A Siena si parlano 50 lingue: con gli immigrati l'italiano cambia
Condividi questo articolo


A Siena si parlano 50 lingue:
con gli immigrati l'italiano cambia






ROMA - Si parla di immigrati, di coppie miste, di cittadinanza. Ma è difficile, in mezzo a questa 'rivoluzione', sentire qualcuno che si occupi di quello che sta accadendo alla lingua italiana. Eppure il mutamento è visibile anche nelle insegne e nelle scritte sui muri. Alle parole che usiamo si sono aggiunti tanti altri vocaboli arrivati dall'Europa dell'Est, dall'Africa, dal Sud America. E' questo l'argomento della prima pubblicazione dell'Osservatorio linguistico permanente dell’italiano diffuso fra stranieri e delle lingue immigrate in Italia dell’Università per Stranieri di Siena.

Il volume "Toscane favelle – Lingue immigrate nella provincia di Siena" sarà presentato a Roma, nel palazzetto Mattei di Villa Celimontana, lunedì 19 settembre, alle 16.30 da Giuliano Bellezza, Tullio De Mauro e dal rettore dell’Università per Stranieri di Siena, Massimo Vedovelli.

L’opera è il risultato di un’indagine svolta da Raymond Siebetcheu, un giovane camerunese laureatosi in Mediazione linguistica e culturale, che ha studiato il rapporto fra la presenza delle comunità immigrate nel territorio senese e il nuovo assetto linguistico ne deriva.
La tesi di Siebetcheu è stata affiancata dall’opera di altri giovani ricercatori, in particolare Monica Barni e Carla Bagna. Un giovane geografo, Massimiliano Tabusi, ha aggiunto all’analisi sociolinguistica la prospettiva della sua disciplina, e Paolo Chiricozzi, geomatico esperto di cartografie digitali, ha realizzato le carte geoetniche e geolinguistiche presenti nel volume e nel cd-rom.

Il titolo evoca la prima cattedra di “toscana favella” istituita a Siena dal Granduca Ferdinando I nel 1589, ma la città e i suoi dintorni sono da sempre considerati la culla della lingua italiana e questo ne fa il luogo ideale per l’inizio di una ricerca del genere. Nel territorio della provincia sono state identificate più di 50 lingue immigrate che, diventando stanziali, modificano l’italiano.

“Quando si parla di immigrazione – afferma Monica Barni, coautrice del testo – l’argomento lingua non è mai affrontato. Mentre è uno dei problemi più pressanti perché se non sappiamo capire le persone che arrivano non possiamo neanche aiutarle”.
L’Osservatorio Linguistico senese è stato istituito dal ministero dell’Istruzione con lo scopo di attivare una sistematica osservazione dei mutamenti linguistici nel nostro paese e all’estero, attraverso un’attività di ricerca e formazione.


http://www.ilpassaporto.kataweb.it/dettaglio.jsp?id=39116&s=0



Condividi questo articolo

in Italiano Lingua Migrante: Il costruttivismo nell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaCertificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS) - Linee guidaItaliano come lingua straniera: la certificazioneChiara Zamboni - Derrida, tra lingua materna e lingua dell’altroInsegnare italiano agli stranieri: Video IntervisteInsegnare una lingua seconda: le metodologieInsegnare una lingua seconda: le competenze degli insegnanti nella riformaInsegnare una lingua seconda: la glottodidattica per la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua - uno schemaLe rapport du député Bénisti, un vrai scandale !L'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoLa linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseA Siena si parlano 50 lingue:  con gli immigrati l'italiano cambiaPER UN REALE APPRENDIMENTO LINGUISTICO NELLA SCUOLA ITALIANA. Le scelte relative all’italiano L1 e L2 - cultura, culture, interculturalità - Proposta dell’associazione lendIl Parlamento Europeo sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueUN APPROCCIO COMUNICATIVO NELL'INSEGNAMENTO  DELL'ITALIANO COME LINGUA STRANIERAMINORANZE LINGUISTICHE ESCLUSE DALLA LEGISLAZIONE ITALIANA DI TUTELADalla Regione Lazio corsi di lingua italiana per stranieriIdee per un curricolo di educazione linguistica democratica oltre i provvedimenti del ministro MorattiTRE PARAGRAFI SULLA DECOLONIZZAZIONE LETTERARIA DEGLI EUROPEI<b>''Gli altri che sono venuti a trovarci, che hanno imparato la nostra lingua, ci obbligano a un incontro e a un ascolto che deve convincerci a una nuova co-scienza...</b> - di  Armando Gnisci<b>Puglia - ''Italiano lingua seconda: lingua di contatto e lingua di culture''</b>. Attività di formazione destinate a docenti per l'a.s. 2004/05<b>Campania</b> Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di cultureCaratteri essenziali del progetto nazionale ''ITALIANO L2: LINGUA DI CONTATTO E LINGUA DI CULTURE''La formazione degli insegnanti di italiano L2: una ricognizione <b>di Paolo E. Balboni </b>SPERIMENTAZIONE MINISTERIALE L2 italiano - Milano e Brescia<b>Insegnare la grammatica in modo intuitivo</b>Lo choc culturaleImparare a parlare in italiano: note pedagogicheDalla competenza comunicativa alla competenza comunicativa interculturaleLa diversa appartenenza culturale può influire sull'apprendimento di una seconda lingua?LINGUISTICA E SEMIOTICA: UNA RICOGNIZIONEAntonio Prete -<b> Stare tra le lingue<b/> Sul confine, Migrazioni, Traduzioni, SingolaritàLETTERA DAL BUNKER di O. FARFAGLIUSOCHIARA ZAMBORLIN - DISSONANZE DI ATTI LINGUISTICI: UN CONFRONTO PRAGMATICO TRANS-CULTURALE ALLA RICERCA DEI PRESUPPOSTI DELLA SCORTESIA VERBALE INVOLONTARIAItaliano addio, sconfitto in EuropaLingua morta, identità negataLe parole lasciano impronte: una campagna ed uno spazio forumAnche la Liguria finanzia corsi d'italiano per stranieri  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati