Il non senso comune sugli zingari
Condividi questo articolo


12 Febbraio 2005
LECCO


Il non senso comune sugli zingari


LUCA FAZIO
Dopo sei secoli di persecuzioni, e a sessant'anni dal loro sterminio programmato, le cronache di questi giorni ripropongono il medesimo slittamento della questione zingara alla zona stregonesca. Gli zingari rubavano e rubano i bambini e si cibavano (si cibano ancora?) di esseri umani. Chiunque dotato di buon senso, come il giudice che ha rilasciato le tre presunte rapitrici, sa che a Lecco i bambini non sono in pericolo perché nessuno cerca di rapirli. E a questo punto non è importante ribadire che la destra sta solo attaccando la magistratura senza nemmeno premurarsi di leggere le carte, o guardare la realtà. Importante, cioé spaventoso, è osservare che «il comune sentire del popolo», che il ministro della giustizia Castelli agita contro i magistrati e vorrebbe iscritto nel codice penale, si nutre ancora delle stesse assurde convinzioni. Il luogo comune degli zingari ladroni cannibali e rapitori di bambini è presente in letteratura e nel melodramma. Dalla Gitanilla di Cervantes (1613) al Trovatore di Verdi (1853), dove la vicenda parte proprio dal presunto tentativo di rapimento commesso da una zingara che poi viene messa al rogo - «abbietta zingara, fosca veliarda».

La storia della persecuzione degli zingari è piena di esempi edificanti del «comune sentire del popolo». In Turchia e in Albania si credeva che gli zingari scoperchiassero le tombe per cibarsi di cadaveri. Nel 1782 in un processo per antropofagia vennero accusati 200 zingari, e solo dopo feroci torture e 40 uccisioni un'ulteriore indagine dimostrò che i presunti divorati erano altrove, vivi e vegeti. L'ultimo processo per cannibalismo è molto più recente: 1927, in Slovacchia. Poi, l'olocausto.

La storia è ricca anche di interventi legislativi che potrebbero ispirare i colleghi leghisti del ministro Castelli, che in questi giorni stanno facendo a gara per proporre leggi più severe contro gli zingari (un tal Boni, per ora, si limita a chiedere l'abrogazione della legge regionale lombarda «per la tutela delle popolazioni tradizionalmente nomadi»). Negli stati tedeschi, tra il 1416 e il 1774, ne furono promulgate 148. Nel 1554, Elisabetta I d'Inghilterra emanò un decreto che prevedeva la pena di morte non solo per gli zingari ma anche per chi si intratteneva con loro. Quasi ovunque, tra il 1471 al 1637, furono emesse sentenze di morte contro gli zingari: da Lucerna a Brandeburgo, in Spagna, Germania, Olanda, Portogallo, Inghilterra, Danimarca, Francia, Fiandra, Boemia, Polonia, Lituania e Svezia. Più moderno - basterà un altro presunto rapimento... - l'esempio del governo francese che dal 1765 istituì una ricompensa in denaro per chi catturava gli zingari. Nel XIX, in Danimarca, la caccia allo zingaro era addirittura una specie di sport: nel 1835, un nobile, dopo una battuta di caccia annotò «uccisa una donna con il piccolo». In Boemia si tagliava l'orecchio destro alle zingare, in Moravia quello sinistro. E così via, fino a Birkenau.

Non sono solo vecchie storie se «il comune sentire del popolo», dopo quattro secoli, è ancora in sintonia con l'inquisitore Pierre De Lancre (XVII secolo): «Gli zingari vagabondi sono mezzi diavoli...imbroglioni senza patria...nascono in ogni luogo, camminfacendo e traversano le nazioni; e nei campi e sotto gli alberi fanno danze e si comportano a metà tra saltimbanchi, come al sabba». Altrimenti non si spiegherebbe perché se per un meschino calcolo politico c'è chi ripropone la streghizzazione degli zingari, dall'altra parte, a sinistra, chi dovrebbe conoscere questi meccanismi non ha il coraggio di aprire bocca e al massimo non sa far altro che richiamarsi all'indipendenza della magistratura.

www.ilmanifesto.it



Condividi questo articolo

in Il popolo che danza: LES GITANS - Fotgrafie by LUCIEN CLERGUELe mystère de SARABologna - Ruspe contro i rumeni sul Lungo RenoMIRACOLO ALLA SCALA: dai campi nomadi alla Scala, la storia di una piccola zingarella rom, della favela di via Barzaghi che sogna di ballare ne ''Il lago dei Cigni''FumettoPorrajmos: Geografia dello sterminioROM E SINTI: LO STERMINIO DIMENTICATO - mostra multimedialeLE DUE BROCCHELa guerra ai poveri. Alex Zanotelli sulle ruspe a Napoli<img height=384 
src=http://www.csoaterraterra.org/immagini/vittime.jpg width=370 border=0><br>Vita da RomI Rom della grande-LioneDal Falò alla Rete. Incontro con Fabrizio CasavolaUN’IDEA ALTRA DI CITTA’ - CONFRONTO E PROPOSTE SUI TEMI DELL’ABITARE E DELLA CITTADINANZA DELLE COMUNITA’ ROM NELLA PROVINCIA DI MILANO - CONVEGNO 26 NOVEMBRE 2005Rom, i più discriminati d'EuropaClandestini a Milano - Un forum sul sito del ComuneIl Comune: i ROM fuori da MilanoMILANO - Capo Rizzuto, cancellato il campo: rassegna stampaI SINTI PIEMONTESI‘Come in un campo di concentramento’- Così dice l’Onu su un campo Rom della capitaleErcolano, a fuoco un campo nomadi. FotoSara e l'inafferrabile popolo del vento: .''... ho visto anche degli zingari felici...''Per l'Oim è necessario garantire maggiore sostegno ai Rom sopravvissuti all’OlocaustoTorino Tzigler e la festa degli zingari di Les Saintes Maries de la MerLE ROM ANDE EVROPA: JEK XARNI HISTORIJALa situazione dei Rom in un'Unione Europea allargataNapoli - Bloccata espulsione di massa di rom romeni''Il razzismo va bloccato sul nascere'' - Verona, il pm Papalia sulle motivazioni della sentenza che accosta i leghisti al nazismoIl non senso comune sugli zingari''Io sono iscritta a scuola, ho anche tre amici italiani. Della Romania non ricordo niente. Non avrei mai pensato che dall’Italia mi avrebbero mandata via così''Ancuzha, 13 anniLa lingua DEI ROM XORAXANÉ - (NOTE GRAMMATICALI - GLOSSARIO)Bologna - I rom: la minoranza meno accettata nella società occidentale  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati