Varese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'Anolf
Condividi questo articolo


Varese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'Anolf.


Quindici gli istituti che hanno aderito L'integrazione parte dalla scuola pubblica


«La scuola pubblica è un punto di integrazione. Favorire l'inserimento e il dialogo all'interno degli istituti è un obiettivo primario» Per Karina Gasco, responsabile di progetti interculturali sostenuti da Anolf, l'incontro tra bambini di diverse etnie è importante per sviluppare una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione.
È il terzo anno che Anolf ottiene sostegno per entrare nei plessi scolastici, finanziamenti decisi per agevolare gli insegnanti che devono entrare in contatto con bambini provenienti da diverse parti del mondo e per aiutare alunni e studenti a capire le differenti tradizioni e culture con cui entrano in contatto.


Tre anni fa il progetto iniziò nel plesso di Gavirate e presto divenne un progetto che coinvolse 17 scuole: «In quell'occasione il problema principale fu il numero di ore a disposizione, troppo limitate per soddisfare la richiesta di tutti. I risultati furono veramente incoraggianti: ancora oggi si organizza a fine anno una festa multietnica che impegna tutti, genitori e bambini, in un clima giocoso ed armonico».


Con quelle finalità, e anche con qualche ambizione in più, parte proprio oggi, lunedì 26 settembre,  "La scuola prepara la convivenza multietnica nella nostra società", una sperimentazione simile nelle scuole di Cuveglio, Varese ed Arcisate: «Lavoriamo in stretto contatto con il gruppo PAISS, ufficio dell'ex Provveditorato, e con le Comunità montane. I mediatori culturali del nostro gruppo sono 12  e per tutto l'anno scolastico sono impegnati in incontri settimanali di una o due ore almeno per due mesi consecutivi».


Sono 15 le scuole che hanno aderito al progetto dell'Anolf: 7 in Valceresio ( oltre all'Isis di Bisuschio), un'elementare a Varese, una a Cuveglio, una a Gorla Minore e le cinque scuole di Busto che aderiscono al progetto "Agorà".


«Il nostro lavoro- spiega Karina Gasco - si rivolge anche alle famiglie, spesso poco coinvolte nelle attività scolastiche sia per questioni linguistiche sia culturali. Inoltre siamo a disposizione nell'insegnamento dell'italiano ai ragazzi, per superare il primo ostacolo al loro inserimento».


L'attività di mediazione interculturale nelle scuole sta prendendo piede: «Effettivamente c'è oggi una maggiore sensibilità e attenzione, ma mancano i fondi. Il problema non viene affrontato con la dovuta sistematicità. La scuola italiana ha una lunga e blasonata tradizione. Io tifo per la scuola pubblica, aperta all'integrazione ma le difficoltà sono tante».


Lunedi 26 Settembre 2005
Alessandra Toni



 

http://www3.varesenews.it/scuola/articolo.php?id=28520

Condividi questo articolo

in a scuola: Alunni con cittadinanza non italiana - Anno scolastico 2004/2005<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaDIDATTICA E AMBIENTE - Strategie ricognitive sul territorio...per conoscersi meglio<b>LA SCUOLA COMUNICA </b>- Dossier per le comunicazioni scuola -famiglia disponibile in varie lingue, per alcune con supporto audioUn Intervento di Prima Accoglienza, Inserimento ed Alfabetizzazione di 1° livello - Documentazione a cura dell'insegnante: Romina EvangelistaLettera a Fatima - Una riflessione di Paolo Branca sulle reazioni seguite all'iniziativa di un liceo milanese di istituire una classe per soli studenti musulmani.PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?Un percorso didattico attraverso il tempo:
DONNA TRA STORIA e ATTUALITA’
VERIFICA DI UN MODO DI ESSEREI figli degli immigrati saranno un milione nel 2015<b>Figli di stranieri o figli di nessuno?</b> LORETO: Ottavo Meeting Internazionale sulle Migrazioni - il documento finale.Le famiglie immigrate: sì alla scuola pubblicaVarese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'AnolfScuola, nelle professionali di Milano 4 studenti su 5 sono stranieri5 OTTOBRE: COMUNICATO CONGIUNTO delle ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI degli INSEGNANTILA MEDIAZIONE A SCUOLAUNA LINGUA DIFFICILE - La lotta prima nella quale ogni insegnante deve impegnarsi non è nel fare accettare, ma proprio nel non far rifiutare la lingua dei testi che sottopone ai suoi studentiIntercultura  -  È L'ORA DELLE RELIGIONI!Studenti stranieri nelle UniversitàIl modello sistemico: Come comunicare con gli altri nell'ottica della complessitàGli stranieri? ScomparsiPer una didattica interculturale della letteratura

Donatello Santarone
Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma Tre<IMG src=http://www.meb.gov.tr/image/logo/arma_eurydice.gif border=0> <br>L’integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa40 studenti albanesi potranno frequentare le lezioni all’IPSIA. Otterranno il visto d’ingresso in Italia per frequentare le lezioni all’IPSIA di San Benedetto del Tronto i 40 studenti albanesi già iscritti dall’inizio dell’anno scolastico.CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.La scuola e l’educazione interculturale. Aspetti quantitativi e analisi delle ''buone pratiche''MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIAMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiDIDATTICA E COMPETENZE SOCIALIConosco bambini che vengono a scuola volentieri - La parola ''accoglienza'' sembra aver sostituito ''tolleranza''MUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaStranieri nelle scuole di PratoEducare alle differenze - L’INTENZIONALITA’ EDUCATIVA. L’interpretazione della realtà.A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREPROTOCOLLO DI ACCOGLIENZAGriot: a scuola di mondo con i popoli indigeniProgetto di Ricerca DUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAInsegnare Italiano Lingua Straniera con InternetVocabolario Multilingue Multimediale: progetto aperto.Scuola multietnica, a Piacenza il Comune arruola “mediatori”.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati