La sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola. Da New Delhi Maria Grazia Coggiola
Condividi questo articolo


La sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola


da New Delhi Maria Grazia Coggiola



Sposa bambina a 12 anni e studentessa divorziata a 14 anni. È ritornata sui banchi di scuola, Sushila, la ragazzina dello Stato indiano dell'Andhra Pradesh, che grazie al suo coraggio e alla sua tenacia è riuscita a ottenere la separazione da un marito di 17 anni, manesco e sempre ubriaco, che ha dovuto sposare per volontà dei genitori. Ce l'ha fatta a sfuggire al suo destino e a una tradizione che in India continua a essere molto diffusa, nonostante le leggi che vietano i matrimoni tra minorenni.


C'è da sperare ora che le altre migliaia di bambine che ogni anno sono costrette ad abbandonare la scuola per sposarsi, seguano il suo esempio.
L'incredibile vicenda di Sushila, una ragazza “dalit”, come si chiamano ora gli “intoccabili” indiani, ha commosso l'intera India, un Paese che nonostante il boom economico, stenta ancora a uscire dai lacci di una tradizione secolare basata sulla rigida segregazione castale e su un sistema di valori che penalizza le bambine fin dalla nascita. È la prima volta che in Andhra Pradesh, Stato meridionale dove sorge Hyderabad, la mecca dell'informatica, una minorenne riesce a ottenere il divorzio.
Sushila aveva sposato due anni fa Narasimhulu, un quindicennne anch'esso appartenente agli “intoccabili”, proveniente da un villaggio del distretto di Ranga Reddy. In questa zona i matrimoni di bambini sono diffusi, soprattutto a metà maggio, giorni considerati particolarmente favorevoli per le unioni secondo gli astrologi. Mentre la ragazza voleva terminare la scuola media, il suo sposo analfabeta non le permetteva di studiare e per di più la maltrattava.



Sushila non ha resistito. Sei mesi fa è scappata e ritornata dai genitori. “Non voglio più vivere con un marito che si ubriaca e che mi picchia – aveva detto minacciando il suicidio se rimandata indietro –. E che ha anche relazioni con altre donne. Voglio la separazione e ritornare a scuola”. In molti casi una reazione del genere in India significano botte e stigma sociale. Ma Sushila non ha avuto paura. Con l'appoggio di una organizzazione non governativa che si occupa di diritti infantili, si è rivolta alla polizia e ha chiesto l'intervento dei “saggi” del villaggio, il cosiddetto “panchayat”. Tecnicamente il divorzio non è possibile per legge, visto che l'unione non era legale essendo stato contratta tra minori. Le leggi indiane vietano il matrimonio per le ragazze al di sotto dei 18 anni e per i ragazzi al di sotto dei 21 anni. Ma spesso, soprattutto nel Madhya Pradesh, la legge rimane solo sulla carta. Lo stesso governatore dello Stato, Babulal Gaur, qualche mese fa, aveva ammesso di essere impotente: «È impossibile impedire questo fenomeno. Se neppure il Mahatma Gandhi era riuscito a sradicare l'alcolismo e la segregazione degli Intoccabili, come posso riuscirci io?».


Ma la forza dei media indiani ha fatto il miracolo. Dopo due settimane di tiramolla, il consiglio dei “saggi” del villaggio, alla presenza dei due coniugi e delle loro famiglie, ha sciolto il vincolo matrimoniale. E in un documento firmato dalle due parti in causa ha anche ordinato allo sposo di restituire la dote ai genitori di Sushila: gioielli, contante, una bicicletta, una batteria di pentole da cucina, una coperta matrimoniale e un ventilatore. E così Sushila si è presentata puntuale all'apertura del nuovo anno scolastico.


http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=10536&START=1661&XPREC=0


 



Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: Volti femminili dell'islamUna vuota libertà - dopo la caduta di Saddam la popolazione femminile ha dovuto fronteggiare nuove avversità e un aumento della violenzaLa sposa bambina ottiene il divorzio e torna a scuola. Da New Delhi Maria Grazia CoggiolaLa condizione della donna Sahraui - Tesi di laurea ROSSELLA MELOTTII PROBLEMI CHE PONE L´EPOCA DEL MULTICULTURALISMO - Come accogliere le differenze - Luce IrigarayWeltliebe: amore del mondo <b><i>Perchè non si tratta solo di riconoscere di essere nati da una madre, ma di saperla amare</b></i> Chiara Zamboni a proposito di un libro di Andrea GünterLa CEDAW - Convenzione per l'eliminazione di tutte le discriminazioni nei confronti delle donne e la  Conferenza di Beijing - Stefania ScarponiL'Africa filmata dalle donne di ELISABETH LEQUERETSul sesso dello Stato - La sfida della politica e della democrazia in Africa 
Fatou Sow (sociologa, Senegal)Le Madri argentine di Plaza de Mayo -<b> Noi pazze, a gridare la verità -</b>  di Daniela PadoanVite vissute/ Vite rappresentate - Donne, migrazioni e tratta fra stereotipi e realtàDenunciò gli stupri di gruppo il Pakistan imbavaglia MukhtarDonne Marocchine in ItaliaLe donne in Tanzania - Doveri senza diritti e sfruttamento: la donna è il capro espiatorio su cui si sfoga la violenza del sistema.Le donne del Mali per un'altra Africa. La Libri di DONNE, Libri di DEELettera a mia figlia che vuole portare il velo - di Leila DjitliTALI FAHIMA - Ventotto anni, sefardita, elettrice del Likud, oggi agli arresti per ''collaborazione con il nemico''. La sua colpa, aver visto in faccia e denunciato gli orrori di Jenin<img 
src=http://wwwimage.cbsnews.com/images/2005/03/11/image679527x.jpg border=0><br>Pakistan : la Corte Suprema ha dato ragione a Mukhtar MaiSfido Mubarak in nome dei diritti umaniDue donne nella nuvola. Tossica. Sopravvissute alla tragedia di Bhopal, sono diventate due vere leader nazionaliIl velo divide le donne musulmaneONU - DICHIARAZIONE DELLA 49a SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLO STATO DELLE DONNE (New York, 5 marzo 2005)CEDAW - Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Contro le Donne - Commenti conclusivi: Italia (28 gennaio 2005)SHADOW REPORT - Rapporto ombra alternativo a quello del governo italiano sulla attuazione della Piattaforma di Pechino in ItaliaNarrare il confine. Intervista alla scrittrice Gabriella Ghermandi di Ubax Cristina Ali FarahLa Marcia Mondiale delle Donne contro le violenze e la povertà: una rete femminista globaleIl concetto di sapere come vera fonte di seduzione della figura femminileChe cosa ha il corpo delle donne da dover essere velato? Laura Pigozzi a proposito di ''L'Harem e l'Occidente'' di Fatema MernissiIslam e donne: TRADIZIONE O REPRESSIONE? di Giuliana Sgrena1995 - P e c h i n o  - La dichiarazione conclusiva della quarta Conferenza mondiale sulle donne.Piattaforma d'azione di Pechino, 1995: tutti i materiali in italianoL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana Sgrena -  ''I confini della scrittura? La bellezza della testimonianza, quando si allea con la sincerità, trasporta l’emozione''Le donne del Corso di preparazione alla nascita organizzato dal Centro di aiuto e ascolto delle donne e dei bambini immigrati all’ospedale San Paolo di MilanoI percorsi professionali delle immigrateSocietà Italiana delle Storiche - Scuola estiva: Empowerment, diritti e culture delle donne a dieci anni dalla conferenza mondiale di PechinoPunjab. Stupratori assolti, proteste in PakistanBalcani: la tratta delle donne - Trafficking: l'industria del sesso in KosovoDalla plaza de Mayo per un paese diversoEroiche vittime - Le donne colpite dallo tsunami discriminate negli aiuti. Ma anche motore della ricostruzioneCARTA MONDIALE DELLE DONNE PER L’UMANITA’Agente di prossimità: un nuovo profilo di impiego per le donne''Al primo posto la società civile'' - Intervista alla scrittrice Nawal Saadawi  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati