuali altissime, ma "sono il segnale di una possibile inversione di tendenza" e della partecipazione temporanea dei più giovani.

"La problematicità che sembra caratterizzare oggi il rapporto tra giovani e volontariato - sottolinea il sociologo - è legata alla possibilità di riprodurre nel tempo una serie di attività essenziali per l'integrazione e il benessere della società". In altre parole anche il volontariato subisce i colpi del precariato. Rimangono il desiderio di rendersi utili e di aiutare chi ha bisogno; la voglia di mettersi alla prova; di socializzare con altri coetanei; ma la visione di medio lungo termine lascia il posto a quella transitoria e s'impoverisce l'obiettivo di militanza sociale, più familiare forse ai volontari oggi vicini agli "anta".

"Venti o trenta anni non si era così ossessionati dalla ricerca del lavoro - dichiara Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco - invece i ragazzi oggi sono ossessionati dal futuro. Fanno volontariato fino alla scuola media superiore, poi all'università rallentano. E si tratta di un volontariato ambiguo, che diventa preludio al lavoro perché non ci si può permettere di avere tempo libero". L'ossessione è "creare competenze e rapporti spendibili a livello professionale": l'elemento della gratuità assoluta pare un po' messo tra parentesi, all'interno di un discorso molto complesso in cui si combinano servizio e interesse personale.

"Il volontariato puro si trova sempre meno - commenta Antonio Raimondo, presidente del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) -. I giovani hanno una propensione alla solidarietà, a dedicarsi agli altri, ma sono disposti a fare volontariato fino a un certo punto e poi non più, perché vogliono lavorare. Il problema del lavoro è un problema serio: è sbagliato parlare di tempo libero. Il tempo libero non esiste - sostiene Raimondo - esiste il tempo liberato, ovvero ci si libera del tempo che è impegnato per fare volontariato. E poi bisogna fare una distinzione tra volontariato sociale, con una configurazione più tradizionale, e quello internazionale, che è il nostro caso. Non c'è dubbio, in particolare per quello sociale, che il boom degli anni '80-'90 sta finendo e questo dipende anche dalla crisi economica che attraversa la società. Quando c'è meno ricchezza e le famiglie, come adesso, non ce la fanno a tirare avanti, il margine per fare volontariato si restringe".

Allora per i giovani, volontariato si tradurrà necessariamente in ricerca di lavoro? "Sembra proprio di sì - risponde Suor Giuse, responsabile dei volontari Caritas a Roma -. Il lavoro nell'ambito sociale è molto richiesto dai ragazzi, ne conosco tanti che vengono qui a fare tirocini con la speranza che poi si apra qualche possibilità. Ma le risorse sono poche". E ciò che si può offrire spesso è solo un'esperienza di volontariato "vecchio stile": spontaneo e gratuito. Ai ragazzi la scelta.
(8 dicembre 2005)


http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/scuola_e_universita/servizi/volontariato/volontariato/volontariato.html



Condividi questo articolo

in L' Italia e gli italiani: Dossier ''L'esclusione sociale'': un fenomeno articolato, sezionato nei suoi differenti aspetti da numerosi espertiMigranti in CampaniaIstat, povere l'11,7% delle famiglie. Ma al Sud si arriva oltre il 40%La povertà relativa in Italia - I dati Istat, 6 ottobre 2005Indagine Ipsos: più povera la metà degli italianiDOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2005- Franco Pittau: Le idee guida del DossierDossier Caritas: in Italia quasi 3 milioni gli immigratiLA CARITAS: TRA 10 ANNI GLI IMMIGRATI SARANNO 5 MILIONI E MEZZOLe rilevazioni dell'annuario 2005 Istat su quanto spendono gli italiani: al Sud in media la metà della cifra del NordCaro-sportello, clienti spremuti e banche sempre più riccheNell'indagine Demos-Coop le inquietudini dei cittadini italiani‘ndrangheta - Indagine EurispesCIAMPI - Tendete la mano ai giovani stranieri che vivono in mezzo a noi. Essi sono venuti per ricevere, ma anche per dare. Il testo integrale del messaggio agli studenti 2005-2006Italia già multiculturale, meticcio vuol dire ricchezza - Pioggia di critiche al discorso del presidente del SenatoQUARS 2005: come si vive in Italia. Una classifica regione per regioneIndagine sul semianalfabetismo - Il 39,2% degli italiani (22 milioni e mezzo) è privo di titolo di studio o possiede la licenza elementare.Cresce la paura dei prezzi  Gli italiani risparmiano sul cibo - Un'indagine CensisIsfol: molto lavoro è part time ma cresce quello femminileContinua il boom del mattone.Mutui in aumento del 20 per centoCARITAS ITALIANA - FONDAZIONE MIGRANTES - CARITAS DI ROMA - 35 anni di immigrazione in Italia: una politica a metà guado. Anticipazioni del <b> Come si vive in Italia?</b> QUARS - Rapporto alternativo 2005 sulla qualità dello sviluppo.13a edizione del “Rapporto annuale sulla situazione del Paese” dell’Istat, il principale strumento di analisi sugli aspetti economici, demografici e sociali, prodotto ogni anno dall'Isituto di statisticaFratelli d’Italia di GOFFREDO MAMELI - Testo e commentoSono 144.285, secondo l'Istat, i minori che lavorano in Italia. Di questi, 12.168 hanno tra i 7 e i 10 anniISTAT: L'occupazione cresce grazie alle regolarizzazioniSe il volontariato diventa un lavoroE il barbiere smise di fare la barba  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati