Il blog di Giuliano Falco: lo spazio libero di un non musulmano su un sito islamico
Condividi questo articolo


E' attivo il blog di Giuliano Falco
su www.comislamica.net.




di Giuliano Falco

Si tratta di una novità importante: penso di essere uno dei pochi non musulmani che ha uno spazio libero su un sito islamico. Questo grazie alla sensibilità e all'intelligenza del curatore del sito, Robero Abdu-I-Kabir Aliotta, che qui ringrazio.
Si tratta di uno spazio importante per chi crede nel dialogo e nella conoscenza, nel rispetto e nella buona fede. visitate il sito (e il mio blog)


Cari amici,


anch’io vorrei raccontarvi una storia, forse non belle come quelle di Sara, ma anche questa non è male. Me l’ ha raccontata un mio amico, volontario in un negozio equo e solidale.


C’era una volta, in un’isola lontana una grande e bella spiaggia, con la sabbia bianca e fine. Dopo una mareggiata, due bambini decidono di andare alla spiaggia in cerca di conchiglie. Giunti sulla riva del mare, vedono che la spiaggia è quasi ricoperta di stelle marine, portate lì dalla furia del mare. Alcune di loro sono già morte, altre sopravvivono a stento.


Il primo bambino inizia a raccogliere le stelle marine e a gettarle nel mare. L’altro, osservando l’alto numero di stelle, gli dice: “ma che fai? La tua fatica è inutile: non vedi quante sono? Non riuscirai a salvarle tutte!”.


Il secondo, senza smettere di gettare in acque le stelle, gli risponde: “Non importa quante siano le stelle da salvare: quel poco che posso fare, lo faccio!”.


Sono un insegnante elementare che si occupa dell’accoglienza e dell’inserimento degli alunni stranieri, molti dei quali provengono dall’area islamica. Da alcuni anni collaboro con l’Associazione Centro di Ascolto della Caritas diocesana di Albenga per sostenere e formare i volontari che seguono i bambini che provengono da altri paesi. Non sono cristiano, ma cerco un senso religioso che, almeno per ora non si è inquadrato in nessuna fede ‘ufficiale’; credo nel dialogo inter religioso come unica possibilità che dia un futuro e credo, ancor più fermamente, nel dialogo inter culturale. Vedo la diversità (sia essa di lingua, di cultura, di religione, di alimentazione, ecc.) come una risorsa per il reciproco arricchimento: del resto, se i musulmani parlano solo tra loro e così fanno i cristiani, gli ebrei e i non credenti, non ci sarebbe dialogo. Vorrei costruire una società che sia almeno più giusta, dove ci sia spazio per tutti, dove ognuno possa praticare i propri culti; non credo però in una società multiculturale (dove culture diverse vivono senza condividere, in un melting pot all’americana) ma in una società interculturale, dove ognuno possa essere fonte di arricchimento e di stimolo all’altro.


Ho accettato con molto piacere l’invito a collaborare a questo sito: è una cosa che fa onore, più che a me, a chi ha dato il parere favorevole. Vorrei con questi miei interventi, riuscire a convincere gli ‘altri’, che il mondo islamico è un mondo aperto, dialogante, come lo sono alcuni settori di altre religioni e del mondo areligioso (o credente in modo diverso, come preferisco nominarlo).


Spero anche di riuscire a dialogare con quanto lo vorranno e, chiedo ai lettori, di perdonare eventuali errori, dovuti al sottoscritto…


Vorrei, infine ringraziare Roberto Abdu-l-Kabir Aliotta per la simpatia e la disponibilità dimostrata.


 


Giuliano Falco

http://www.comislamica.net/giuliano_falco.htm

Condividi questo articolo

in Dialogare con l'Islam: Il video blasfemo di Theo Van GoghLettera al Capo dello Stato di Hamza Roberto Piccardo (segr. naz.le UCOII)Lettera aperta dell'Ucoii a Ciampi: mussulmani italiani discriminati, Pisanu sbagliaNo alla Consulta nazionale dei musulmani del governo BerlusconiNasce la Consulta per l'Islam italianoChi rappresenta i musulmani d’ItaliaIl blog di Giuliano Falco: lo spazio libero di un non musulmano su un sito islamicoMediterraneo, la traccia delle reti ''Non saremmo ciò che siamo senza l'Islam e le altre culture''Carla Petrachi incontra Silvio MarconiPaolo Rumiz - L´islam italiano(3):I musulmani laici del ''mare dietro casa''Paolo Rumiz: L’Islam italiano (2) I moderati senza vocePaolo Rumiz: L´Islam italiano (1)Abdessalam Yassin,Rachid Ghannouchi Nadia Yassin,Hassan al Banna Tareq Ramadan. Neo-tradizionalisti e democratici.La nuova generazione di  musulmani accetta la democrazia anche nei paesi d'origine.Un mese di digiuno: il cammino del cuore - di Tariq RamadanHenna e RamadanLa storia del libro dal Corano a GutenbergLe leggi di famiglia dei Paesi arabi del Nord Africa - 1997PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO - MESSAGGIO PER LA FINE DEL RAMADAN ‘Id al-Fitr 1426 A.H. / 2005 A.D.Testimonianze di donne musulmane ritornate all'Islam da altre religioniBuon ritorno, Ramadan! Un articolo di Hassan El ArabyMoschea Aperta a FirenzeQuando i musulmani si comportano come tali la gente abbraccia spontaneamente l'IslamRamadan dove: ROMA - la moschea più grande d'EuropaIn Italia: gli spazi del RamadanIl comitato organizzatore del 28 ottobre: <b>Auguri ai musulmani per l'inizio del Ramadân</b>Nuovo sito di informazione e dialogo con l'IslamMusulmani d'Italia aderite all'appello dell'UCOII - Il terrorismo e la paura si combattono con la convivenza, il dialogo, la pace.Cantiere del dialogo di Greccio 02-04 giugno 2005- <b>Ebrei, cristiani, musulmani in dialogo<b>I musulmani d`Italia contro  il terrorismoReligioni, democrazia, dialogo cristianoislamico: un incontro a ModenaImam-donna e un dibattito necessarioPurché nulla cambi davvero - Algeria - La tanto attesa riforma del diritto di famiglia è passata, ma è una scatola vuotaLa forza del dialogo Zilka Siljak, teologa islamica, racconta l'esperienza di IMICMadre serba, padre croato, lei cattolica, in una città sempre più musulmana: SarajevoMusulmani d'Italia - Intervista a Roberto Hamza Piccardo, segretario nazionale dell'UCOIIManifesto musulmano delle libertàFemminismo islamico: più radicale di quello secolareUn apostata tra Islam e Occidente - Nasr Hamid Abu ZaydIRAQ - L'islam alla prova del votoGiovanni Paolo II - Le comunità musulmane: La via del cuore. A colloquio con un maestro SufiCaccia al musulmano: è lo scopo dei jihadisti - Intervista a Khaled Fouad AllamE l’intellettuale arabo rinunciò a scrivere. La decisione di Sayyid al-Qimni, 58 anni, studioso impegnato nella riforma dell’Islam.LONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!Ecco il mio Islam dei Lumi - intervista a Malek Chebel, antropologo e psicanalista di origine algerina, autore di ''Manifeste pour un islam des Lumières''Appello ecumenico per la quarta giornata del dialogo cristianoislamico del 28 ottobre 2005India: una sentenza che infanga l'IslamI DIRITTI CULTURAL-RELIGIOSI TRA RELATIVISMO E LAICITA’ DELLO STATO - Sintesi della relazione (Bari, 25.6.05) di Nicola ColaianniSi è riunito a Barcellona, per la seconda volta, il Parlamento delle religioni. Non sarà l'ultimaControversia sotto il veloIslam e Europa: vecchi e nuovi rapporti - di Paolo BrancaIslam e l'Europa. La sfida di un incontro di civiltà<IMG height=135 
src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/ramdts.jpg width=138 border=0><br>Ramadan 2004 - A tutti i musulmani d'ItaliaIL CONCETTO DI LAICITA’ NELL’ISLAM TUNISINO
di Dr.Leila El Houssi a.a. 2000-2001  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati