La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’inglese
Condividi questo articolo


La linea dura di Blair. Immigrati?
Soltanto se utili all’economia e se sanno l’inglese



Nuove regole a Londra: sistema a punti e test sui costumi britannici per i lavoratori stranieri



LONDRA - L’ultima grande riforma prevista dal governo britannico prima delle elezioni è stata presentata ieri dal ministro degli Interni, Charles Clarke. Un giro di vite contro l’immigrazione clandestina e nuove norme per quella regolare: sistema a punti, schedatura delle impronte digitali, esami di inglese e «britannicità». Negli 8 anni di governo laburista, ha detto Clarke, Londra non è riuscita a mettere a punto una strategia efficace contro i clandestini. E se il totale di immigrati nel Paese «è più o meno giusto e non cambierà in maniera drastica con la nuova legge», resta troppo alto il livello di domande d’asilo infondate. Di qui il nuovo progetto, che entrerà in vigore in 5 anni e che - ha spiegato il premier, Tony Blair - vuole «dare il benvenuto a profughi veri, far entrare immigrati di cui la nostra economia ha bisogno, ma senza tollerare abusi».


Il nuovo sistema prevede la nascita di 4 categorie di immigrati: la prima, quella dei professionisti «altamente qualificati» (medici, ingegneri, banchieri), sarà la sola ad avere via libera anche in assenza di offerte concrete di lavoro. Per gli altri - insegnanti, infermieri o lavoratori con l’equivalente della maturità; immigrati senza qualifiche; studenti, sportivi e dipendenti di società straniere con base a Londra - ci vorrà l’esame d’inglese e di usi, costumi e normative britanniche. Grandi polemiche, poi, per il trattamento dei profughi. I loro permessi saranno ridiscusso dopo 5 anni e di fronte a una nuova situazione nel Paese d’origine scatterebbe il rimpatrio.


Paola De Carolis  cds 8


http://www.webgiornale.de/2005/febbraio%202005/Webgiornale%2009-02-05.htm#_Toc95662465



Condividi questo articolo

in Italiano Lingua Migrante: Il costruttivismo nell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaCertificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS) - Linee guidaItaliano come lingua straniera: la certificazioneChiara Zamboni - Derrida, tra lingua materna e lingua dell’altroInsegnare italiano agli stranieri: Video IntervisteInsegnare una lingua seconda: le metodologieInsegnare una lingua seconda: le competenze degli insegnanti nella riformaInsegnare una lingua seconda: la glottodidattica per la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua - uno schemaLe rapport du député Bénisti, un vrai scandale !L'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoLa linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseA Siena si parlano 50 lingue:  con gli immigrati l'italiano cambiaPER UN REALE APPRENDIMENTO LINGUISTICO NELLA SCUOLA ITALIANA. Le scelte relative all’italiano L1 e L2 - cultura, culture, interculturalità - Proposta dell’associazione lendIl Parlamento Europeo sull'integrazione degli immigrati in Europa grazie alle scuole e a un insegnamento plurilingueUN APPROCCIO COMUNICATIVO NELL'INSEGNAMENTO  DELL'ITALIANO COME LINGUA STRANIERAMINORANZE LINGUISTICHE ESCLUSE DALLA LEGISLAZIONE ITALIANA DI TUTELADalla Regione Lazio corsi di lingua italiana per stranieriIdee per un curricolo di educazione linguistica democratica oltre i provvedimenti del ministro MorattiTRE PARAGRAFI SULLA DECOLONIZZAZIONE LETTERARIA DEGLI EUROPEI<b>''Gli altri che sono venuti a trovarci, che hanno imparato la nostra lingua, ci obbligano a un incontro e a un ascolto che deve convincerci a una nuova co-scienza...</b> - di  Armando Gnisci<b>Puglia - ''Italiano lingua seconda: lingua di contatto e lingua di culture''</b>. Attività di formazione destinate a docenti per l'a.s. 2004/05<b>Campania</b> Italiano lingua seconda: lingua di contatto, lingua di cultureCaratteri essenziali del progetto nazionale ''ITALIANO L2: LINGUA DI CONTATTO E LINGUA DI CULTURE''La formazione degli insegnanti di italiano L2: una ricognizione <b>di Paolo E. Balboni </b>SPERIMENTAZIONE MINISTERIALE L2 italiano - Milano e Brescia<b>Insegnare la grammatica in modo intuitivo</b>Lo choc culturaleImparare a parlare in italiano: note pedagogicheDalla competenza comunicativa alla competenza comunicativa interculturaleLa diversa appartenenza culturale può influire sull'apprendimento di una seconda lingua?LINGUISTICA E SEMIOTICA: UNA RICOGNIZIONEAntonio Prete -<b> Stare tra le lingue<b/> Sul confine, Migrazioni, Traduzioni, SingolaritàLETTERA DAL BUNKER di O. FARFAGLIUSOCHIARA ZAMBORLIN - DISSONANZE DI ATTI LINGUISTICI: UN CONFRONTO PRAGMATICO TRANS-CULTURALE ALLA RICERCA DEI PRESUPPOSTI DELLA SCORTESIA VERBALE INVOLONTARIAItaliano addio, sconfitto in EuropaLingua morta, identità negataLe parole lasciano impronte: una campagna ed uno spazio forumAnche la Liguria finanzia corsi d'italiano per stranieri  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati