Le donne del Mali per un'altra Africa. La "carovana della dignità" arriva in Italia
Condividi questo articolo


La "carovana della dignità" arriva in Italia

Le donne del Mali per un'altra Africa





Roma, giovedì 27 ottobre, ore 14.30
Sala Capranichetta, Piazza Montecitorio

Incontro pubblico con la delegazione di donne africane



Arriva oggi a Roma, dove si fermerà sino a sabato 29,  la "carovana della dignità":   una delegazione di  donne del Mali, coordinate dalla scrittrice  Aminata Traore, che sta attraversando l'Europa per denunciare le condizioni di sfruttamento in cui versano  i paesi africani e le violazioni dei diritti umani di cui sono vittime i migranti che cercano di raggiungere il nostro continente.

Una scrittrice, una docente universitaria, un'artigiana, una giovane artista, due cantanti, due economiste, una manager, una contadina, una giornalista e una sociologa, tutte del Mali, in viaggio dal 15 ottobre per sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica sui guasti prodotti nel loro continente da un neoliberismo selvaggio, e rivendicare diritti economici, politici e sociali.

Aminata e le altre donne fanno parte del Forum per un altro Mali e sono tra  le più attive promotrici del Forum Sociale Mondiale decentrato che si terrà a Bamako in gennaio - particolarmente importante in vista del prossimo  Forum Sociale Mondiale fissato  in Kenia nel 2007.

La carovana, che ha iniziato il suo viaggio il 15 ottobre,  è stata  in Marocco, Spagna, Francia e dopo l'Italia dovrebbe raggiungere  Bruxelles per incontrare  rappresentanti del Parlamento europeo e  della Ue. Il ritorno  a Bamako è previsto il 2 novembre.

 Giovedì 27 ottobre alle ore 14.30 presso la sala Capranichetta in Piazza Montecitorio ci sarà un incontro pubblico con Aminata Traore, Cisse Haoua, Bagayoko Ramata Doussou, Doumbia Nahawa,  Samake Assetou Foune, Diarra Fanta.
    

Parteciperanno:  Ali Baba Faye (Ds), Touty Coundoul (Tam-tam Village), Sen. Francesco Martone (indipendente Prc), Alessandra Mecozzi (Fiom), Filippo Miraglia (Arci), Maurizio Musolino (Pdci),
Anna Pizzo (Carta), Patrizia Sentinelli (Prc), Piero Soldini (Cgil), On. Katia Zanotti (Ds)

Coordina Raffaella Bolini (Arci).


Di seguito una scheda di Aminata Traore, che coordina la carovana




Aminata Traoré , nata a Bamako (Mali), nel 1947 è una delle ideatrici del Forum sociale africano. Già ministro della cultura (1997-2000) del Mali, è diventata famosa per le sue denunce radicali del neoliberismo e l'oppressione dell'Africa. Attualmente è impegnata in diverse organizzazioni internazionali come esperta economica di questioni africane ed è una delle voci critiche più originali ed ascoltate del continente. Da diversi anni segue attivamente le attività del Forum sociale mondiale proponendo, con le iniziative dedicate all'Africa, il punto di vista di una realtà troppo spesso dimenticata o, al più, considerata marginale anche nel dibattito "altermondialista".

Aminata Traoré, nei suoi libri, nelle interviste rilasciate, negli interventi, soprattutto in occasione di incontri internazionali, tra cui il Forum mondiale di Porto Alegre del 2002, denuncia come la globalizzazione e la politica internazionale stiano non solo schiacciando economicamente il continente africano, ma lo stiano anche privando della possibilità di costruire un futuro sociale, politico ed economico diverso, realizzato sfruttando le ricchezze della cultura e della natura locale: "Pensare ad un'altra Africa è possibile, svincolandosi dalle catene dei potenti, lottando per un mercato dal volto umano capace di imporre democrazia e diritti umani come presupposti fondamentali".

Traoré è autrice di libri tradotti in molte lingue. In Italia sono stati pubblicati:

- L'immaginario violato (Ponte alle Grazie, Milano 2003) in cui scrive che l'identità dell'Africa è stata completamente stravolta nel corso dei secoli, violata anche nella sua capacità di immaginare un futuro diverso, e che questo impedisce oggi agli africani di trovare una propria alternativa alla globalizzazione neoliberista, alternativa che invece costituirebbe un valido modello per tutta l'umanità;

- La morsa. L'Africa in un mondo senza frontiere (Ibis, Como 2003) in cui denuncia, attraverso un'analisi rigorosa dei dati reali dell'economia, come le politiche neo-liberiste imposte dai paesi ricchi stiano strangolando un intero continente.

Al forum "Quanto è grande il tuo mondo? Europa, gioventù e globalizzazione", che nel maggio 2004 ha riunito centinaia di giovani provenienti da tutto il mondo, Aminata Traoré si è rivolta loro per parlare di un'altra Africa, non quella che si china per essere giudicata come buona allieva del FMI e della Banca mondiale, ma dell'Africa della resistenza, che vuole collaborare con la gioventù europea in quanto decisore del futuro: " Un'altra Africa è possibile, un'Africa riconciliata con sé stessa, che disponga pienamente della sua facoltà di pensare il suo futuro e di dargli un senso" .






Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Volti femminili dell'islamUna vuota libertà - dopo la caduta di Saddam la popolazione femminile ha dovuto fronteggiare nuove avversità e un aumento della violenzaLa sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola. Da New Delhi Maria Grazia CoggiolaLa condizione della donna Sahraui - Tesi di laurea ROSSELLA MELOTTII PROBLEMI CHE PONE L´EPOCA DEL MULTICULTURALISMO - Come accogliere le differenze - Luce IrigarayWeltliebe: amore del mondo <b><i>Perchè non si tratta solo di riconoscere di essere nati da una madre, ma di saperla amare</b></i> Chiara Zamboni a proposito di un libro di Andrea GünterLa CEDAW - Convenzione per l'eliminazione di tutte le discriminazioni nei confronti delle donne e la  Conferenza di Beijing - Stefania ScarponiL'Africa filmata dalle donne di ELISABETH LEQUERETSul sesso dello Stato - La sfida della politica e della democrazia in Africa 
Fatou Sow (sociologa, Senegal)Le Madri argentine di Plaza de Mayo -<b> Noi pazze, a gridare la verità -</b>  di Daniela PadoanVite vissute/ Vite rappresentate - Donne, migrazioni e tratta fra stereotipi e realtàDenunciò gli stupri di gruppo il Pakistan imbavaglia MukhtarDonne Marocchine in ItaliaLe donne in Tanzania - Doveri senza diritti e sfruttamento: la donna è il capro espiatorio su cui si sfoga la violenza del sistema.Le donne del Mali per un'altra Africa. La Libri di DONNE, Libri di DEELettera a mia figlia che vuole portare il velo - di Leila DjitliTALI FAHIMA - Ventotto anni, sefardita, elettrice del Likud, oggi agli arresti per ''collaborazione con il nemico''. La sua colpa, aver visto in faccia e denunciato gli orrori di Jenin<img 
src=http://wwwimage.cbsnews.com/images/2005/03/11/image679527x.jpg border=0><br>Pakistan : la Corte Suprema ha dato ragione a Mukhtar MaiSfido Mubarak in nome dei diritti umaniDue donne nella nuvola. Tossica. Sopravvissute alla tragedia di Bhopal, sono diventate due vere leader nazionaliIl velo divide le donne musulmaneONU - DICHIARAZIONE DELLA 49a SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLO STATO DELLE DONNE (New York, 5 marzo 2005)CEDAW - Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Contro le Donne - Commenti conclusivi: Italia (28 gennaio 2005)SHADOW REPORT - Rapporto ombra alternativo a quello del governo italiano sulla attuazione della Piattaforma di Pechino in ItaliaNarrare il confine. Intervista alla scrittrice Gabriella Ghermandi di Ubax Cristina Ali FarahLa Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globaleIl concetto di sapere come vera fonte di seduzione della figura femminileChe cosa ha il corpo delle donne da dover essere velato? Laura Pigozzi a proposito di ''L'Harem e l'Occidente'' di Fatema MernissiIslam e donne: TRADIZIONE O REPRESSIONE? di Giuliana Sgrena1995 - P e c h i n o  - La dichiarazione conclusiva della quarta Conferenza mondiale sulle donne.Piattaforma d'azione di Pechino, 1995: tutti i materiali in italianoL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana Sgrena -  ''I confini della scrittura? La bellezza della testimonianza, quando si allea con la sincerità, trasporta l’emozione''Le donne del Corso di preparazione alla nascita organizzato dal Centro di aiuto e ascolto delle donne e dei bambini immigrati all’ospedale San Paolo di MilanoI percorsi professionali delle immigrateSocietà Italiana delle Storiche - Scuola estiva: Empowerment, diritti e culture delle donne a dieci anni dalla conferenza mondiale di PechinoPunjab. Stupratori assolti, proteste in PakistanBalcani: la tratta delle donne - Trafficking: l'industria del sesso in KosovoDalla plaza de Mayo per un paese diversoEroiche vittime - Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzioneCARTA MONDIALE DELLE DONNE PER L’UMANITA’Agente di prossimità: un nuovo profilo di impiego per le donne''Al primo posto la società civile'' - Intervista alla scrittrice Nawal Saadawi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati