LONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!
GLI ASSASSINI DI AL QAEDA E' UN NETWORK DEL TERRORE NON UNA ORGANIZZAZIONE "ISLAMICA"
Amina Donatella Salina
Condividi questo articolo


I criminali di Al Qaeda gettano la maschera!!!



Essi non sono dei nostri che nominalmente si chiamino Abdallah o Mohammed. I loro fini sono di ordine geo-politico, sono una cricca che vuole impadronirsi del controllo delle fonti energeticvhe e del potere in Arabia Saudita e non disdegnano di finanziarsi con la droga ed il contrabbando. Dell'Islam hanno al massimo i gesti esteriori. C'e' un hadith, un detto profetico in cui il PROFETA AFFERMA"VERRANNO UOMINI CHE VI OSCURERANNO CON LA LORO PREGHIERA E CON IL LORO DIGIUNO E DAVANTI AI QUALI PROVERETE VERGOGNA. ESSI AVRANNO LE VESTI DELL'ISLAM  MA NON SARANNO DEI VOSTRI PERCHE' NON AVRANNO LA FEDE"

Questi uomini sono davanti a noi.


Essi del musulmano non hanno la misericordia e la tenerezza essi non hanno il rispetto per la creatura umana o animale o persino per la pianta che ha il vero credente.Uccidono innocenti senza vergogna cosa che il Profeta proibi' sempre come proibi' ogni costrizione o tortura..Essi si macchiano di sangue innocente mettendosi alla stessa stregua dei carnefici serbi a Srebreniza ,o degli americani a Falluja.Essi colpiscono non solo l'occidente ma anche e soprattutto la pace.Colpiscono l'idea che si possa vivere in armonia in pace nonostante la diversa fede o etnia.Per questo il terrorismo non e' principalmente una questione di ordine pubblico.


ESSO SI ALIMENTA CON LA GUERRA.


La guerra l'ingiustizia la violenza l'enorme capacità distruttiva del sistema capitalista ed imperialista produce terrorismo.L'unico antidoto e' la nostra capacità come cittadini e come credenti di vivere insieme. Credere nella pace e nella convivenza viverla nelle scuole e nei posti di lavoro e' una sfida fortissima al terrorismo ed alla logica della guerra.Terrorismo e guerra insieme sono causa ed effetto dell'ingiustizia che provoca ogni giorno un Olocausto di vittime innocenti, circa 25 mila morti al giorno.Non servirà a molto l'ennesima rievocazone o fiaccolata dopo Madrid e dopo New Yark e come dimenticare gli altri olocausti quelli dei poveri del mondo senza volto e senza nome.


Percio' fratelli e sorelle amici e amiche se volete fare qualcosa aderite ad un progetto per il terzo mondo o adottate un bambino a distanza.
Non vi stancate di mettere insieme le differenze.
E' l'unico modo per sconfiggere le bombe.
Quelle made in USA e quelle qaediste.
Salam   


 


AMINA DONATELLA SALINA


email: AMINASALINA@LIBERO.IT   


commenta >>>



Condividi questo articolo

in Dialogare con l'Islam: Il video blasfemo di Theo Van GoghLettera al Capo dello Stato di Hamza Roberto Piccardo (segr. naz.le UCOII)Lettera aperta dell'Ucoii a Ciampi: mussulmani italiani discriminati, Pisanu sbagliaNo alla Consulta nazionale dei musulmani del governo BerlusconiNasce la Consulta per l'Islam italianoChi rappresenta i musulmani d’ItaliaIl blog di Giuliano Falco: lo spazio libero di un non musulmano su un sito islamicoMediterraneo, la traccia delle reti ''Non saremmo ciò che siamo senza l'Islam e le altre culture''Carla Petrachi incontra Silvio MarconiPaolo Rumiz - L´islam italiano(3):I musulmani laici del ''mare dietro casa''Paolo Rumiz: L’Islam italiano (2) I moderati senza vocePaolo Rumiz: L´Islam italiano (1)Abdessalam Yassin,Rachid Ghannouchi Nadia Yassin,Hassan al Banna Tareq Ramadan. Neo-tradizionalisti e democratici.La nuova generazione di  musulmani accetta la democrazia anche nei paesi d'origine.Un mese di digiuno: il cammino del cuore - di Tariq RamadanHenna e RamadanLa storia del libro dal Corano a GutenbergLe leggi di famiglia dei Paesi arabi del Nord Africa - 1997PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO - MESSAGGIO PER LA FINE DEL RAMADAN ‘Id al-Fitr 1426 A.H. / 2005 A.D.Testimonianze di donne musulmane ritornate all'Islam da altre religioniBuon ritorno, Ramadan! Un articolo di Hassan El ArabyMoschea Aperta a FirenzeQuando i musulmani si comportano come tali la gente abbraccia spontaneamente l'IslamRamadan dove: ROMA - la moschea più grande d'EuropaIn Italia: gli spazi del RamadanIl comitato organizzatore del 28 ottobre: <b>Auguri ai musulmani per l'inizio del Ramadân</b>Nuovo sito di informazione e dialogo con l'IslamMusulmani d'Italia aderite all'appello dell'UCOII - Il terrorismo e la paura si combattono con la convivenza, il dialogo, la pace.Cantiere del dialogo di Greccio 02-04 giugno 2005- <b>Ebrei, cristiani, musulmani in dialogo<b>I musulmani d`Italia contro  il terrorismoReligioni, democrazia, dialogo cristianoislamico: un incontro a ModenaImam-donna e un dibattito necessarioPurché nulla cambi davvero - Algeria - La tanto attesa riforma del diritto di famiglia è passata, ma è una scatola vuotaLa forza del dialogo Zilka Siljak, teologa islamica, racconta l'esperienza di IMICMadre serba, padre croato, lei cattolica, in una città sempre più musulmana: SarajevoMusulmani d'Italia - Intervista a Roberto Hamza Piccardo, segretario nazionale dell'UCOIIManifesto musulmano delle libertàFemminismo islamico: più radicale di quello secolareUn apostata tra Islam e Occidente - Nasr Hamid Abu ZaydIRAQ - L'islam alla prova del votoGiovanni Paolo II - Le comunità musulmane: La via del cuore. A colloquio con un maestro SufiCaccia al musulmano: è lo scopo dei jihadisti - Intervista a Khaled Fouad AllamE l’intellettuale arabo rinunciò a scrivere. La decisione di Sayyid al-Qimni, 58 anni, studioso impegnato nella riforma dell’Islam.LONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!Ecco il mio Islam dei Lumi - intervista a Malek Chebel, antropologo e psicanalista di origine algerina, autore di ''Manifeste pour un islam des Lumières''Appello ecumenico per la quarta giornata del dialogo cristianoislamico del 28 ottobre 2005India: una sentenza che infanga l'IslamI DIRITTI CULTURAL-RELIGIOSI TRA RELATIVISMO E LAICITA’ DELLO STATO - Sintesi della relazione (Bari, 25.6.05) di Nicola ColaianniSi è riunito a Barcellona, per la seconda volta, il Parlamento delle religioni. Non sarà l'ultimaControversia sotto il veloIslam e Europa: vecchi e nuovi rapporti - di Paolo BrancaIslam e l'Europa. La sfida di un incontro di civiltà<IMG height=135 
src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/ramdts.jpg width=138 border=0><br>Ramadan 2004 - A tutti i musulmani d'ItaliaIL CONCETTO DI LAICITA’ NELL’ISLAM TUNISINO
di Dr.Leila El Houssi a.a. 2000-2001   dello stesso autore: Dal biancocentrismo al policentrismo ...e i politici devono capire<b>Musulmani e Natale </b>cronaca di un problema che non esisteL'imam di Fuengirola ed i musulmani spagnoliCHI E' TERRORISTA E CHI NOLONDRA ANCORA UNA VOLTA NON SONO DEI NOSTRI !!!Musulmani d'Italia aderite all'appello dell'UCOII - Il terrorismo e la paura si combattono con la convivenza, il dialogo, la pace.Abdessalam Yassin,Rachid Ghannouchi Nadia Yassin,Hassan al Banna Tareq Ramadan. Neo-tradizionalisti e democratici.La nuova generazione di  musulmani accetta la democrazia anche nei paesi d'origine.Testimonianze di donne musulmane ritornate all'Islam da altre religioni<b>Il 16 Ottobre alle primarie i musulmani votano pacifista</b> Quale programma per la sinistra.


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati